Cold Specks

I Predict A Graceful Expulsion

2012 (Mute / Arts & Crafts) | soul-pop, soul-folk

Sono rimasta davvero colpita dalla potenza emotiva di Cold Specks.
Ha una voce molto personale, senza tempo.

Anna Calvi


Mai come oggi, il testimone della "new sensation" passa di mano anno dopo anno: ogni anno gli scettri dei maggiori premi internazionali disorientano immancabilmente coloro che erano abituati a vedere i dischi di platino fioccare e la stessa manciata di nomi scambiarsi riconoscimenti in un'interminabile staffetta. Nuova predestinata all'effimero successo del terzo millennio è Al Spx, ragazza canadese - ma "cresciuta" musicalmente a Londra negli ultimi anni - ventiquattrenne che si protegge con un doppio pseudonimo, temendo la disapprovazione dei genitori benpensanti.
La Mute, dopo aver ricevuto il suo demo, l'ha affidata a Rob Ellis, già produttore di PJ Harvey e Anna Calvi, che ha dovuto in sostanza insegnarle a scrivere musica e a suonare, dando una parvenza di forma alle sue composizioni. Insomma, dopo il successo di Pearson dell'anno scorso (anche se in quel caso non si trattava proprio di una scoperta, ma di una consacrazione), la prestigiosa etichetta punta tutto su quella che dovrebbe - o vorrebbe - essere la "nuova Adele", con pretese di certo più autoriali (si veda il bel singolo di lancio, "Holland") rispetto alla popstar inglese.

Oltre alla voce, naturalmente essenziale per il genere intrapreso da Al, sono le interpretazioni di quest'ultima a nobilitare "I Predict A Graceful Expulsion", provviste come sono di un'enfasi, un furore giovanile che travalica la notte arrochita di Tom Waits che la musica di Cold Specks potrebbe evocare in prima battuta.
La progressione dei gospel Butler-iani di "Winter Sostice", "Holland" e "Send Your Youth", l'irrequieto spiritual acustico di "Elephant Head" - uno dei pezzi più convincenti - il notturno urbano di "Hector", dai vaghi sentori Interpol, localizzano invece più precisamente le coordinate del disco, se non altro meno impegnato nell'educato revival soul (già in auge dopo le uscite di Kiwanuka e Alabama Shakes) che ci si aspetterebbe da una coi mezzi vocali di Al Spx, se si esclude il pur bell'esercizio, stranamente interrotto, di "When The City Lights Dim".

"Educato" e manierista risulta infine, però, anche questo "I Predict A Graceful Expulsion" che, come dice il titolo, dovrebbe deflagrare impercettibilmente, sulla scorta dell'incedere compassato, giocato su risonanze e sottintesi, delle sue canzoni.
Quando però l'ispirazione non è all'altezza, gli accorgimenti di arrangiamento "esogeni" diventano evidenti (le chiusure "vertiginosamente oscure" di "Heavy Hands" e "Steady"). Ma lo spazio di crescita c'è tutto, come dimostrato da certi brani più minimali come "Lay Me Down" e la già citata "Elephant Head", testimonianza di uno spirito fremente, da non ingabbiare con sovrastrutture d'immagine, a cominciare dai neologismi che circondano ora la sua musica ("doom-soul"?), che andrebbe solo lasciata respirare un po'.

(10/05/2012)



  • Tracklist
  1. The Mark
  2. Heavy Hands
  3. Winter Solstice
  4. When The City Lights Dim
  5. Hector
  6. Holland
  7. Elephant Head
  8. Send Your Youth
  9. Blank Maps
  10. Steady
  11. Lay Me Down
Cold Specks su OndaRock
Recensioni

COLD SPECKS

Neuroplasticity

(2014 - Mute)
Al Spx, in una difficile conferma, punta tutto su suggestione e interpretazione

Cold Specks on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.