Eleanor Friedberger

Last Summer

2011 (Merge) | songwriter, pop

Con i Fiery Furnaces arenati sia come quantità (il ritmo di un disco all’anno è ormai fermo al 2009), sia come qualità (l’ultimo album in studio è lo scarso “I’m Going Away”), e con la metà cerebrale, Matthew Friedberger, alle prese con dei futili “Solos” autoprodotti, Eleanor Friedberger coglie l’occasione per prendere coraggio e lanciare la propria carriera solista con “Last Summer”.

Sembra a tutti gli effetti un album mancato del gruppo madre, perfettamente canalizzato nella tendenza “normalizzante” dei loro ultimi decorsi e privato delle sperimentazioni più tronfie del fratello. Il singolo “My Mistakes”, un neo-twist, aggiunge appena effetti elettronici simil-marimba, e “I Won’t Fall Apart On You Tonight”, il pezzo con maggior tiro, è un boogie metamorfico e instabile.

Ma la cantante, che ora è maturata e apporta un peso canoro già più consono che in passato, si affaccia anche al mondo delle cantautrici serie, in particolare approcciando la dolce monotonia di Suzanne Vega (“Scenes From Bensonhurst”, “One-Month Marathon”, la più sottotono e con accompagnamento più umile, ma anche la più istintiva) e le novelty decostruite di Joanna Newsom o Amanda Palmer, pur senza le loro escursioni vocali (“Glitter Gold Year”, la sua forma di ballata pop).
Quindi Eleanor si confronta con i generi storici, ampliando di quel tanto il suo vocabolario, come in “Roosevelt Island” (che cita la “Last Train To London” degli Elo), un soft-funk con strofa e ritornello dilatati e declamati nel suo tipico stile verboso, e nei lenti leggiadri di “In Of The Seventh Ray” e “Heaven”.

Che lo si voglia prendere come leggera variazione sul tema, o come decisa conferma di uno stile, il significato stretto della Friedberger del primo disco lungo rimane lo svelamento del vero talento melodico del duo. Quietamente vario, agganciato saldamente alla forma-canzone, gradevole senza troppe sorprese. Cita e rimescola generi e va a gambero nel pop delle ere passate, e la Merge, che di queste cose se n'intende (e ha avuto l’esclusiva al foto-finish sulla Thrill Jockey), gongola.

(18/07/2011)

  • Tracklist
  1. My Mistakes
  2. In Of The Seventh Ray
  3. Heaven
  4. Scenes From Bensonhurst
  5. Roosevelt Island
  6. Glitter Gold Year
  7. One-Month Marathon
  8. I Won’t Fall Apart On You Tonight
  9. Owl’s Head Park
  10. Early Earthquake
Eleanor Friedberger su OndaRock
Recensioni

ELEANOR FRIEDBERGER

Rebound

(2018 - Frenchkiss Records)
La definitiva svolta pop dell'ex-Fiery Furnaces

ELEANOR FRIEDBERGER

New View

(2016 - Frenchkiss)
Terza prova, sempre più cantautoriale e bandistica, per l'ex-Fiery Furnaces

ELEANOR FRIEDBERGER

Personal Record

(2013 - Merge)
Come da titolo, la seconda e più personale prova solista di Miss Fiery Furnaces

Eleanor Friedberger on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.