Sufjan Stevens

Reflections

2023 (Asthmatic Kitty)
modern classical
5.5

Talento ed eclettismo sono punti fermi indiscutibili del percorso musicale, a dir poco pirotecnico, di Sufjan Stevens. Songwriter eccellente, capace di muoversi tra il folk più essenziale e un suono orchestrale dirompente, ha più volte dimostrato – con risultati alterni - di voler perseguire rotte anomale, distanti da quella che in modo unanime è considerata la sua dimensione più congeniale. Tra le vie battute, c’è quella di autore per la danza, attività che lo ha visto affiancato più volte al regista e coreografo teatrale Justin Peck, e “Reflections”, commissionato ed eseguito dallo Houston Ballet nel 2019, è il risultato della loro sesta collaborazione.

Come già avvenuto per “The Decalogue” – spettacolo risalente al 2017 le cui musiche sono state pubblicate come opera autonoma nel 2019 - il lavoro è interamente incentrato sul pianoforte e vede Stevens in veste di solo compositore. La novità principale consiste nell’essere la sua prima partitura per due strumenti, affidata alle virtuose interpretazioni di Timo Andres (coinvolto precedentemente proprio per “The Decalogue”) e Conor Hanick. Come dichiarato dallo stesso artista di Detroit, le composizioni risentono dell’influenza di autori e stili eterogenei, elaborata in modo istintivo, senza una reale visione d’insieme, e questo approccio è chiaramente rilevabile ascoltando la sequenza delle sette tracce proposte.

Classicismo e correnti d’avanguardia novecentesca si intersecano in una sorta di patchwork pianistico fondato, soprattutto nella prima parte del lavoro, su fraseggi torrenziali e contrappunti vivaci, percussività e sezioni dissonanti che mettono in risalto le abilità dei due esecutori. C’è una costante ricerca di tensione, di inseguire un climax poi spesso disatteso, uno sviluppo che appare poco chiaro e convincente.
A funzionare meglio sono le composizioni dall’andamento maggiormente disteso, in cui l’interplay perde frenesia e contrasto, favorendo l’emergere di un malinconico romanticismo. “Mnemosyne” e la breve “Reflexion” sono in tal senso i momenti migliori di un disco, che estrapolato dal suo contesto, non si segnala quale tassello fondamentale di una carriera certamente brillante, ma segnata a tratti da momenti minori se non trascurabili.

20/07/2023

Tracklist

  1. Ekstasis
  2. Revanche
  3. Euphoros
  4. Mnemosyne
  5. Rodinia
  6. Reflexion
  7. And I Shall Come To You Like A Stormtrooper In Drag Serving Imperial Realness


Sufjan Stevens sul web

Tutte le recensioni su OndaRock
SUFJAN STEVENS
Javelin

La mistica della fragilità nell'atteso ritorno alla dimensione intimista di "Carrie & Lowell"

SUFJAN STEVENS & ANGELO DE AUGUSTINE
A Beginner's Mind

Filosofie orientali e cinematografia americana a supporto delle nuove creazioni di due protagonisti della scena alt-folk contemporanea

SUFJAN STEVENS & LOWELL BRAMS
Aporia

La collaborazione in salsa new age tra l'osannato cantautore americano e il patrigno Lowell Brams

SUFJAN STEVENS
The Ascension

L'elettronica solipsistica del cantautore di Detroit in cerca di una comunione universale pop

SUFJAN STEVENS, NICO MUHLY, BRYCE DESSNER, JAMES MCALISTER
Planetarium

Un supergruppo per un atteso concept-album spaziale, tra elettronica e sinfonie orchestrali

SUFJAN STEVENS
Carrie & Lowell

Le confessioni di Sufjan, o della purezza di un cantastorie ritrovato

SUFJAN STEVENS
Silver & Gold: Songs For Christmas, Vols. 6-10

Un sontuoso regalo di canzoni natalizie per uno dei cantautori pił geniali del decennio

SUFJAN STEVENS
All Delighted People Ep

A poche settimane dall'atteso seguito di "Illinois", Sufjan Stevens sorprende con un'ora di musica in formato digitale

SUFJAN STEVENS
The Age Of Adz

Dopo cinque anni di attesa, l'eclettico cantore dell'"Illinois" rideclina il pop orchestrale con un album spiazzante e schizofrenico

SUFJAN STEVENS
The BQE

Una colonna sonora su commissione amplifica la vocazione orchestrale di Stevens

SUFJAN STEVENS
The Avalanche

SUFJAN STEVENS
Songs For Christmas

La maxi-strenna a tema del cantore dell'Illinois

SUFJAN STEVENS
Illinois

SUFJAN STEVENS
Illinois

Funambolico e onnicomprensivo atto di fede, il secondo Stato di Stevens è uno dei più grandi esempi di liberazione creativa del cantautorato contemporaneo ..