Anna Calvi

Tommy

2022 (Domino) | noir rock, songwriter

Era la fine dell’estate del 2018, un mondo molto diverso da quello odierno, imprigionato fra guerre e pandemie, quando Anna Calvi rilasciava le dieci canzoni che componevano il suo terzo album, “Hunter”, un lavoro grazie al quale la cantante e chitarrista inglese acquisiva nuovi riconoscimenti, confermandosi compositrice e interprete di primissimo livello, il risultato di una rara combinazione di bellezza e talento. Canzoni per molti aspetti diverse da quelle degli esordi, dove a essere protagonisti non erano più il diavolo, il sangue o la disperazione, no, era la seduzione, in tutte le sue sfaccettature, a impossessarsi – a tratti con glamour - del centro della scena.

Oltrepassato con successo il traguardo dei dieci anni di carriera, la sfida successiva è stata quella di mettersi al servizio delle esigenze televisive, componendo la colonna sonora delle ultime due stagioni (la quinta e la sesta) della fortunata serie Netflix "Peaky Blinders". Anche in questo caso operazione perfettamente riuscita, che consente alla Calvi di incrementare ulteriormente il proprio livello di notorietà, conquistando nuove nicchie di pubblico. Ciliegina sulla torta di tale collaborazione è l'Ep “Tommy” (dal nome del protagonista di Peaky Blinders”, Tommy Shelby), nel quale sono contenuti quattro inediti intimamente legati alla serie.

“Ain’t No Grave”, il brano dalle inequivocabili cadenze rock-blues che apre il disco, è la personalissima versione di uno standard gospel degli anni Trenta che ispirò in passato anche Johnny Cash, qui reinterpretato nel classico stile di Anna Calvi, con tanto di caratteristico assolo incendiario. Per fare da contraltare a questo momento elettricamente sostenuto, arriva subito una traccia più sinuosa, pur se interpretata con la consueta vena drammatica: si tratta dell’autografa “Burning Down”, nella quale a risaltare sono le straordinarie qualità vocali dell’esecutrice.

Seguono due cover, la prima delle quali è “Red Right Hand” di Nick Cave & The Bad Seeds, considerabile il tema portante di “Peaky Blinders”, già reinterpretato per la serie da altri importanti musicisti, con sugli scudi le notevoli versioni realizzate da PJ HarveyArctic Monkeys. A chiudere l’Ep provvede la cover di “All The Tired Horses”, originariamente scritta e incisa da Bob Dylan nel 1970 per aprire uno dei suoi album più discussi del periodo, “Self Portait”.

(18/05/2022)

  • Tracklist
  1. Ain’t No Grave
  2. Burning Down
  3. Red Right Hand
  4. All The Tired Horses


Anna Calvi su OndaRock
Recensioni

ANNA CALVI

Hunted

(2020 - Domino)
Sette versioni "nude", per voce e chitarra, di brani già editi in "Hunter", con importanti ospiti ..

ANNA CALVI

Hunter

(2018 - Domino)
Seduzione, estetica queer e sensualità gender nel terzo lavoro della cantante/chitarrista ..

ANNA CALVI

Live For Burberry

(2017 - Domino)
Il resoconto della performance live tenuta al Makers House di Soho per la sfilata londinese della nuova ..

ANNA CALVI

Strange Weather

(2014 - Domino)
Un Ep con cinque cover per la regina del noir rock, con la collaborazione di David Byrne

ANNA CALVI

One Breath

(2013 - Domino)
Dopo il clamoroso esordio del 2011, la cantautrice inglese alle prese con nuovi fantasmi

ANNA CALVI

Anna Calvi

(2011 - Domino)
Il sorprendente debutto della talentuosa autrice britannica di origini italiane: dieci liturgie noir-rock, ..

News
Live Report
Anna Calvi on web