The Body

I Shall Die Here

2014 (Rvng Intl.) | experimental sludge-doom metal

Per “I Shall Die Here”, Lee Buford e Chip King hanno pensato bene di stuzzicare l’appetito di Bobby Krilic, meglio conosciuto con il moniker The Haxan Cloak. Un matrimonio che non dovrebbe suscitare scalpore, vista la qualità orrorifica e deviata delle loro rispettive opere. La produzione e le ragnatele elettroniche del musicista inglese sono proprio quello che ci voleva per rigenerare lo sludge-doom intimidatorio del duo americano, innalzandolo verso nuove e più affascinanti dimensioni sonore. Non ascolterete, quindi, soltanto l’arcigno dipanarsi di un materiale corrosivo in cui il rumore e l’heavyness delle loro influenze si trasformano in tragici scenari di morte, perché questi sei nuovi brani vogliono innanzitutto mettere mano ad una “minimalist evocation of the afterlife”.

“To Carry the Seeds Of Death Within Me” apre, dunque, tra sirene-urla che inquinano lo sfondo, saturandolo con un mantra oppressivo imbastito dal basso e dalla batteria, un mantra che lentamente si sfilaccia, lasciando spazio a una voragine di dolore viscido che ribolle malefica e misteriosa come una nebulosa cosmica a zonzo tra gli asteroidi. I lenti kammerspiel horror-core di “Alone All The Way” e di “The Night Knows No Dawn” (il primo proteso verso la sublimazione di un ritualismo tribaloide, infilzato da schiamazzi stregoneschi, il secondo scosso dalle distorsioni telluriche del basso in un clima di tragedia imminente) appaiono, invece, come le cartoline più lampanti dell’avvenuta fusione tra le due anime.
Ma l’orrore diventa forse ancore più insidioso quando le macchine e i pulsanti di Krilic lo costringono a stemperarsi in un microcosmo di battiti magnetici, pulsazioni androidi e schianti digitali (“Hail to Thee, Everlasting Pain”) o, ancora, quando lo proiettano sulle pareti di un universo parallelo in cui lo sludge-doom è suonato da replicanti innamorati dei Nine Inch Nails e della techno (“Our Souls Were Clean”).

In coda, niente di meglio che “Darkness Surrounds Us”, che ascende da un vuoto enigmatico (solcato, tra le altre cose, da violini sbilenchi) verso una vigorosa apoteosi, sigillando quello che è, per il momento, il miglior lavoro dei The Body.

(22/12/2014)

  • Tracklist
  1. To Carry the Seeds of Death Within Me
  2. Alone All the Way
  3. The Night Knows No Dawn
  4. Hail to Thee, Everlasting Pain
  5. Our Souls Were Clean
  6. Darkness Surrounds Us
The Body su OndaRock
Recensioni

THE BODY

Christs, Redeemers

(2013 - Thrill Jockey)
Il duo di Portland, composto da Chip King e Lee Buford, non smette di sconvolgere tra sludge e doom

THE BODY

All The Waters Of The Earth Turn To Blood

(2010 - At A Loss)
Tensioni imponenti e imperativi sperimentali nel secondo lavoro del duo americano

The Body on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.