Osees

Panther Rotate

2020 (Castle Face) | experimental garage-psych

Proprio sul filo di lana, arriva il terzo disco marchiato 2020 per la combriccola di John Dwyer, uno di quei musicisti (fra gli altri vanno citati almeno Stu Mackenzie e Ty Segall) che se si limitassero a rilasciare un solo disco di all’anno, probabilmente pubblicherebbero soltanto capolavori. E invece si sentono autorizzati a inondare il mercato, cannibalizzando ogni volta la loro uscita precedente, tattica che se inizialmente suscita simpatia, alla lunga provoca perdita di interesse: un mezzo suicidio commerciale, in un’epoca tanto densa di uscite discografiche. E nel tris servito durante gli ultimi dodici mesi, “Panther Rotate” si distingue per essere il meno interessante.

Presentato come un remix album dell’ottimo “Protean Threat”, di cui ne costituisce anche l'anagramma, è in realtà una sequenza di trastullamenti cervellotici che non portano alcun valore aggiunto, nessun miglioramento, a canzoni che restano ben più efficaci nella versione originale. Sette alternative take, ottenute lavorando su alcune piste, eliminando i chitarroni fuzz e inserendo ingenti dosi di elettronica e rumori ambientali, compromettendo gran parte della forza visionaria che la band è in grado di esprimere. Un’opera sperimentale (tutte le tracce revisionate hanno la parola “Experiment” inclusa nel titolo) e ardita, basata su ripetizioni di scuola krauta, droni ambientali, deliri psichedelici e derive zappiane.

Un po’ come prendere le derive allucinate dei Radiohead zona “Kid A” e miscelarle con le paranoie lisergiche dei Pink Floyd epoca Barrett, ma nella sconfinata discografia degli Oh Sees resta inevitabilmente un capitolo superfluo, per completisti, con pochi frangenti degni di nota. Prendete “Toadstool Experiment”, non è neanche lontana parente della coinvolgente “Toadstool”, oppure verificate quanto la potenza di fuoco di “Scramble Suit II” non sia minimamente contemplata in “Scramble Experiment”. Nemmeno gli unici due inediti (le narcotizzanti “Synthesis” e “Poem 2”) si distinguono per incisività.
Qualcuno faccia sapere a Dwyer che non è strettamente necessario pubblicare ogni cosa gli frulli per la testa in studio di registrazione. Forse è il momento di prendersi un paio di settimane di pausa?

(09/02/2021)

  • Tracklist
  1. Scramble Experiment
  2. Don’t Blow Experiment
  3. Synthesis
  4. Toadstool Experiment
  5. If I Had An Experiment
  6. Miz Experiment
  7. Terminal Experiment
  8. Poem 2
  9. Gong Experiment


Bent Arcana su OndaRock
Recensioni

BENT ARCANA

Bent Arcana

(2020 - Castle Face)
Psych-jazz free form per il nuovo esperimento interstellare concepito da John Dwyer degli Oh Sees

OSEES

Protean Threat

(2020 - Castle Face)
Il progetto di John Dwyer allarga gli orizzonti rimanendo uguale a se stesso

OSEES

Metamorphosed

(2020 - Castle Face)
Secondo album dell'anno per i californiani che sfoderano furia heavy e lunghe jam psichedeliche

OH SEES

Face Stabber

(2019 - Castle Face)
Il torrenziale psych-rock della band californiana in ottanta minuti che confermano un'invidiabile continuità ..

THEE OH SEES

Smote Reverser

(2018 - Castle Face)
Sempre più libera e guizzante, la band di John Dwyer regala un degno successore a "Orc"

OH SEES

Orc

(2017 - Castle Face)
La band californiana perde l'articolo ma non il vizio

OCS

Memory Of A Cut Off Head

(2017 - Castle Face)
Arcadica digressione folk per la bestia di John Dwyer

THEE OH SEES

A Weird Exits

(2016 - Castle Face)
La band californiana prosegue il proprio viaggio, approdando in territori motorik

THEE OH SEES

An Odd Entrances

(2016 - Castle Face)
Il gemello eterozigote di "A Weird Exit", esercizio marginale in consolidamento

THEE OH SEES

Mutilator Defeated At Last

(2015 - Castle Face)
Un nuovo inizio per la band di John Dwyer

THEE OH SEES

Drop

(2014 - Castle Face)
Disco vacanziero per John Dwyer in licenza dai suoi sodali

THEE OH SEES

Floating Coffin

(2013 - Castle Face)
I nuovi villaggi Potëmkin di John Dwyer e della sua ghenga

THEE OH SEES

Putrifiers II

(2012 - In The Red)
La band garage-psych rallenta la produzione con buoni risultati

THEE OH SEES

Carrion Crawler/ The Dream

(2011 - In The Red)
La prova più felice della compagine di John Dwyer, dal nobile revival psych a un nuovo immaginario ..

THEE OH SEES

Castlemania

(2011 - In The Red)
Lo sfarfallante "Sunshine Pop Album" degli Oh Sees, gioiellino incompreso

THEE OH SEES

Warm Slime

(2010 - In The Red)

Follia e seduzione garage nel disco più schizzato della band di San Francisco

THEE OH SEES

Help

(2009 - In The Red)
Disco di consolidamento per la band di San Francisco

THEE OH SEES

Dog Poison

(2009 - Captured Tracks)
L'inquietante e malsano lunapark di un John Dwyer in licenza dai sodali

THEE OH SEES

The Master’s Bedroom Is Worth Spending A Night In

(2008 - Castle Face)
Piccolo cambio di nome, gran cambio di passo per la creatura di John Dwyer

THE OHSEES

The Hounds Of Foggy Notion

(2008 - Castle Face)
Struggente canto del cigno per la band che ritornerà sotto le spoglie di una fenice psych-rock ..

News
Osees on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.