thasup

Carattere speciale

2022 (Arista/Columbia) | pop, trap

Lo stile di Davide Mattei, alias Tha Supreme o thasup, è un gusto acquisito, soprattutto per chi non si possa dire neanche alla lontana un coetaneo del rapper e produttore ventunenne. I motivi sono molteplici, a partire dai temi: sin dai primi singoli, i testi parlano agli adolescenti, tra problemi di cuore, canne con i bro e via discorrendo. Anche il sound non è proprio tagliato per chi è "nel mezzo del cammin" o un po' più in là: un frullato di pop-rap-trap che suona per i più grandicelli come un giro di giostra tra beat energici e autotune a profusione, dominato dalle svirgolate canore del titolare. Non ultima, la frenetica fusione di musica e testi, unita all'uso di uno slang spinto al limite di un microlinguaggio personale, fa di thasup qualcosa che si può usare per divertirsi più che analizzare alla ricerca di un messaggio.

In questo "Carattere speciale" (stilizzato "c@ra++ere s?ec!@le", ovviamente) le produzioni sono eterogenee e s'impegnano a tenere sempre alta l'attenzione, rappresentando la vera forza dell'album, come fu per l'esordio. Uno stile che unisce gioiosamente digitale e analogico, inserendo molti strumenti tradizionali (la chitarra elettrica di "Mar+e", il basso funk e i fiati di "Okk@pp@", l'acustica di "come t! vorre!" ecc.) tra beat e synth, adattandosi agilmente ai numerosi ospiti: cuce una malinconia ottantiana intorno al Coez di "!ly", scegliendo un ritmo più arioso per far respirare il duetto con la sorella Mara Sattei in "l%p" e soprattutto trasforma Tiziano Ferro in un vocalist del ghetto in "r()t()nda".
Un producer che mette in fila Tananai e i Pinguini Tattici Nucleari in due brani consecutivi, poi dopo ospita l'idolo dei giovanissimi Rondodasosa, è quantomeno eclettico, anche se per fare la hit servono Lazza e Sfera Ebbasta in "s!r!".

Di thasup si apprezza soprattutto la travolgente energia che strapazza le parole e affolla gli arrangiamenti come nell'esuberante musica da giostra di "_bilico_", con un'overdose del suo strano modo d'intendere il ritmo, mentre i momenti hardcore-hip-hop suonano sottotono e formulaici ("cas!no nella m!a testa", "c!iao") e i frangenti introspettivi sono lamentosi ("molecole", "mi @ami o è f@ke") con l'eccezione della già conosciuta "m%n", tenuta a galla dal lavorìo maniacale sulla voce.

Da questo ottovolante di venti brani per 55 minuti si esce storditi, con l'impressione che all'album dei featuring e delle hit si sovrapponga un progetto più personale, senza trovare una vera quadratura. L'esagerata presenza della particolare vocalità di thasup adombra il fascino delle sue stesse produzioni e il continuo alternarsi di stili e mood non aiuta la digestione.
Ci sarà anche da far qualcosa per i testi, prima o poi, perché per versi come "Siamo fatti per stare bene, non per pensare al cash/ O ad altre cazzate che non mi vengono in mente" la giovane età non basterà sempre come giustificazione. Resta tuttavia un fatto, chiaro anche a chi l'adolescenza la vede ormai dal binocolo: nessuno in Italia suona come lui.

(07/10/2022)

  • Tracklist
  1. Mar+e
  2. Okk@pp@
  3. !ly (feat. Coez)
  4. L%p (feat. Mara Sattei)
  5. _bilico_
  6. R()t()nda (feat. Tiziano Ferro)
  7. Ye@h (feat. Shiva)
  8. Come t! vorre!
  9. Rock & rolla (feat. Rkomi)
  10. Molecole (interlude)
  11. Sci@ll@ (feat. Tananai)
  12. R!va (feat. Pinguini Tattici Nucleari)
  13. Mi @mi o è f@ke
  14. S!r! (feat. Lazza, Sfera Ebbasta)
  15. B@by nel bed
  16. Cas!no nella m!a testa (feat. Salmo)
  17. W()ah
  18. C!ao (feat. Rondodasosa)
  19. + bla se c'è bling
  20. M%n


Tha Supreme su OndaRock
Recensioni

THA SUPREME

23 6451

(2019 - Sony)
Classe 2001, Davide Mattei è il più promettente talento del nuovo rap italiano

thasup sul web