James Ginzburg

Six Correlations

2018 (Subtext) | elettronica sperimentale, drone

Dopo un anno intenso e significativo come lo scorso, è comprensibile che nel 2018 il catalogo Subtext abbia un attimo rallentato la corsa, ospitando soltanto il breve esordio del moniker Xin e questo nuovo (e primo vero) progetto solista di James Ginzburg, co-fondatore dell’etichetta e metà degli Emptyset, dal cui Ep di un anno fa (“Skin”) sembra prendere le mosse e svilupparsi il presente album.
“Six Correlations” non soltanto ha un legame particolare con le origini scozzesi della famiglia di Ginzburg, ma nelle intenzioni dell’artista diviene concettualmente “una risposta alla scomparsa della natura come della cultura non-digitale”, nel tentativo di ripensare “un rapporto armonioso tra organico e tecnologico”.

Dopo il lungo ingresso su una sola nota, distesa orizzontale dominata – come anche in seguito – dalle scie ruvide e pervasive del Roland SH-101, al tappeto sonoro si intersecano le ritmiche profonde dello shruti indiano, simili a quelle del percussionista turco Cevdet Erek (“If To Pause”, “A Patterned, Returned”), commistione che richiama distintamente l’esordio dei Fuck Buttons.
Ai solenni rintocchi del pianoforte si sommano poi voci da ritualismo tribale (“Of Glass Reversal”, “– Reflects”), elementi di uno scenario multietnico possente ma anche vagamente malinconico, aggregatore di voci e suoni perduti nel tempo. Il finale si ricongiunge al principio con un drone continuo e un refrain elettronico che evoca proprio l’imponente soffio delle cornamuse, rimarcando l’ispirazione alla tradizione gaelica del progetto.

Ginzburg esibisce una visione coerente in egual misura come musicista e curatore, evolvendo i rigidi presupposti concettuali e l’estetica della ripetizione differente a marchio Emptyset in una entità sonora che, come tanti altri album della label inglese, sembra avere un proprio “respiro” interiore, un cuore pulsante che tanta elettronica contemporanea sembra invece aver perso per strada.

(07/11/2018)

  • Tracklist
  1. Light, Timed - A River
  2. Of Glass Reversal
  3. If To Pause
  4. A Pattern, Returned
  5. - Reflects
  6. Above Water, Inside


James Ginzburg on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.