Chiara Civello

Chansons

2021 (Kwaidan Records) | pop, songwriter

Da appassionato di canzoni francesi e della musica di Chiara Civello, attendevo con ansia questo progetto che la cantautrice romana ci aveva preannunciato durante una chiacchierata in pieno lockdown, quando si trovava rinchiusa nella sua casa/studio a Rio de Janeiro e tentava di esorcizzare l'angoscia del lockdown con piccoli concerti domestici in streaming.

Il rischio insito nell'operazione di "Chansons" era un mero recupero dei classici d'oltralpe che non andasse al di là dell'omaggio, dell'esercizio calligrafico. Ma, con la complicità del fido produttore Marc Collin (Nouvelle Vague), già deus ex machina dell'eccellente "Eclipse", la chanteuse che stregò Bacharach ha trovato una duplice via per schivare l'insidia. Anzitutto - come ci ha raccontato in questa nuova intervista - restringendo il campo a quei grandi standard internazionali che in pochi sanno essere frutto di penne francesi; in secondo luogo, affidandosi completamente alla visione musicale di Collin, mago di atmosfere in chiaroscuro, dal gusto retrofuturista e spesso sottilmente esotico. Il risultato è una raccolta di brani in cui Chiara gioca a fare l'ortodossa e Marc il guastafeste ribaltando spesso la matrice sonora di partenza. Emblematico il caso del singolo "La Vie En Rose" che ha anticipato il disco, in cui alla vocalità leggera della Civello, che svolazza soffice fra le note, fa da contrappunto un ensemble intento a pestare duro su un ritmo incalzante. Ma ancor più efficace è la resa della struggente "Hier Encore" di Charles Aznavour, tradotta in una funkeggiante "Yesterday When I Was Young" che rimpiazza la malinconia con una languida sensualità.

Gli episodi più ispirati sono proprio quelli in cui Chiara e compagni sembrano lasciarsi prendere la mano, divertendosi a stravolgere il canovaccio di partenza con un mix calcolato di mestiere e improvvisazione. Come ad esempio nella sempiterna "Un uomo, una donna" ("Un homme et une femme") di Francis Lai, virata in un liquido cocktail alla Nouvelle Vague, tutto frivolezza e bollicine; oppure nel recupero del nucleo sonoro originario di quella "Pour Toi" scritta da Loulou Gaste nel 1956 per il film "Le Feu Aux Poudres" e reincarnatasi vent'anni dopo nella hit "Feelings" di Morris Albert con intatta linea melodica (e conseguente battaglia legale, vinta alla fine da Gaste).

Altrove il divertimento lascia spazio a una maggior compostezza, mirata a riportare alla luce l'austera eleganza degli originali, come nella sentita "Col tempo", omaggio all'originale di Léo Ferré ma anche alla riuscita cover di Gino Paoli, colonna sonora delle traversate in macchina della piccola Chiara, assieme al padre, per andare in Sicilia, nella sua Modica. Anche la "Ne me quitte pas" di Jacques Brel occhieggia soprattutto alla versione tricolore di Patty Pravo ("Non andare via"), senza però conservare quella vena di lucida follia melodrammatica che impregnava il "recitato" dell'artista veneta. Alle piume di struzzo (che pure indossa nel videoclip di "La Vie En Rose") della teatralità e dell'istrionismo, Civello preferisce il velluto e la seta delle orchestre jazz, e forse è eccessivo chiederle quel surplus di stravaganza che non appartiene alle sue corde.

In ogni caso, la classicità di interpretazioni come "Que rete-T-Il De Nos Amours?" (Charles Trénet), "I Will Wait For You" ("Les parapluies de Cherbourg") del suo compositore-feticcio Michel Legrand (sulle cui note superò l'audizione per una borsa di studio al Berklee College of Music a soli 16 anni) e della stessa "My Way" - prosciugata dell'enfasi da crooner alla Sinatra e riportata alla sommessa malinconia dell'originaria "Comme d'habitude" di Claude François e Jacques Revaux - è l'ennesima testimonianza della classe di una cantante di categoria superiore. Testardamente disallineata alle mode dell'attuale panorama musicale italiano, ma comunque libera. Al punto da poter dire, anche stavolta, I did it my way.

(03/12/2021)

  • Tracklist
  1. I Will Wait For You (Les Parapluies De Cherbourg)
  2. Yesterday When I Was Young (Hier Encore)
  3. Non Andare Via (Ne Me Quitte Pas)
  4. Un Uomo Una Donna (Un Homme Et Une Femme)
  5. Pour Toi (Feelings)
  6. La Vie En Rose
  7. Col Tempo Sai (Avec Le Temps)
  8. Petite Fleur
  9. Que Reste-T-Il De Nos Amours (I Wish You Love)
  10. The Goodlife (La Belle Vie)
  11. What Now My Love (Et Maintenant)
  12. My Way (Comme D'Habitude)




Chiara Civello su OndaRock
Recensioni

CHIARA CIVELLO

Eclipse

(2017 - Sony Music Entertainment)
La cantante italiana che stregò Bacharach e Bennett si rilancia con l'elettronica dei Nouvelle ..

Live Report
Chiara Civello sul web