72-Hour Post Fight

Non-Background Music

2022 (La Tempesta) | avant-jazz, electro

Luca Bolognesi, in arte Palazzi d’Oriente, negli ultimi mesi è riuscito a ritagliarsi una certa visibilità grazie all’apprezzato “Sheltering Water”. Assieme a Carlo Porrini, meglio conosciuto come Fight Pausa e già membro dei Leute, aveva avviato da qualche tempo il progetto 72-Hour Post Fight, giunto al secondo atto dopo l’omonimo esordio del 2019 e un’interessante raccolta di remix. Il concetto sul quale si è inizialmente basato il lavoro dei due producer è quello di concepire basi sintetiche sulle quali lasciar intervenire la scorza ritmica disegnata dal batterista Andrea Dissimile e le inappuntabili linee di sassofono suonate da Adalberto Valsecchi.

 

Rispetto a quanto realizzato in passato, per “Non-Background Music” il quartetto ha deciso di asciugare le strutture e puntare maggiormente su un “formato canzone”, senza però mai nulla concedere alle sirene del mainstream, restando fermo su posizioni sperimentali e avanguardistiche. L’obiettivo dichiarato è quello di creare un mix stilistico, ponendo l’elettronica e una forma di jazz mutante come punti di partenza sui quali innestare gli elementi più disparati, avvicinandosi in qualche maniera alla lezione impartita dai BADBADNOTGOOD di “IV”.

Le atmosfere delineate sono decisamente notturne, sancite sin dall’iniziale “Candleface Theme”, il processo di scrittura mostra eleganza da vendere (“4K Fireplace”, “Smoke Cutter”), ma a tratti sa farsi claustrofobico (“Easy”) e disturbante (“Bug”, ove si scorgono determinanti influenze dei Sons Of Kemet).
I colpi di scena sono sempre dietro l’angolo: dai ritmi sincopati di “Not” agli istinti indie che caratterizzano la conclusiva “Again!”, passando attraverso il passo minaccioso di “Meditation On Instagram Feeds”, dove vengono miscelati trip-hop, post-R&B, hip-hop e le linee vocali di Kamohelo che si assestano dalle parti di Tricky.

Il secondo brano di “Non-Background Music” che prevede un intervento vocale è “Trust”, traccia dagli aromi nu-soul con ospite Mal Devisa/Deja Carr.
Le luci dei riflettori si sono ormai accese sul progetto lombardo, e i 72-Hour Post Fight stanno diventando presenza fissa nei cartelloni degli eventi che contano: a breve si esibiranno sia allo Spring Attitude di Roma che al prestigioso Club 2 Club di Torino, situazioni grazie alle quali il loro livello di notorietà non potrà che ricevere un nuovo ulteriore impulso.

(17/08/2022)

  • Tracklist
  1. Candleface Theme
  2. 4K Fireplace
  3. Meditation On Instagram Feeds
  4. Smoke Cutter
  5. Easy
  6. Bug
  7. Made Of Clay
  8. Unglued
  9. Farming
  10. Trust
  11. Not
  12. Again!
72-Hour Post Fight sul web