Byetone

Symeta

2011 (raster-noton) | elettronica

Prima la morte del tipografo, ora mr. Olaf Bender torna sul luogo del delitto. E lo fa con occhio diverso, con lo sguardo meno crudo. Con un piglio da master della vivisezione sonora, questa volta decisamente virata all'umanità. Dalla Raster-Noton sono sempre emerse fotografie lucide, chiare e semplici. "Symeta" segna, alla maniera di "Univrs", un next-step. Anche qui, come per la creatura di Alva Noto, ad essere esplorato è un tutto.

Non siamo (solo) nel glitch, non siamo nell'elettronica più fluida, non siamo nemmeno nella techno più serrata. Il limbo è la via, e lì si trova a vivere ed emergere "Symeta". Precisione - è il caso di dirlo - svizzera nel beat che entra, negli sfasamenti sonori, nei piani che si intersecano. Il tutto sotto una luce diversa. Più umana, come si diceva, più colorata e pacata. Non il panzer tagliente che asfaltava strade infinite con parallele e perpendicolari a creare continui angoli a novanta gradi, ma un senso estetico che sublima un mix di linee dritte e curve.
Un'elettronica molto più edulcorata, che dai data passa alle emozioni vissute da chip. Un'elettronica che ne esce umanizzata nella sua dimensione più superficiale e che trova, in maniera concettualmente non diversa dall'esordio di Kuedo, una via esile per risultare catchy.

Parte "Topas" e vi sembrerà di ascoltare "Plastic Star", dal disco precedente, addolcita: intro da abc del glitch, linee di synth in replay che avanzano, Pan Sonic zuccherati che mettono la quarta e il gioco è fatto. Ascolti "T-E-L-E-G-R-A-M-M" e capisci perchè pensi Germania e il pensiero va subito a Dusseldorf: beat imborghesito, Kraftwerk che furono davvero buoni maestri e manopole che girano a creare estasi sintetiche. E se "Neuschenee" è un trait d'union tra l'isolazionismo più glaciale e certi tepori glitch-dub di Loscil o Porn Sword Tobacco, la deliziosa "Opal" è tech-minimalismo grigio da scuola Raster. E laddove "Helix" - sferragliante artiglieria noise in stato di grazia - e "Black Peace" riportano in vita le fabbriche dismesse dei Pan Sonic più arrabbiati e truci, ecco che arriva "Golden Elegy" con la sua purezza dub-noise colorata di venature celesti.

Byetone in quindici anni di carriera ha pubblicato tre album. Il primo nel 2003, il secondo nel 2008 e ora, "Symeta". E con quest'opera si colloca stabilmente nell'Olimpo di chi ha segnato in maniera indelebile gli ultimi tre lustri. "Symeta" è un disco conciso, essenziale, che parla semplice. "Symeta" è simmetria, sintesi e (meta-)strutture. E ci dice che si può essere dolci anche nel grigiore. Perché sono le sfumature a dare vita ai colori.

(01/11/2011)



  • Tracklist
  1. Topas
  2. T-E-L-E-G-R-A-M-M
  3. Neuschenee
  4. Opal
  5. Helix
  6. Black Peace
  7. Golden Elegy
Byetone on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.