Eildentroeilfuorieilbox84

Ananab

2000 (Autoproduzione) | guazzabuglio-core

Bontà loro, detto che Eildentroeilfuorieilbox84 è uno dei nomi più assurdi mi sia capitato di sentire da anni a questa parte, è incoraggiante constatare che la musica contenuta in “Ananab” ne rispecchia in pieno la stranezza, o forse il grado di follia. Giorgio Rampone (chitarra, voce,), Giuseppe “Gioi” Malucci (basso, voce), Lorenzo Lemme (batteria, voce), Alessandro Ciccarelli (fiati) e Cristina Spanò che dovrebbe aver curato il concepì grafico) operano in quel di Roma e sparano via un'amatriciana-core dal retrogusto mathematico che è tutto un programma di oblique visioni ipervitaminizzate.

Come per gli X-Mary e altri sballati dell’underground nostrano, gli Eildentroeilfuorieilbox84 sono in grado di rendere coerenti soluzioni arty dal taglio intellettualoide e un approccio case(peco)reccio che va a parare dalle parti della tradizione canzonettara italiana più irregolare. Quindi non deve meravigliare più di tanto se all’adorabile insensatezza dei testi e alla sensazione di svacco coatto che si respira per l’intera durata del disco, si affiancano strutture armoniche complesse e mutevoli, figlie evidentemente di una ricerca sul suono piuttosto accurata. Ma i dubbi sulle intenzioni permangono e non mi “fanno dormire”, perché questo guazzabuglio stravagante di arrotamenti post-“ardecore de noantri” raggiunge in alcuni casi (“Dire No”, “Legame Chimico”) vertici di assoluto parossismo spastico, di non-sense cercato e trovato, di abiura della minima moralia del suonare civile.

Allora il cervello è costretto più volte a stopparsi, a chiedersi il perché di quella soluzione. E ti interroghi su quale sarà la mossa successiva, su quale direzione imboccherà il suono. Domande destinate probabilmente a cadere nel vuoto al primo accordo di chitarra del disco prossimo venturo, quando con la benedizione di un John Zorn e la (non) produzione di un Malagnino spiazzeranno anche se stessi.
Comunque sia, in attesa di capire se ci troviamo al cospetto di seri(osi) “sperimentatori” nella scia degli Iceburn Collective o degli Zu, di furbi cerchiobbottisti dall'indole freak o di cialtroni perditempo senza arte né parte - e per quanto i dubbi siano pochi per il sottoscritto (...) - godetevi pure questo seducente melting pot di scazzi metropolitani in salsa math-volemose bene-core.
Per il resto, attendiamo delucidazioni.  

(15/07/2009)

  • Tracklist
  1. Dire: - Noo0oo
  2. Treno
  3. Appunti
  4. Icontro
  5. Piedi
  6. Senza
  7. Rivelarsi
  8. La Rete
  9. pescaNoce
  10. Delle bestie
  11. Legame chimico
  12. Treno
Eildentroeilfuorieilbox84 su OndaRock
Recensioni

EILDENTROEILFUORIEILBOX84

La fine del potere

(2012 - Trovarobato)
Tornano gli Eildentroeilfuorieilbox84 con un disco politico

Eildentroeilfuorieilbox84 on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.