Aloha

Home Acres

2010 (Polyvinyl) | indie, post-

Esiste un territorio, al confine tra indie-rock, alt-pop e qualche ultimo rimasuglio post-, in cui da qualche tempo va definendosi un interessante linguaggio prog. Gli Aloha sono stati fra i primi a inserirvisi, e ad avvicinare all'epica Genesisiana incastri e rintocchi vibrafonici tipici dello stile Tortoise.
"Home Acres" segna un parziale addio alla levigatezza degli ultimi lavori (tra cui il capolavoro "Some Echoes"), e il riavvicinamento alla ruvidità di altre band affini, ad esempio American Football. Gli spigoli sono però ottusi, e calcati in una chiave power-pop scalcagnata e vagamente hard alla ricerca (vana) della capacità ipnotica di Hawkwind, Sabbath - o June of 44, senza andare troppo lontani.
Qualche episodio riuscito c'è: "Searchlight" su tutti, tra pop-punk e tarda West Coast. Il più delle volte, però, pare che nonostante le buone intenzioni alle canzoni manchino idee e melodie.

(03/05/2010)

  • Tracklist
  1. Building a Fire
  2. Moonless March
  3. Microviolence
  4. Searchlight
  5. Everything Goes My Way
  6. White Wind
  7. Cold Storage
  8. Blackout
  9. Waterwheel
  10. I'm in Trouble
  11. Ruins
Aloha on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.