Wilco

Cruel Country

2022 (dBpm) | americana, alt-country

Il ritorno alle origini: un passaggio doveroso nella carriera di molti musicisti. Ma dopo quattro decenni che fai musica ad alti livelli non puoi più tornare alle radici scrivendo e suonando come avresti fatto anni prima. Ancor più nel caso dei Wilco, impossibilitati ad affrontare il “come eravamo” senza tener conto di aver circumnavigato la materia alt-country, attraversandola, sezionandola e ricomponendola come mai nessuno prima, seguendo schemi inediti e caratterizzanti. Jeff Tweedy la possiede nel Dna, in passato ha saputo come maneggiarla e rimodellarla, non senza il contributo di compagni di viaggio spesso diversi, e sempre più bravi, integrandovi elementi non soltanto pop, rock o psych, ma persino kraut e noise, ponendo non di rado al centro del progetto il concetto di sperimentazione.

 

“Cruel Country” è quindi il miglior frutto possibile del percorso fin qui compiuto dalla band, il risultato di un’idea via via arricchita attraverso le esperienze di una vita e la consapevolezza dell’età adulta. Un disco solido, come i Wilco non ne producevano da anni, mi verrebbe da dire il migliore da “Sky Blue Sky”, ma lasciamo al tempo l’onere di certificare tale sensazione. Dentro vi troviamo una manciata di belle canzoni, alcune delle quali (in particolare “I Am My Mother” e “A Lifetime To Find”) contribuiscono a fissare in maniera determinante il mood generale, giustificando un titolo che gioca sul doppio senso generato dal termine “country”, interpretabile sia come stile musicale che come “nazione”, dualismo accompagnato da testi spesso amari su questioni esistenziali e politiche.

Se da una rapida osservazione dall’alto che il disco può apparire come sostanzialmente alt-country, zoomando verso i più piccoli particolari, ingrandendo i pixel del mix sonoro, è possibile scorgere una moltitudine di preziose divagazioni sul tema, che rendono il risultato finale stilisticamente omogeneo ma ricchissimo di dinamiche e interferenze, nel quale la lunghezza (parliamo di ben ventuno tracce) non diviene mai un punto debole.
Ad eccellere sono in particolare i due episodi dalla struttura meno convenzionale. “Bird Without A Tale/Base Of My Skull”, con la sua coinvolgente progressione strumentale, e “Many Worlds”, in pratica due canzoni in una: la prima parte fortemente malinconica, col piano a tenere le redini, la seconda più ritmata, impreziosita da un assolo che conferma il non comune estro di Nels Cline.
“Cruel Country”, a un ascolto attento e ripetuto, si rivela denso di contaminazioni e ricco di atmosfere. Non si tratta di un mero “back to the roots”: il sestetto spazia con naturalezza dal minimalismo spoglio di “Ambulance”, “The Universe” e “The Plains”, rette quasi esclusivamente su chitarra acustica e voce, all’ideazione di brani più “pieni” che si ricollegano alla grande tradizione Wilco di suonare un pop dal tratto beatlesiano (“Tonight’s The Day”, “Hearts Hard To Find”, “Tired Of Taking It Out On You”). Scorrono sontuose ballate sadcore (su tutte spicca “The Empty Condor”) ma anche eleganti frangenti spazzolati (“Please Be Wrong”) che ricordano quanto sublime e trasversale sia il drumming di Glenn Kotche, uno dei batteristi più talentuosi della sua generazione.

Il Covid ha lasciato in eredità il desiderio di tornare a suonare tutti assieme, dentro uno studio, cosa che i Wilco non facevano da un po’, e in questi solchi si percepisce quel senso di prossimità, l’urgenza di sorreggersi a vicenda, per creare un suono “semplice” ma completo, questa volta privo sia della propulsione elettrica dei loro momenti più rock oriented, sia del tratto sperimentale che permise al gruppo di spiccare il definitivo salto di qualità. “Cruel Country” possiede un sound confortevole ma mai banale, tradizionale ma uguale a nessun altro, dove i paragoni possibili e le influenze intercettabili sono soltanto verso altre forme di Wilco succedutesi negli anni, tutte diverse ma con un forte denominatore comune: l’illuminato songwriting di Jeff Tweedy.

