Time New Viking

Dig Yourself

2005 (Siltbreeze) | alt-rock

Maledetti tutti quelli che predicano la morte del rock! Maledetti, tutte le volte che questi trenta minuti di musica incendiaria si diffonderanno nell'aria. Una volta per tutte, lunga vita al rock! E guarda caso, i Times New Viking sono un trio basso-chitarra-batteria. Oh, mio Dio! L'abc. Il rock, il disordine, la distruzione, la giovinezza, l'oltraggio. Da Columbus, Ohio, i Times New Viking, come una luce radiosa in questo ultimo scorcio di 2005.

"Dig Yourself" assembla pezzi provenienti da diverse cassette, andando a costituire, quindi, il primo disco ufficiale della band. Una deflagrazione goduriosa di noise sbandato, claustrofobico e metallico, ma con un'attitudine pop da leccarsi le dita. Un gran bel sentire, a cominciare dalle distorsioni febbrili di "Lion And Oil". Canzoni come killer in agguato dietro l'angolo. Baccanali garage-noise-wave, tra Chrome e "Sister Ray", con coda devastata "kick out the jams, motherfuckers!" ("The Statue Pt. II"). Disordine come luogo simbolico di dislocazione. Tonitruante e sballata: musica malsana e registrata anche peggio. Ma così adorabilmente-schifosamente orecchiabile nella sua trasandata acidità fiammeggiante ("Skull Versus Wizard").

Hanno ragione! Il loro sound è la rappresentazione perfetta di un "nichilismo romantico". Foga, disperazione e ardore bohémienne . Cuore e viscere. Non l'uno senza l'altro. Anche quando i Royal Trux fanno capolino nella dislessia skronk di "The Statue Pt. I". In "Not High", invece, ci sorprendiamo inebetiti a far da coro dentro un girotondo lo-fi pop. Che fantastici mattacchioni! Esaltati e storditi. I Dinosaur Jr. in sorpasso, capelli al vento.

Canzoni che fanno venire voglia di fuggire via. In nessun luogo. Ma via ("We Got Rocket"). Melodismo fedeltà zero, istinto e raziocinio ("Natural Resources, I Love Mine"). Ritornelli sublimi che sbocciano come fiori dentro recinti radioattivi ("Dance Walhalla"). Liriche come sciroppo per punkettoni-idealisti. Sognatori non si nasce, si diventa a calci in culo. Così che scarnificazioni folk-rock come quella di "Indian Winter" sfiorino il cuore con tocco disumano perché indecifrabile.

Ma che ci fanno gli Stones nel primitivismo baldanzoso di "Fashion To Talk About The Moon"? Lo sapevo! Jagger & co. non possono essere quelle mummie drogate che ancora girano il globo. Il loro spirito è altrove, per fortuna. E per fortuna, i Times New Viking scorrazzano liberamente, senza paura di reiterare un Verbo psicotico, apocalittico e solenne ("Fuck Books"). Siate loro riconoscenti, maledetti!
  • Tracklist
  1. Lion And Oil
  2. The Statue Pt. II
  3. Skull Versus Wizard
  4. The Statue Pt. 1
  5. Not High
  6. We Got Rocket
  7. Natural Resources, I Love Mine
  8. Dance Walhalla
  9. Indian Winter
  10. Fashion To Talk About The Moon
  11. Fuck books
Time New Viking on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.