John Dwyer

Endless Garbage

2021 (Castle Face) | free-jazz, avanguardia

Ma come: non bastavano gli album degli Osees sparati fuori ogni tre per due, senza contare i vari progetti paralleli che spuntano come i funghi? Ebbene no, non bastavano. A poche settimane dalla pubblicazione dell'ultimo lavoro in studio della sua più celebre creatura, il terzo in una manciata di mesi, John Dwyer torna alla ribalta e - udite udite - questa volta lo fa addirittura a suo nome, nonostante in questo "Endless Garbage" (titolo fin troppo schietto, invero) il Nostro sia tutt'altro che solo.

L'intero repertorio nasce infatti da parti di batteria di Ted Byrne sulle quali Dwyer ha aggiunto e stratificato strumenti, chiamando in causa i vari Greg Coates, Tom Dolas e Brad Caulkins, pur senza mai riunirli in un stesso luogo fisico - i tempi, purtroppo, sono quelli che sono. Ciò che ne è scaturito, al solito, sfugge alle logiche del buonsenso: le otto tracce - per un totale di 26 minuti - non sono che caotici sketch di fusion free-jazz talmente frammentari da risultare destrutturati nonostante il peso specifico preminente della batteria.

Se l'obiettivo è rappresentare il caos e il disorientamento, eventualmente declinati rispetto alla realtà e ai tempi che stiamo vivendo (ma conoscendolo saremmo propensi a dubitarne), allora potremmo anche ammettere che la missione sia stata compiuta. I brani si muovono senza direzione, come una jam session alla quale ciascuno dei musicisti coinvolti ha voluto aggiungere un elemento slegato rispetto agli altri. Anche quando pare esservi un barlume di senso compiuto, come in "No Flutter", il tutto si discioglie in una melassa informe e scoordinata.

Intendiamoci, il tutto è assolutamente voluto, diremmo persino creato ad arte. Il punto però è proprio questo: l'ostentazione dell'eccesso, dell'illogico, dell'estremismo militante può anche andare benissimo, purché anche l'ascoltatore ne possa ricavare qualcosa. Da questa "infinita spazzatura", invece, appare difficile riuscire a ottenere qualcosa di buono, come ad esempio un'emozione, un guizzo, una qualsiasi cosa - fosse anche in senso negativo - in grado di restare.

(23/03/2021)

  • Tracklist
  1. Vertical Infinity
  2. No Flutter
  3. Goose
  4. Four
  5. Lucky You
  6. Pro-Death
  7. A Grotesque Display
  8. No Goodbyes
Bent Arcana su OndaRock
Recensioni

BENT ARCANA

Bent Arcana

(2020 - Castle Face)
Psych-jazz free form per il nuovo esperimento interstellare concepito da John Dwyer degli Oh Sees

OSEES

Protean Threat

(2020 - Castle Face)
Il progetto di John Dwyer allarga gli orizzonti rimanendo uguale a se stesso

OSEES

Metamorphosed

(2020 - Castle Face)
Secondo album dell'anno per i californiani che sfoderano furia heavy e lunghe jam psichedeliche

OSEES

Panther Rotate

(2020 - Castle Face)
Un remix album di "Protean Threat" chiude il 2020 di John Dwyer & C.

OH SEES

Face Stabber

(2019 - Castle Face)
Il torrenziale psych-rock della band californiana in ottanta minuti che confermano un'invidiabile continuità ..

THEE OH SEES

Smote Reverser

(2018 - Castle Face)
Sempre più libera e guizzante, la band di John Dwyer regala un degno successore a "Orc"

OH SEES

Orc

(2017 - Castle Face)
La band californiana perde l'articolo ma non il vizio

OCS

Memory Of A Cut Off Head

(2017 - Castle Face)
Arcadica digressione folk per la bestia di John Dwyer

THEE OH SEES

A Weird Exits

(2016 - Castle Face)
La band californiana prosegue il proprio viaggio, approdando in territori motorik

THEE OH SEES

An Odd Entrances

(2016 - Castle Face)
Il gemello eterozigote di "A Weird Exit", esercizio marginale in consolidamento

THEE OH SEES

Mutilator Defeated At Last

(2015 - Castle Face)
Un nuovo inizio per la band di John Dwyer

THEE OH SEES

Drop

(2014 - Castle Face)
Disco vacanziero per John Dwyer in licenza dai suoi sodali

THEE OH SEES

Floating Coffin

(2013 - Castle Face)
I nuovi villaggi Potëmkin di John Dwyer e della sua ghenga

THEE OH SEES

Putrifiers II

(2012 - In The Red)
La band garage-psych rallenta la produzione con buoni risultati

THEE OH SEES

Carrion Crawler/ The Dream

(2011 - In The Red)
La prova più felice della compagine di John Dwyer, dal nobile revival psych a un nuovo immaginario ..

THEE OH SEES

Castlemania

(2011 - In The Red)
Lo sfarfallante "Sunshine Pop Album" degli Oh Sees, gioiellino incompreso

THEE OH SEES

Warm Slime

(2010 - In The Red)

Follia e seduzione garage nel disco più schizzato della band di San Francisco

THEE OH SEES

Help

(2009 - In The Red)
Disco di consolidamento per la band di San Francisco

THEE OH SEES

Dog Poison

(2009 - Captured Tracks)
L'inquietante e malsano lunapark di un John Dwyer in licenza dai sodali

THEE OH SEES

The Master’s Bedroom Is Worth Spending A Night In

(2008 - Castle Face)
Piccolo cambio di nome, gran cambio di passo per la creatura di John Dwyer

THE OHSEES

The Hounds Of Foggy Notion

(2008 - Castle Face)
Struggente canto del cigno per la band che ritornerà sotto le spoglie di una fenice psych-rock ..

News
John Dwyer on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.