Blitzkrieg Baby

Genocidal Sextasy

2020 (Cloister Recordings) | industrial

Torna la creatura dell'artista norvegese Kim Sølve: “Genocidal Sextasy” è l’ennesimo capitolo della saga di Blitzkrieg Baby, progetto post-industrial per una catarsi del terrore esistenziale del Ventunesimo secolo. A dar man forte a Sølve questa volta troviamo Bjeima, The Right Reverend Mr. B, America Thomas e Frederic Arbour. L’album esce in formato Lp per la label a stelle e strisce Cloister Records, con tanto di maschera da maiale inclusa.
"Kill Them All” è un anthem trip-hop/industrial, in puro stile Blitzkrieg Baby, che mette subito le cose in chiaro: lasciate ogni speranza voi che ascoltate! L’estetica da cartone animato non tragga in inganno, l’album è una bella pillola nera da mandare giù per il gozzo. Ogni tanto fa capolino anche un sound Ebm sporchissimo che può ricordare non poco gli svedesi Pouppée Fabrikk. Si ascolti il sinistro incedere di “Manhunt” e la terrorizzante omelia omicida di “One By One”.

Misantropia a go-go per un viaggio al termine della notte dell’umanità che non mancherà di affascinare anche questa volta, anche attraverso cantilene da film horror (“Feed Them To Pigs”), passaggi death industrial in salsa Brighter Death Now (“Fuck Toy For The Death Patrols” e “They All Died With Spit On Their Faces II”) contaminati dalla giusta dose di (r)umorismo radioattivo (“Just Another Throat To Slit”).
L’esplicita title track continua con cinismo la sua marcia sexy attraverso morte e disagio su scala industriale, tra distopiche pulsioni paramilitari che possono ricordare i primi Laibach e dissonanti detonazioni al fulmicotone per un’estetica del male, oggi più realista del reale.

Un brano come “Piggy” chiude il tutto in maniera efficace e perversa, dimostrando come BB siano uno dei più interessanti progetti emersi in questi ultimi anni in campo "dystopian music for dystopian people".
Se non ne avute avuto abbastanza, il consiglio è quello di ascoltare anche il 12” in uscita per [aufnahme + wiedergabe], con remix di Ancient Methods, Espen T. Hangård, Antoni Maiovvi e Luciano Lamanna, all’opera su quattro brani tratti da tre Ep precenti di Blitzkrieg Baby.

In ogni caso, con “Genocidal Sextasy” siamo di fronte a una delle uscite più sature di misantropia e corrosivo umorismo nero dell’anno e, dunque, altamente consigliata a tutti gli appassionati di musica industrial non conforme.

(10/07/2020)



  • Tracklist
  1. Open Season On Homo Sapiens
  2. Kill Them All
  3. Manhunt
  4. One By One
  5. Feed Them To The Pigs
  6. Fuck Toy For The Death Patrols
  7. Just Another Throat To Slit
  8. Genocidal Sextasy
  9. They All Died With Spit On Their Faces II
  10. Pop.0
  11. Piggy
 
Blitzkrieg Baby su OndaRock
Recensioni

BLITZKRIEG BABY

Homo Sapiens Parasitus

(2019 - Neuropa Records)
Il progetto industrial distopico dell'artista norvegese in una descrizione degli ultimi giorni dell’umanità ..

BLITZKRIEG BABY

War Gods

(2018 - Belńten)
La terza parte della trilogia realizzata dal norvegese Kim Sølve affonda le zanne sul tema della ..

Blitzkrieg Baby on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.