Owen

Ghost Town

2011 (Polyvinyl) | songwriter

Mago delle tinte pastello, prestigiatore dei sentimenti, illusionista del cuore: non finirebbero mai le qualifiche stregonesche di Mike Kinsella, da anni camuffato sotto il pastrano a nome Owen. Ormai contrassegnato da segni distintivi inequivocabili - i delicati arpeggi di acustica, distesi sulla voce appena increspata di Mike - il cantautore americano ha dalla sua una carriera troppo onorata per abbandonarsi lentamente a una produzione di maniera.
Con questo "Ghost Town", suo sesto disco, Kinsella rinserra le fila del proprio cantautorato, inarcandolo all'insegna di una varietà strumentale di grande estro, di arrangiamenti e composizioni memori del suo passato math (American Football) ed emo (Cap'n Jazz, che si sono riuniti giusto l'anno scorso).

Un disco talmente ricco da esaltare la mano degli ingegneri del suono di Oldham e Iron And Wine, anche se  i nomi citati non potrebbero essere più lontani dalla strada scelta da Kinsella, in questo "Ghost Town" in particolare. Scorci math, appunto, nell'epica - per una canzone di Owen - "No Place Like Home" e nel pop alla Death Cab For Cutie di "Everyone's Asleep In This House But Me", per un disco votato decisamente all'acustico, dopo le escursioni anche elettroniche del precedente "New Leaves".
La più convenzionale, decisamente reminiscente dello struggente "At Home With Owen", è la canzone dedicata alla figlia di Kinsella ("O Evelyn..."), la cui recente nascita è un po' il perno intorno al quale si snodano i temi di questa "città fantasma" di Owen, estendendosi da una trasfigurazione-florilegio della maternità ("Mother's Milk Breath") al rapporto col padre scomparso ("You know I'm still pissed after a life tempestuous/ Unless you can rise from the dead, I'll die like this", canta il Nostro in "No Language").

Fantasmi, presenze la cui esistenza ancora irrisolta aleggia intorno alla vita di Kinsella e che riempiono le pagine dell'album, agitandone le acque in moti inaspettati ma controllati, anche quando tutto sembra stridere in un sussulto che sembra abbracciare vivi e morti (la distorsione dell'assolo finale di "Everyone Is Asleep In This House But Me").
Dentro a questi straripanti sentimenti, a questa sorta di resa dei conti sentimentale, Owen incrocia saldamente su rotte di sogno e improvvisi addensarsi di nubi; di questo carattere ondivago della meteorologia del disco è emblema "I Believe", che parte in forma di mantra e si accende di una tempesta elettrica nel suo bel mezzo.

In "Ghost Town" Mike Kinsella si distanzia insomma dall'immagine di cantautore sensibile e dimesso, che cominciava ormai a "precederlo" in modo preoccupante, soprattutto a seguito dello scorso "New Leaves". Con un balzo di intensità forse inaspettato, il Nostro riesce invece a illuminare una carriera di acuita personalità, che gli prefigura un futuro cantautorale ora assai più promettente.

(10/11/2011)



  • Tracklist
  1. Too Many Moons
  2. No Place Like Home
  3. O, Evelyn...
  4. I Believe
  5. The Armoire
  6. An Animal
  7. No Language
  8. Mother's Milk Breath
  9. Everyone's Asleep In The House But Me
Owen su OndaRock
Recensioni

OWEN

The Avalanche

(2020 - Polyvinyl)
Lo splendido ritorno del progetto cantautoriale di Mike Kinsella degli American Football

OWEN

The King Of Whys

(2016 - Polyvinyl)
Dopo il ritorno degli American Football, torna anche il progetto solista di Mike Kinsella

OWEN

L'ami Du Peuple

(2013 - Polyvinyl)
Mike Kinsella non tradisce le attese ma si avvicina ormai alla produzione seriale

OWEN

New Leaves

(2009 - Polyvinyl)
Nuovi colori e accresciuta varietÓ strumentale nel quinto album di Mike Kinsella

OWEN

At Home With Owen

(2006 - Polyvinyl)

News
Owen on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.