Steven Wilson

4 ˝

2016 (Kscope) | prog-rock

Questa prima metà degli anni 10 è stata particolarmente intensa per l'attività di Steven Wilson, sia in qualità di musicista che di producer: ormai lo strenuo impegno nell'amorevole remastering dei capolavori progressive settantiani va di pari passo con pubblicazioni soliste pervase dal suono della pura nostalgia, tanto nella strumentazione quanto nel mood delle liriche.
Elementi che caratterizzano in maniera inequivocabile l'appartenenza di questo "quarto album e mezzo" alle accorate sessioni di "Hand. Cannot. Erase.", con lo scopo di raccogliere perlopiù qualche strumentale rimasto orfano o, in un paio di casi, banali canzoni senza ambizione.

Dal tema del rimpianto, principale chiave di lettura del recente album, Wilson tratteggia la struttura di "My Book Of Regrets", che rimarrà l'episodio più compiuto di questa appendice: sembrerebbe quasi un prologo alla tragedia della ragazza deceduta nel proprio appartamento (Under neon lights she walks home/ Back to her apartment, oh a safe way/ Harbored when she locks the door she could slip away); e in modo quasi palese, benché forse inconscio, il secondo riff con la chitarra acustica ricalca la falsariga di quella "Time Flies" che suggellava il canto del cigno a nome Porcupine Tree, e che ammanta il brano di quella malinconia che è l'eterna compagna dell'adultità. Sulla stessa scia, nello strumentale "Year of the Plague" ritornano i colori ad acquerello degli arpeggi hackettiani, stavolta ammantati dal vibrare di un violino.

È poi la volta dell'insipida "Happiness 3", dalle ritmiche quadre e invariabili: non che la semplicità sia di per sé un difetto - tutt'altro, guardando ai risultati sinora dimostrati da solista - ma laddove essa è accompagnata da una magra ispirazione melodica diventa difficile accorgersi di stare ascoltando qualcosa di veramente nuovo. E non fa nulla per dissipare l'effetto patchwork anche il secondo strumentale "Sunday Rain Sets In", che dall'introduzione parrebbe una sorta di ballata dark-jazz nelle vicinanze di Twin Peaks, per poi risolversi una volta di più in un mesto intermezzo crimsoniano.
Per uno scossone come si deve occorre attendere "Vermillioncore" che - organo Hammond a parte - è un puro revival della fase transizionale di "Stupid Dream" e "In Absentia" verso il contagio metal (nello specifico la matrice sembrerebbe la stessa di "Wedding Nails").

Con ciò giungiamo, infine, proprio a "Don't Hate Me": una superflua rivisitazione, poiché di aggiornamento non si può parlare, data la persistente indole retrò che circonda "4 ½" nel suo insieme - con l'aggiunta di un'ancor più superflua cantante (l'israeliana Ninet Tayeb) dagli squeak semplicemente irritanti; nel mezzo non manca nemmeno una turnata di assoli tra tastiere e sax d'occasione su un altezzoso giro di basso, prima della decelerazione che conduce verso l'ultimo reprise.

A mente fredda, dopo un iniziale sentimento di fiducia tradita, non si può dire che questa prematura ricomparsa sugli scaffali sia del tutto trascurabile: potrebbe però essere il segnale di una incipiente difficoltà nel distinguere un'opera di senso compiuto da un assai meno significativo racimolo di b-sides. O forse, a conti fatti, si è trattato soltanto di una nomenclatura infelice: nel conteggio tra il quarto e il quinto opus di Steven Wilson, non c'era davvero spazio per un "mezzo album".

(12/02/2016)

  • Tracklist
  1. My Book Of Regrets
  2. Year Of The Plague
  3. Happiness III
  4. Sunday Rain Sets In
  5. Vermillioncore
  6. Don't Hate Me
Steven Wilson su OndaRock
Recensioni

STEVEN WILSON

Home Invasion: In Concert At The Royal Albert Hall

(2018 - Eagle Rock)
La tre-giorni presso il teatro londinese ha segnato l'apice del tour a supporto di "To The Bone"

STEVEN WILSON

To The Bone

(2017 - Caroline International)
Tra euforia retro-pop e cosciente disillusione verso il presente, il capofila del rock inglese firma ..

STEVEN WILSON

Hand. Cannot. Erase.

(2015 - Kscope)
Prosegue il cammino, sempre più personale e "solitario", dell'(ex?) leader dei Porcupine Tree

STEVEN WILSON

Cover Version

(2014 - Kscope)
Il leader dei Porcupine Tree si mette a nudo in un diario di sensazioni semplici

STEVEN WILSON

The Raven That Refused To Sing (And Other Stories)

(2013 - Kscope)
Il manifesto del matrimonio definitivo tra Steven Wilson e il progressive rock

STEVEN WILSON

Grace For Drowning

(2011 - Kscope)
Un album di Canterbury suonato da una band heavy metal o una risposta all'inflazione del progressive ..

News
Live Report
Steven Wilson on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.