Sandro Mussida

EEEOOOSSS

2019 (Soave) | contemporanea, drone

Un carattere di imperturbabile fissità sembra accomunare le opere del compositore e violoncellista Sandro Mussida, talento rivelatosi due anni fa con “Ventuno costellazioni invisibili”, sorta di “installazione da camera” sospesa in un limbo cosmico tra l’essere-tempo di Feldman e l’alea cinetica delle sculture di Calder.
Edito nella serie Grandangolo° dell’etichetta d’area sperimentale Soave, l’Lp in edizione limitata “EEEOOOSSS” ne echeggia il fascino cristallino con un trittico di meditazioni per chitarra elettrica (la fidata Alessandra Novaga), clarinetto basso (Edgardo Barlassina) e violoncello (Mussida).

Ogni strumento è accordato secondo un differente sistema: il primo sul circolo delle dodici quinte, il secondo nel modo ipodorico dell’antica Grecia, il terzo nell’intonazione naturale. Questa progettazione, tuttavia, non è volta a creare netti contrasti fra gli elementi e, anzi, ha lo scopo di accentuarne le originarie proprietà timbriche.
Compare d’un tratto, in forma di rintocchi, il primo piano acustico di “EEE”, di fatto un prologo la cui nitidezza iniziale scivola gradualmente nel dedalo di risonanze dello spazio sacro, che in seguito si rivela infatti come autentico protagonista e “artefice” dell’ipnotica (e)stasi drone dispiegata nei due brani seguenti.
Sulla linea orizzontale che dalla navata centrale giunge al coro le frequenze mutano d’aspetto, si amplificano e scompaiono l’una nell’altra, similmente alle impalpabili sfumature cromatiche di un’aurora perfetta, inviolata dal tumulto della civiltà.

Registrato la notte del 12 agosto 2018 nella chiesa di San Giusto a Volterra, “EEEOOOSSS” è un altro significativo saggio di contemplazione sonora che pone Mussida in dialogo diretto con le avanguardie post-cageane internazionali, pur conservando la corposa tonalità della matrice minimalista che fu del nostrano Giusto Pio (non a caso “Motore Immobile” è stato ristampato dalla stessa Soave). Una visione limpida della quale non si avrebbe mai abbastanza.

(29/05/2019)

  • Tracklist
  1. EEE
  2. OOO
  3. SSS
Sandro Mussida su OndaRock
Recensioni

SANDRO MUSSIDA

Ventuno costellazioni invisibili

(2017 - Metrica)
Le fragili armonie del compositore figlio d'arte, nel solco del minimalismo italiano

Sandro Mussida on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.