Rina Sawayama

Hold The Girl

2022 (Dirty Hit) | dance-pop, pop-rock

Accantonate le influenze metal e R&B presenti nel debut, il sophomore di Rina Sawayama punta tutto nuovamente sulla dance-pop tra Nineties e inizio Duemila, con qualche incursione stadium-rock e country. "Hold The Girl" vede ancora il fedele Clarence Clarity alla produzione, stavolta insieme a Paul Epworth, e appare più uniforme, coerente e maturo nel sound rispetto al predecessore, presentando tuttavia degli alti e bassi. Il disco prende le mosse da una terapia iniziata da Rina per superare un trauma legato all'adolescenza, il che viene messo in chiaro dalle liriche della breve introduzione "Minor Feelings", il cui mood fa subito pensare allo stile sontuoso adottato da Lady Gaga, dettaglio che si ripropone in buona parte dei brani, a volte appesantendoli un po'.

La successiva "Hold The Girl" si destreggia egregiamente tra archi da gran orchestra, guizzi country e pop danzereccio, cedendo le redini a "This Hell", presentato dall'artista come "the best queer party in town", in cui si può ritrovare un vasto campionario della pop music, da Madonna a Britney, e un assolo di chitarra elettrica che mima quello di "Beat It" di Michael Jackson, opera del grande Eddie Van Halen.
Tali singoli centrano l'obiettivo prestabilito, esattamente come i ritmi da dancefloor di "Holy (Til You Let Me Go)", efficace esempio di retro-futurismo che trae origine dal repertorio di Cher e dalla nota "What Is Love" di Haddaway. A spiccare sono anche la dubstep caotica di "Imaging", ripresa da "Katy On A Mission" di Katy B, miglior brano per contenuti, il cui tema portante è quello del cosiddetto gaslighting, un tipo di manipolazione psicologica violenta, perpetrata attraverso false informazioni e mandando in confusione la vittima, e l'altrettanto dinamica "Frankenstein", i cui ritmi sono snocciolati dall'inconfondibile ex-Bloc Party Matt Tong, con influenze che risalgono all'elettrizzante indie-rock di inizio millennio di "Love Is A Number" dei White Rose Movement.

Assai meno convincenti e "pompose" sono invece "Catch Me In The Air", traccia sul rapporto tra Rina e la madre, i vocalizzi di "Forgiveness", che parla della necessità di perdonare l'altro per andare avanti, fin troppo "buonista", e l'autodistruzione raccontata in "Hurricanes", su sonorità alquanto vuote prese in prestito da Kelly Clarkson.
Il tornado di commistioni sperimentate nell'album di debutto si ripropone solo nel caso di "Your Age", caratterizzata da un banjo in apertura e un rap distorto da un crescendo elettropop, che sottolinea la rabbia rivolta agli adulti dalla cantante in tenera età. Il trittico finale di ballate sentimentali rappresenta uno dei momenti più discutibili del disco, in quanto esageratamente da manuale: costellata di venature country, la lettera di scuse di una madre incapace di supportare il figlio queer "Send My Love To John" risulta tra i pezzi migliori dal punto di vista testuale, ma musicalmente è fin troppo "A Star Is Born", mentre nella power ballad "Phantom", le cui strofe ricordano la prima Avril Lavigne di "Let's Go", ritorna la chitarra elettrica, stavolta in stile bonjoviano/aerosmithiano anni Novanta, del quale non si sentiva minimamente il bisogno.

La chiusura tra i cori gioiosi di "To Be Alive" lascia l'ascoltatore con un retrogusto dolciastro, con la conseguenza che "Hold The Girl" rappresenti così la seconda opportunità non andata totalmente a segno per Sawayama, il cui talento rimane tuttavia indubbio, così come l'elevata qualità dei contenuti proposti. La scelta di uno stile più coerente rispetto all'esordio le permette di fare letteralmente un passo avanti e uno indietro in contemporanea, poiché scivolare su pop troppo gonfio e mainstream (per vincere facile?) appiattisce parzialmente il risultato, anziché porlo in risalto come avrebbe meritato.

(24/09/2022)

  • Tracklist
  1. Minor Feelings
  2. Hold The Girl
  3. This Hell
  4. Catch Me In The Air
  5. Forgiveness
  6. Holy (Till You Let Me Go)
  7. Your Age
  8. Imagining
  9. Frankenstein
  10. Hurricanes
  11. Send My Love To John
  12. Phantom
  13. To Be Alive




Rina Sawayama su OndaRock
Recensioni

RINA SAWAYAMA

SAWAYAMA

(2020 - Dirty Hit)
Caos multi-genere e piglio autobiografico per l'album di debutto della chiacchierata sensazione pop

Rina Sawayama sul web