Blossoms

Blossoms

2016 (Virgin / Emi) | indie-rock

Presentati con il titolo di next big thing, i Blossoms sono una band di Stockport, cittadina vicina alla gloriosa Manchester. L'indie-pop britannico dell'ultimo paio d'anni non si è distinto per la varietà della proposta, anzi, sembra che molte delle nuove sensazioni siano impostate con il pilota automatico. È chiaro come forse in questo periodo si punti più all'immagine che alla musica: in quest'epoca così digitale anche le emozioni sembrano cristallizzarsi su uno sfondo ingrigito. L'appunto principale da muovere alla patria del pop-rock è che attualmente pare lontana la presenza di una band che sappia rinnovare la tradizione: poche formazioni ultimamente hanno regalato momenti di vera evoluzione, e seppure gli incroci tra i generi rimangano un fatto non saltuario, è raro che si possa gridare al miracolo.
I Blossoms, però, quando riescono a trovare le coordinate giuste, sembrano davvero promettenti. "Blown Rose", ad esempio, coniuga le istanze della new wave con la matrice britpop dei Pulp nelle strofe e dei Suede nel ritornello. Il brano meriterebbe di essere un instant classic del nuovo pop inglese, ma forse è il meno famoso dei loro singoli usciti negli ultimi due anni.

Dopo alcuni interessanti Ep, la band è arrivata a incidere una prima prova più che soddisfacente, grazie soprattutto alla buona capacità compositiva di Tom Ogden che, tuttavia, alterna momenti di grande lucidità ad altri più melensi e scialbi. "My Favourite Room" è in questo senso monotona e quasi primitiva, banale nella sua semplicità fatta di pochi accordi.
"Charlemagne" fa subito intravedere le buone qualità della proposta: il basso pulsante in piena tradizione new romantic è da incorniciare, mentre la tastiera può ricordare forse alcune cose dell'esordio degli Swim Deep. "At Most A Kiss" e "Getaway" sono due buoni singoli, specialmente quest'ultimo possiede un tiro azzeccato e caparbio. "Honey Sweet" è un pezzo dalla vena malinconica e promette di essere l'inno romantico dei Blossoms, soprattutto dal vivo ("Tear drops stains dries in thunder/ Our two in pain, change my number/ I've seen you two about it/ Talked about rebounding").

"Onto Her Bed" è pregna di ricordi e l'atmosfera onirica gestita dal solo piano introduce "Texia", il brano che le Haim non sono mai riuscite a scrivere, una fuga d'amore trascinante anche grazie all'abile gioco di synth che definisce la canzone. Le influenze variano e catalizzano la propria forza in un pop molto femminile, che incontra le sfacciataggine di Alex Turner. Ascoltando le strofe quasi noir di "Smashed Pianos" possiamo ritrovare la sinuosità degli arrangiamenti di "AM" ed elementi che rimandano all'R&B. Sulla falsariga prosegue "Cut Me And I'll Bleed", in cui Ogden canta come un novello Turner mentre le chitarre sature e quasi sci-fi sembrano riecheggiare i Vaccines di "English Graffiti". "Blow" alla fine svolge il compitino e la conclusiva "Deep Grass" è un synth-pop equilibrato senza grossi sussulti.

Il disco d'esordio dei Blossoms è dunque una prova più che discreta, e seppure alcune ingenuità appaiano nitidamente, le possibilità di una crescita futura sono ancora intatte. Di sicuro le melodie buone non mancano. Poteva andare molto peggio, di questi tempi.

(12/08/2016)

  • Tracklist
  1. Charlemagne
  2. At Most A Kiss
  3. Getaway
  4. Honey Sweet
  5. Onto Her Bed
  6. Texia
  7. Blown Rose
  8. Smashed Pianos
  9. Cut Me And I'll Bleed
  10. My Favourite Room
  11. Blow
  12. Deep Grass




su OndaRock
Blossoms on web