Caribou

Andorra

2007 (Merge) | psych-pop

Dan Snaith aveva dovuto cambiare moniker. Di Manitoba ce n'era già uno e lo sappiamo che, in musica, sui copyright sconti non ce ne sono. E pazienza, finché il buon canadese pubblica dischi come questo. Solo un paio d'anni fa eravamo stati abbagliati da quel gioiello che rispondeva al nome di "The Milk Of Human Kindness". Un disco che faceva occhiolino tanto alla psichedelia quanto all'electro-pop. E l'impressione è che, quando si ha a che fare cion Snaith, nulla sia lasciato al caso. Perché quello di cui ci apprestiamo a parlare, diciamolo subito, è un grande album, curato nei minimi dettagli, vario, colorato, sixties.

Andorra è un paese gioioso, allegro, in movimento. Andorra non conosce tristezze e lutti. E se le atmosfere rispetto al disco precedente non cambiano, perché sempre nell'ambito delle frivolezze siamo, il lato musicale vira verso levanti oldies. E sono i Byrds a tornare alla memoria. Caribou ci prepara la cena, stende delicatamente la tovaglia, pone posate e piatti, la addobba con qualche candela e un piccolo vaso di margherite al centro. Ma in tutto quest'idillio bucolico, Snaith pare voglia scombussolare le coordinate. Perché quello di "Andorra" è un gioco senza regole, una tavola imbandita a puntino destinata, dopo la grande abbuffata, a trasformarsi in campo di battaglia, con briciole e qualche sigaretta qua e là. "Andorra" è un caos ordinato e selezionato.

E allora ci si trova davanti al pop dirompente di "Melody Day", che apre il disco tra sezioni d'archi campionati e tastiere. Ma non parliamo di quel pop intimista o legato ad accenni rockeggianti, ma di note di chiaro stampo Sessanta, una musica immersa in un'attidutidine freaky, in un contorno, ci si passi il termine, "giocattoloso", con tanta voglia di stupire.
Non si vengano a cercare qui azzardi avant, perché quello che qui Caribou teorizza è un ritorno al futuro. Perché laptop e gusto retrò fioriscono in un tripudio di suoni. Perché, allora, non farsi avvolgere dalla melodia in odore di Junior Boys, sì pacchiana ma anche impeccabile nel suo svolgersi (non per nulla qui J. Greespan ci mette lo zampino) di "She's The One", o dall'impeccabile ardore hippy dei cori di "Sandy"?
Quarantatré minuti nei quali si respirano brezze fresche, spensierate, decisamente estive. E di fronte ai tepori electro-pop di "Sundialing", che fanno tornare alla memoria quel gioiello di "Yeti" (contenuto nel precedente disco), o alle tiepide note synth di "Irene" non si può non rimanere abbagliati.

Alla fine, è dura da digerire l'idea che queste nove tracce siano scivolate via così, con tale dolcezza. E non parliamo di fiumi in piena, di armonie tetre o tinte di nero, ma di pop, di ricami dolci e delicati, di capricci musicali tanto leggeri e spensierati quanto diretti ed emozionanti. "Andorra" è un libro da sfogliare. E' tutt'altro che un disco da immersione, perché è acqua, allo stato puro, e, magari, con qualche bollcina.

(15/07/2007)



  • Tracklist
  1. Melody Day
  2. Sandy
  3. After Hours
  4. She's The One
  5. Desiree
  6. Eli
  7. Sundialling
  8. Irene
  9. Niobe
Caribou su OndaRock
Recensioni

CARIBOU

Our Love

(2014 - City Slang)
La nuova ma vecchia incarnazione di Dan Snaith, in un ulteriore revival del revival

CARIBOU

Swim

(2010 - City Slang / Cooperative Music)
La nuova deviazione della poliedrica personalità di Dan Snaith

CARIBOU

Tour Cd 2005

(2005 - Domino)

News
Caribou on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.