Deca

Lucifero alchemico

2021 (Atom Institute) | dark-ambient

Dopo l’apprezzato lavoro per piano “Isole invisibili” (2017) il compositore Federico De Caroli torna alle sue origini tra elettronica ed esoterismo con “Lucifero alchemico”. Quattro composizioni di eguale durata (undici minuti ciascuna) per un totale di 44 minuti densi di trame pianistiche, numerologia, alchimia e dark-ambient esoterico che sembrano ispirarsi, oltre al Lucifero del titolo, anche a oscuri mondi lovecraftiani

Questo lungo percorso ispirato all'angelo caduto andrebbe visto come un’unica sinfonia divisa accidentalmente in quattro parti. Al suo interno è impossibile non citare i capitoli principali, come “Solve Roticruent”, probabilmente il capolavoro dell'album, composizione variegata e inquieta, trasversale nei generi. L’inizio di synth arioso che sembrerebbe ricordare le timbriche del maestro Rafael Anton Irisarri si interrompe con un improvviso pattern di piano minimalista che si ripete continuamente. Al piano si sovrappongono ritmi elettronici che lasciano infine spazio al ritorno del primo movimento.

“Vorago Deboniana” si apre con una voragine di synth senza fine, tra sovraincisioni e mondi dark-ambient che giungono al terzo movimento in un lungo assolo di basso quasi Floyd-iano, un lungo battere su due note ripetute con misteriosi incisioni vocali. E’ un’apoteosi luciferina, una lunga caduta in un abisso nero. Poche note di piano introducono la title track, con un respiro elettronico a far da sfondo. Lo studio di un alchimista che rievoca spiriti maligni? O semplicemente uomini liberi da dogmi imposti, alla ricerca sincera della verità? Ancora una volta gli undici minuti si dividono in movimenti, con trame minimal industrial e lente melodie di piano su basi ambient.

Dialoghi incomprensibili irrompono in “Phosphorea Feromurd”. Nulla d'umano è presente. Solo inferi senza luce. Un consiglio, per apprezzare al meglio l'album e udire gli effetti tridimensionali, l'acquisto del cd e l'uso delle cuffie è fondamentale.

(13/04/2021)

  • Tracklist
  1. Vorago Deboniana
  2. Solve Roticruent
  3. Phosphorea Feromurd
  4. Lucifero alchemico


Deca su OndaRock
Recensioni

DECA

Isole invisibili

(2017 - Platform Music)
Inatteso ma gradito passaggio dall'elettronica cosmica al piano solo per il musicista savonese

DECA

Automa Ashes

(2010 - Videoradio)
Un concept sulle dimensioni dell'onirico per Federico De Caroli

DECA

Aracnis Radiarum

(2007 - Videoradio)
Torna uno dei grandi pionieri dell'elettronica italiana

Deca on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.