Sufjan Stevens & Lowell Brams

Aporia

2020 (Asthmatic Kitty)
new age, progressive electronic

Storia vecchia: il significato di un disco giace spesso e volentieri nel titolo. Ebbene, la verità nascosta in due soluzioni contrapposte, e che a sua volta non consente soluzione univoca (dal greco: "Aporia"), è di fatto il senso dell’operazione in questione.
Realizzato in collaborazione con il patrigno Lowell Brams - già, quel Lowell del tanto celebrato “Carrie & Lowell”- “Aporia” si presenta fin da subito come un insolito duetto, per l’esattezza il secondo appuntamento tra i due dopo i fasti di “Music For Insomnia” della Library Catalogue del 2009, Lp uscito ovviamente per la label fondata da entrambi, la benemerita Asthmatic Kitty, e per giunta creato niente di meno che con la collaborazione di Bryce Dessner dei National.

Al netto delle presentazioni di circostanza, veniamo subito al dunque: il disco è stato registrato nel corso degli ultimi anni, per la precisione nel tempo libero. Modalità precisata in sede di presentazione dallo stesso Sufjan Stevens. L’opera non ha quindi alcuna ambizione di fondo. Nessuna velleità da traino, se non quella di provare a unire l’immaginazione dei due musicisti, sfruttando la passione di entrambi per la new age (!) dei primi anni 80.
Certo, le influenze dichiarate sono Boards Of Canada e dintorni, quindi epopea postuma, addirittura Enya, fino a giungere alla soundtrack di “Blade Runner” di Vangelis, ossia il vero faro di tutta la faccenda assieme alle ipnosi pastorali di Joanna Brouk e della premiata ditta Peter Mergener/Michael Weisser nel capolavoro “Beam-Scape": progressive eletronic caduta nel cielo teutonico del 1984 e incredibilmente dimenticata.

Ascoltando i vari momenti, è per l'appunto nelle fughe in apparenza sconclusionate della primissima new age “occidentale” che si nascondono i paralleli effettivi di un album che si snoda continuamente tra una lenta ascesa cosmica in scia Tangerine Dream (“What It Takes”) e un battito Idm alternato a una tastiera epica, eppure spiritualmente kitsch per l’assolo sospeso tra le pause ("Disinheritance"). Mentre qualcosa a metà tra l’Aphex selettivo che tutti conosciamo e la Ciani de “The Velocity Of Love” plachi le acque, a dire il vero per nulla agitate, prima che il secondo tentativo di ascesi siderale prenda “quota”, raggiungendo però cime basse, quantificate da ripartizioni stucchevoli e giretti melodici inconsistenti. Ecco: “Agathon” piacerà ai neofiti, per dirla in breve: a quelli che, per una ragione o per un’altra, non hanno ancora scavato nell’elettronica progressiva a cavallo tra gli 80 e i 90.

Tra un mini-trip al synth, un timido riverbero e qualche rumorino da contorno ai soliti sfarfallii in loop anestetico (“Afterworld Alliance”), si procede con estrema fatica. Il centro del piatto nasconde, invece, quella voglia di creare “rumore” certamente inflazionata, ma che presenta qui e là impercettibili squarci di luce, con l’immancabile tastiera celeste in controluce al “tempo” (“For Raymond Scott”, “Matronymic”).
In coda nulla muta, e la sensazione rimane quella di trovarsi dinanzi a un’improvvisazione mal riuscita. Un puzzle di esperimenti contrastanti che, bontà di Dio, nulla aggiungono al pallottoliere della stella “indie” statunitense.
Tirando le somme, non resta che far finta di niente e attendere l’atteso rientro cantautorale di Stevens. E non si venga a dire che momenti come “Climb That Mountain” meritino di più: in fondo, non costituiscono nient’altro che un'inconsapevole scintilla in 43 minuti di sostanziale evanescenza.

04/04/2020

Tracklist

  1. Ousia
  2. What It Takes
  3. Disinheritance
  4. Agathon
  5. Determined Outcome
  6. Misology
  7. Afterworld Alliance
  8. Palinodes
  9. Backhanded Cloud
  10. Glorious You
  11. For Raymond Scott
  12. Matronymic
  13. The Red Desert
  14. 14
  15. Conciliation
  16. Ataraxia
  17. The Unlimited
  18. The Runaround
  19. Climb That Mountain
  20. Captain Praxis
  21. Eudaimonia
  22. The Lydian Ring

Sufjan Stevens sul web

Tutte le recensioni su OndaRock
SUFJAN STEVENS
Reflections

Una prima partitura per due pianoforti segna la sesta collaborazione con il regista e coreografo teatrale Justin Peck

SUFJAN STEVENS
Javelin

La mistica della fragilità nell'atteso ritorno alla dimensione intimista di "Carrie & Lowell"

SUFJAN STEVENS & ANGELO DE AUGUSTINE
A Beginner's Mind

Filosofie orientali e cinematografia americana a supporto delle nuove creazioni di due protagonisti della scena alt-folk contemporanea

SUFJAN STEVENS
The Ascension

L'elettronica solipsistica del cantautore di Detroit in cerca di una comunione universale pop

SUFJAN STEVENS, NICO MUHLY, BRYCE DESSNER, JAMES MCALISTER
Planetarium

Un supergruppo per un atteso concept-album spaziale, tra elettronica e sinfonie orchestrali

SUFJAN STEVENS
Carrie & Lowell

Le confessioni di Sufjan, o della purezza di un cantastorie ritrovato

SUFJAN STEVENS
Silver & Gold: Songs For Christmas, Vols. 6-10

Un sontuoso regalo di canzoni natalizie per uno dei cantautori pił geniali del decennio

SUFJAN STEVENS
All Delighted People Ep

A poche settimane dall'atteso seguito di "Illinois", Sufjan Stevens sorprende con un'ora di musica in formato digitale

SUFJAN STEVENS
The Age Of Adz

Dopo cinque anni di attesa, l'eclettico cantore dell'"Illinois" rideclina il pop orchestrale con un album spiazzante e schizofrenico

SUFJAN STEVENS
The BQE

Una colonna sonora su commissione amplifica la vocazione orchestrale di Stevens

SUFJAN STEVENS
The Avalanche

SUFJAN STEVENS
Songs For Christmas

La maxi-strenna a tema del cantore dell'Illinois

SUFJAN STEVENS
Illinois

SUFJAN STEVENS
Illinois

Funambolico e onnicomprensivo atto di fede, il secondo Stato di Stevens è uno dei più grandi esempi di liberazione creativa del cantautorato contemporaneo ..