Il leader di una delle più grandi band statunitensi degli ultimi decenni si sente finalmente pronto ad abbracciare quel termine “crudele” – country – che tanto ha abilmente evitato per gran parte della propria carriera, fra i motivi per i quali decise a un certo punto di mettere fine all’indispensabile esperienza Uncle Tupelo, per dirigersi verso qualcosa d’alt(ro). Nelle interviste ha sempre definito i Wilco – specie da “A Ghost Is Born” in poi - come una “rock band”, punto e basta. Oggi non ci starà certo ripensando, ma sente il dovere di esprimere quantomeno gratitudine verso il grande canzoniere folk americano, che adora, e di cui non può fare a meno di sentirsi parte, continuando a interpretarlo in maniera assolutamente personale e innovativa.

(01/06/2022)

  • Tracklist
  1. I Am My Mother
  2. Cruel Country
  3. Hints
  4. Ambulance
  5. The Empty Condor
  6. Tonight’s The Day
  7. All Across The World
  8. Darkness Is Cheap
  9. Bird Without A Tail / Base Of My Skull
  10. Tired Of Taking It Out On You
  11. The Universe
  12. Many Worlds
  13. Hearts Hard To Find
  14. Falling Apart (Right Now)
  15. Please be Wrong
  16. Story To Tell
  17. A Lifetime To Find
  18. Country Song Upside-Down
  19. Mystery Binds
  20. Sad Kind Of Way
  21. The Plains




Wilco su OndaRock

Monografia

Wilco

Out of the roots

Recensioni

WILCO

Summerteeth (deluxe edition)

(2020 - Rhino)
Sontuoso box per il disco che sancì la svolta alt-pop della band, il preludio di un ciclo ..

JEFF TWEEDY

Love Is The King

(2020 - Dbpm)
E' un affare di famiglia, sviluppato durante il lockdown, il quarto lavoro solista della mente dei Wilco ..

WILCO

Ode To Joy

(2019 - dBpm)
Il completamento dell'opera di sottrazione sonora per l'undicesima prova in studio di Jeff Tweedy e soci ..

JEFF TWEEDY

WARM

(2018 - dBpm)
Undici inediti pubblicati a nome proprio dall'autorevole voce dei Wilco

JEFF TWEEDY

Together At Last

(2017 - Dbpm Records)
Il leader dei Wilco rivisita per soli chitarra acustica e voce 11 tracce del proprio percorso artistico ..

WILCO

Schmilco

(2016 - Dbpm Records)
Il decimo lavoro in studio della band di Chicago punta su sonorità semi-acustiche

WILCO

Star Wars

(2015 - dBpm - Anti)
Il ritorno a sorpresa di una delle band-cardine del rock americano degli ultimi quindici anni

TWEEDY

Sukierae

(2014 - dBpm Records/ ANTI)
Il leader dei Wilco in libera uscita con un tour de force di ben 20 canzoni

WILCO

The Whole Love

(2011 - dBpm)

Gli Wilco e l'arte di tendere all'assoluto (anche dopo otto album)

WILCO

Wilco (The Album)

(2009 - Nonesuch)
Tweedy e soci alle prese con un variegato compendio della loro carriera

WILCO

Sky Blue Sky

(2007 - Nonesuch)

La ritrovata serenità di Jeff Tweedy in dodici nuovi brani

WILCO

A Ghost Is Born

(2004 - Nonesuch)

WILCO

Yankee Hotel Foxtrot

(2002 - Nonesuch)
Jeff Tweedy firma il suo "Pet Sounds" sfidando qualsiasi convenzione musicale e discografica

News
Live Report
Speciali

Wilco on web