Pajo

1968

2006 (Drag City) | songwriter

Sempre più cantautore, nel senso classico del termine, il David Pajo di questo suo secondo lavoro solista ci presenta dieci canzoni dall'anima ombrosa e malinconica, che nulla aggiungono alla carriera del nostro in termini di qualità e creatività, ma che, pur sempre, rappresentano un buon biglietto da visita per quanti non avessero mai sentito parlare dell'ex-Slint. Per tutti gli altri, solo un lavoro ben suonato e con qualche bel colpo di classe. Un pò poco, diciamoci la verità, in periodi come questi dove la norma è ormai l'essere appena sufficienti o, quantomeno, "da non buttare". Ad ogni modo, "1968" è un disco piacevolissimo, attraversato da qualche folata di candore e ottimismo, lì dove di solito s'addensano solo nubi minacciose. Dopotutto, i fantasmi di Nick Drake o di Elliott Smith c'avranno anche il loro peso e non basta andare troppo oltre per accorgersene.

"Who's That Knocking" ha, infatti, da subito diradato ogni possibilità di dubbio col suo incedere sornione, ma sordido. Ma è pur vero, lo ripetiamo, che di volta in volta il Nostro sa accendersi anche di meraviglie psichedeliche che sanno tanto di Byrds a braccetto con Simon & Garfunkel ("Foolish King"); oppure, ed è il caso di "We Get Along, Mostly", riuscire a bearsi, placido e disinteressato, di numeri popedelici. Va, insomma, considerato per questo suo altalenante miscuglio di luce e ombra, "1968". Un miscuglio dove il blues è mimesi (via Neil Young) di un'anima non tormentata, ma disincantata e pronta ad accettare un mondo disposto a tutto ("Prescription Blues"). E in questo gioco di abbandono e rassegnazione, uno strumentale al limite della veglia come quello di "Insomnia Song" assume, grazie anche alla sua posizione mediana, tutte le caratteristiche di un precoce resoconto nel resoconto, capace di dar conto di una sorta di estatico quanto sommesso descrittivismo introspettivo, che non sempre riesce, però, a toccare le corde giusto o a raggiungere un'adeguata "rappresentazione" ("Cyclone Eye").

Man mano, allora, le canzoni si fanno più "intimiste", tra il saliscendi in punta di piedi di "Walk Through The Dark", gli scarni contorni/confini di "I've Just Restored My Will To Live Again" o il giochino acustico/glitchy di "Wrong Turn". Numeri di cui, probabilmente, si può fare a meno, anche se lavorati con quel piglio e con quella dedizione tale da far meritare loro almeno il nostro rispetto. E' che, in verità, preferiamo accontentarci del Pajo più rilassato e disincantato, come quello, ancora una volta redivivo, della ariosa cover di "Let It Be Me" (Everly Brothers). Per il resto, lo aspettiamo al varco, convinti che questo sia nient'altro che il solito "disco di transizione".

(22/09/2006)

  • Tracklist
  1. Who's That Knocking
  2. Foolish King
  3. We Get Along, Mostly
  4. Prescription wrong
  5. Insomnia Song
  6. Wrong Turn
  7. Cyclone Eye
  8. Walk Through The Dark
  9. Let It Be Me
  10. I've Just Restored My Will To Live Again
Pajo on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.