Amaarae

Fountain Baby

2023 (Golden Angel LLC/Interscope)
alté

Nel calderone della progressiva internazionalizzazione dei ritmi e colori provenienti dal continente africano, la ventinovenne Ama Serwah Genfi è assurta a ruolo d’inedita cantautrice, conquistandosi nel processo un’affiatata fetta di pubblico. Nata nel Bronx, New York, da genitori del Ghana, nazione con la quale mantiene forti legami, Amaarae è l’attuale esponente “indie” di una miscela sonora che, in Africa occidentale, chiamano alté: una fusione tra afrobeat, dancehall, reggae, hip-hop e r&b alternativo. Nonostante si muova sul suolo americano con tanto di supporto dell’ingranaggio Interscope, infatti, la musica di Amaarae presenta un afflato cross-continentale che l’accomuna più a Burna Boy, Asake, Tems e Rema che non alla controparte statunitense – pur con tutti i distinguo del caso. La sua firma è certo particolare, per quanto idiosincratica: ottima selezione ritmica, suoni digitali e un massiccio impiego di filtri, che permutano la sua già di per sé sottilissima voce verso un infantile sibilo incorporeo (peraltro alquanto scarso dal vivo).
A far la differenza sono i testi e l’attitudine, che rispecchiano una contemporaneità ansiogena e deprivata d’intimità ma desiderosa d’evasione a ogni costo, che sia via droga, sesso o falsità. Questa è l’era di OnlyFans, dello streaming e della monetizzazione di qualsiasi contenuto disponibile per far fronte all’inflazione – non dimentichiamo che il pezzo di Amaarae al momento più noto è la versione remix di un singolo in coppia con Moliy e Kali Uchis dal titolo inequivocabile: “SAD GIRLZ LUV MONEY”. In linea con tali sentimenti, “Fountain Baby” parla un linguaggio urgente e contemporaneo, per quanto più deprimente di quanto qualsiasi darkettone abbia mai osato.

Certo, qui dentro troviamo comunque alcune tra le basi più accattivanti sulla piazza; dall’ansimante intruglio tra spiritualità e consumismo di “Angels In Tibet”, passando per i falsi prodotti di lusso di “Counterfeit” e l’irresistibile harp-beat della complicata relazione di “Co-Star”, si ha l’impressione di osservare in controluce un negativo delle intricate produzioni di Erika De Casier. Ma è la stessa Amaarae a rifuggere ogni licenza poetica e farsi sindone per il proprio popolo, prima con “Princess Going Digital”, quasi un aggiornamento del vecchio verbo di Timbaland, e poi nella bucolica lounge falsamente romantica di “Big Steppa”.
Con l’orecchiabile refrain di “Reckless & Sweet” siamo nel cuore dell’ascolto, dove amore e attenzioni durano fin tanto che ci sono i soldi, ma risulta scabroso anche l’annebbiamento lisergico di “Wasted Eyes”. E tacciamo di “Sociopathic Dance Queen”, che inscena un flirt un po’ troppo spinto per consumarsi nel mezzo di una pista alt-disco come ritmo suggerirebbe, ma è proprio questa disperata ricerca di contatto umano a fare di Amaarae un’autrice efficace, capace di comunicare con una schiettezza che si fa beffe degli stilemi tipici del cantautorato “impegnato”. E se ancora ci fossero dubbi, ecco la suite “Sex, Violence, Suicide”, divisa tra una prima parte beatless di arpa e filtri digitali, e una seconda movimentata da una sorda sfuriata punk-pop. La voce ancora non buca, eppure il pezzo pesa nello stomaco come una tonnellata di cemento indurito.

Ci sono quindi strane qualità contemporanee che spiegano l’interesse attorno a questo “Fountain Baby”, per quanto l’ascolto possa risultare sfiancante, un gioco di specchi pericolosamente sottile nel quale si fa in un attimo a perdere il filo della matassa e a trovarsi diretti in terapia. Tra mercificazione del corpo, ansia esistenziale, spersonalizzazione emotiva e seghettati beat digitali, Amaarae presenta uno spaccato alienante e deprimente, accarezzato ai bordi da mani di seta che non trasmettono alcun calore. Il finalone alt-rock anni Novanta di “Come Home To God” conclude il disco con un tonfo sordo di confusione emotiva, scabrosa pole dance e sessualità che non riesce a farsi collante abbastanza per tenere assieme il tutto - prendere o lasciare, insomma, Amaarae non è certo qui per offrire conforto:

Shawty says she love me like she love the Lord
When I’m in that pussy, I’m above the law
If I had the world, I still would end it all

03/12/2023

Tracklist

  1. All My Love
  2. Angels In Tibet
  3. Co-Star
  4. Princess Gone Digital
  5. Big Steppa
  6. Restless & Sweet
  7. Wasted Eyes
  8. Counterfeit
  9. Disguise
  10. Sex, Violence, Suicide
  11. Sociopathic Dance Queen
  12. Aquamarine Luvs Ecstasy
  13. Water From Wine
  14. Come Here To God




Amaarae sul web