Vainio & Vigroux

Ignis

2018 (Cosmo Rhythmatic) | elettronica sperimentale

Nel mondo della musica sperimentale non di rado capita di lasciare indietro materiali che non è dato sapere se e quando vedranno la luce in pubblicazioni ufficiali – anche a motivo dei processi di mastering e di stampa non sempre immediati. Nel caso di Mika Vainio e Franck Vigroux si parla di sessioni in duo, sia dal vivo che nello studio di quest’ultimo, registrate tra il 2012 e il 2014: parte di questo corpus era già stato edito tre anni fa con l’album “Peau Froide, Léger Soleil” (2015); oggi, a un anno abbondante dalla prematura scomparsa di Vainio, l’Ep “Ignis” ci offre un ulteriore punto di vista sul fruttuoso incontro tra due delle più prolifiche figure della scena elettronica europea.

L'impressione è che questa volta il focus sia lievemente più sbilanciato verso l'apporto del sound artist francese, almeno a giudicare da certe risorgenze nostalgiche dall'universo sintetico della Berlin School (“Brume”, “Luceat lux”), benché aperto a dissonanze che arrivano a solcare Ligeti e Messiaen (“Ne te retourne pas”), e da vocoder disumanizzanti che risuonano tra le fredde pareti di un tunnel nucleare (“Un peu après le soleil”).
Se escludiamo gli sfoci in aspri territori noise senza forma (“Feux”) e una tempesta di saette e bassi martellanti come all'apice di un climax Pan Sonic (“Luxure”), l’impronta dominante di Vainio rimane quella di una punteggiatura ritmica precisa e anti-emotiva, talvolta così radicalmente minimale da depositarsi sullo sfondo come pulviscolo.

La discontinuità delle tracce riunite entro “Ignis” ne riconferma il carattere episodico ed effimero: sono appunti sparsi di un dialogo che sembra poter assumere innumerevoli forme possibili, e proprio per questo non risulta facilmente catalogabile in pubblicazioni del tutto coesive e coerenti. Sta di fatto che l’eredità lasciata da Vainio, anche nelle numerose collaborazioni coltivate sin da inizio millennio, pare riservi ancora molte inedite declinazioni – e trattandosi di un maestro del settore è meglio non rischiare di perderle.

(13/07/2018)

  • Tracklist
  1. Brume
  2. Luxure
  3. Luceat lux
  4. Ne te retourne pas
  5. Un peu après le soleil
  6. Feux
Vainio & Vigroux su OndaRock
Recensioni

VAINIO & VIGROUX

Peau Froide, Léger Soleil

(2015 - Cosmo Rhythmatic)
Le varie gradazioni della tensione digitale nell'ultimo binomio post-Pan Sonic

Vainio & Vigroux on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.