Robyn Hitchcock / Andy Partridge

Planet England

2019 (Ape) | pop-psych-beat

Una collaborazione nata nel 2006, quella tra i due geni del pop psichedelico Robyn Hitchcock e Andy Partridge: un incontro che sembrava destinato a non trovare una dimensione discografica, avendo Robyn peraltro destinato all’album “Ole Tarantula” alcune delle idee messe in cantiere per il progetto a quattro mani. Un gemellaggio artistico, quello dell’ex-Soft Boys e dell’ex-Xtc, che nasce sotto l’egida del comune amore per la lettera “B”, ovvero Syd Barrett, Beatles e Captain Beefheart.

Solo quattro canzoni per “Planet England”, troppo poco per soddisfare la sete dei fan, soprattutto quelli di Andy, ma abbastanza per pilotare questo piccolo artefatto (un 10” o un mini-cd) ai vertici delle classifiche di vendita inglesi. Le speranze sono ora tutte canalizzate verso un probabile album, che dovrebbe sancire una collaborazione che per entrambi i musicisti è stata elettrizzante.

Le sonorità di “Planet England” sono piacevolmente naif, limpide e cristalline, nonostante la registrazione quasi amatoriale (effettuate in una casetta/giardino). Alla voce di Hitchcock è affidato un ruolo in prima linea, mentre un interessante mix umorale e musicale svela profonde attitudini creative tra i due protagonisti.
E’ sorprendente come Partridge assecondi le geometrie di Hitchcock nella beatlesiana “Turn Me On, Deadman” (una moderna “Taxman”), adornandone la voce con svolazzi jingle-jangle, beat trascinanti e rifiniture strumentali ricche di particolari.
Una sinergia ancor più intrigante nella bucolica ballata “Got My…”, che permette ai due folletti di destreggiarsi tra invenzioni melodiche e sonorità stranianti, figlie delle migliori intuizioni degli Xtc.

Irresistibile e malizioso, il refrain del pop-psych di “Flight Attendants, Please Prepare For Love” è uno dei più accattivanti del pur ampio repertorio dei due musicisti: un gioiellino che ribadisce l’influenza dei due artisti sulla genesi del britpop. Atmosfere quasi natalizie per la title track, un brano che oltre a confermare l’affiatamento tra Andy e Robyn, invoca con maggior urgenza un seguito più cospicuo e corposo di uno dei matrimoni artistici più riusciti degli ultimi tempi.

(15/10/2019)



  • Tracklist
  1. Turn Me On, Deadman
  2. Flight Attendants, Please Prepare For Love
  3. Got My…
  4. Planet England
Robyn Hitchcock su OndaRock
Recensioni

ROBYN HITCHCOCK

Robyn Hitchcock

(2017 - Yep Roc)
Un ritorno in chiave elettrica per il funambolo del folk-pop psichedelico

ROBYN HITCHCOCK

Love From London

(2013 - Yep Roc)
L'avventura sonora dell'ex-Soft Boys riparte dalla sua natia Londra

ROBYN HITCHCOCK

Shadow Cat

(2008 - Sartorial Records/ Goodfellas)
Registrazioni inedite degli anni 90 per il songwriter inglese

ROBYN HITCHCOCK

Luxor

(2003 - Paf!)

ROBYN HITCHCOCK

I Often Dream Of Trains

(1984 - Midnight Music)
Il Syd Barrett dell'era post-punk nel manifesto del suo cantautorato sghembo e psichedelico

News
Live Report


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.