Birthh

WHOA

2020 (Carosello) | pop, songwriter

Un amore infinito per le stelle e il firmamento - eletti a fonte d'ispirazione costante come svelato nella nostra intervista - e una nuova veste pop che scaccia senza troppi patemi i fantasmi del passato: è da qui che bisogna partire per entrare in sintonia con "WHOA", secondo album di BIRTHH, nome d'arte della cantautrice fiorentina Alice Bisi. Un disco che affascina per le trame delicate e insolite, e che pone spesso e volentieri la Bisi a mezza via tra la Brisa Roché di "Takes", Regina Spektor e la Simone White di "Silver Silver", con l'aggiunta di partiture elettroniche sullo sfondo cangianti quanto basta per ravvivare cromaticamente canzoni in cui a dominare è, al di là di ogni trovata in appoggio, la propria amata chitarra.

"WHOA" è il classico disco della maturità. L'album con cui svoltare in qualche modo e scoprire nuove carte. Si prenda da esempio la ritmica stralunata di "Ultraviolet", cantata in compagnia della rapper statunitense Ivy Sole. A controbilanciare il ricamo acustico posto in attacco sono i tempi dispari uniti a morbide contrazioni ritmiche. Una soluzione appagante, come quella dei due ipotetici intermezzi che la racchiudono: "Audio 1" e "Audio 2". Tra una ballata lunare e l'altra, BIRTHH traccia de factoun sentiero personale nel microcosmo indie odierno, avvalendosi di candori elettronici e accordi il più delle volte cullanti. Le parole intrecciano sogni, speranze, stelle, pianeti, elefanti scanzonati, cani spaziali, desideri reconditi e visioni quotidiane, come ben esplica un passaggio di "Human Stuff":
Tie your sneakers, shoes come untied
Walk on water, you'll be fine again
Always on the concrete mile
I try to take some risks
Why do you care?
I tre minuti scarsi di "Elephants Sing Backwards" suscitano melanconia. Spuntano anche uccellini in sottofondo campionati e da contraltare ad arpeggi dimessi. "Space Dog" unisce ancora una volta le due inclinazioni sopracitate della musicista toscana, soprattutto nel finale, a suo modo spaziale e timidamente accattivante. È la chiusura perfetta di un disco che riporta a galla fascinazioni dimenticate fin troppo in fretta di un cantautorato pop in salsa indie e dalle tinte rosa in voga "soltanto" due lustri fa, infarcendolo qui e là con diversivi calibrati e al contempo smaniosi.

(31/05/2020)

  • Tracklist
  1. Supermarkets
  2. Yello / Concrete
  3. Draw
  4. Audio 1
  5. Ultraviolet
  6. Audio2
  7. Parakeet
  8. Human Stuff
  9. _Reprise
  10. Elephants Sing Backwards
  11. Space Dog


Birthh su OndaRock
Birthh on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.