Stereolab

Chemical Chords

2008 (4AD) | alt-pop

Due anni dall'ultima uscita discografica originale, la raccolta di Ep "Fab Four Suture", addirittura quattro dall'ultimo album vero e proprio, il mediocre "Margerine Eclipse": anche la ridotta frequenza delle uscite, una volta invece copiosissime, sembra testimoniare la trasformazione – se non un certo inaridimento – dell'ispirazione di una band che in quasi due decenni di attività ha lasciato un'eredità indubbiamente importante, ma che ormai da troppo tempo fatica a svincolarsi dai pur piacevoli cliché dell’epoca d’oro che fu.

Da un lato, sarebbe esagerato pretendere, da una band di ultraquarantenni e dal profilo artistico fortemente definito, la spinta propulsiva presente nelle sue opere giovanili; dall'altro, dolorose traversie umane e la concentrazione di alcuni componenti su altri progetti, hanno via via sbiadito la folgorante verve da modernariato pop degli Stereolab. Sbiadita, sì, ma non svanita del tutto, poiché anche in questo (fin troppo) imponente "Chemical Chords" si colgono ancora sporadici bagliori della classe da sempre profusa in composizioni minimali per tastiere vintage e filastrocche pop costruite intorno a melodie di due note, che tra infantili la-la-la esprimevano una visione del mondo di retro-futurismo apocalittico e anarcoide.

Non a caso, "Chemical Chords" parte proprio dall'immutabile dottrina "not adult oriented" della band, inanellando prima una liquida canzoncina di pop apparentemente noncurante ("there is nothing to be sad about", ripete l'iniziale " Neon Beanbag ") e poi il cantato francese sempre fascinoso della Sadier, corredato in "Three Women" da un impianto strumentale riconducibile al periodo delle collaborazioni con John McEntire. In effetti, tutto l'album si presta a molteplici possibili accostamenti al passato della band, alternando rassicuranti sinfonie minimali, canzoncine circolari, derive interstellari, accenni jazz-lounge e scomposizioni armoniche a base di cuts and blips.
Insomma, un po' "Emperor Tomato Ketchup", un po' "Dots And Loops", un po' "Mars Audiac Quintet": ci si potrebbe divertire a trovare analogie e riferimenti, tutti, ovviamente, interni a una discografia amplissima e a un'impronta sonora perseguita ancora oggi con ostinata coerenza. Peccato però che nel frattempo sia lo spirito ad essere mutato, tanto da far sembrare oggi a tratti stucchevoli e stantie le medesime soluzioni sonore una volta frutto di geniali intuizioni; e ciò non in quanto semplicemente "già sentite", ma poiché solo in rari casi corredate da una scrittura adeguata e capace di risultare efficace, a fronte di un suono e di un immaginario immutati.

Così, dopo una partenza promettente, "Chemical Chords" regala soltanto qua e là qualche sprazzo, disperdendo sulla distanza una freschezza che in brani quali “Valley Hi!”, “Pop Molecule [Molecular Pop 1]” e “Fractal Dream Of A Thing” fa piacere poter ancora riscontrare. Invece, la sovrabbondanza di alcuni brani e una pallida coazione a ripetere lasciano la sensazione di un’inevitabile stanchezza di un approccio che, con la maturità, sembra aver smarrito l'indole divertita e, di conseguenza, genera musica non più molto divertente.
Pur in presenza di tali limiti, sarebbe tuttavia esercizio troppo agevole giudicare "Chemical Chords" con eccessiva severità, rapportandolo al periodo di migliore ispirazione degli Stereolab; più ragionevole invece comprendere la trasformazione, accontentandosi di poter constatare che, da almeno metà album, può evincersi il massimo oggi esigibile dagli Stereolab, ovvero invecchiare con dignità, pur continuando a contemplare se stessi.

(23/08/2008)

  • Tracklist
  1. Neon Beanbag
  2. Three Women
  3. One Finger Symphony
  4. Chemical Chords
  5. The Ecstatic Static
  6. Valley Hi!
  7. Silver Sands
  8. Pop Molecule [Molecular Pop 1]
  9. Self Portrait With “Electric Brain"
  10. Nous Vous Demandons Pardon
  11. Cellulose Sunshine
  12. Fractal Dream Of A Thing
  13. Daisy Click Clack
  14. Vortical Phonothèque
Stereolab su OndaRock
Recensioni

STEREOLAB

Not Music

(2010 - Duophonic / Drag City)
Un opaco arrivederci - o forse un addio - dopo vent'anni di tastiere vintage e filastrocche contagiose ..

STEREOLAB

Fab Four Suture

(2006 - Too Pure)

STEREOLAB

Margerine Eclipse

(2004 - Elektra)

STEREOLAB

Sound-dust

(2001 - Elektra)

STEREOLAB

Transient-Random Noise Bursts With Announcements

(1993 - Elektra)
Il capolavoro della band che nel decennio 90 ha coniato un nuovo stile di "pop retrofuturista"

Speciali



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.