Rock in Onda

Fabrizio De André

Sulla cattiva strada

di Claudio Fabretti

Un lungo viaggio tra le canzoni e le storie di Fabrizio De André nella nuova puntata di Rock in Onda, il programma condotto da Claudio Fabretti tutti i mercoledì dalle 12 alle 14 sulle web-frequenze di Radio Città Aperta (www.radiocittaperta.it).
Dalle ballate degli esordi, sospese tra mito e realtà, a un'evoluzione artistica costante, fatta di svolte, collaborazioni e progetti lungimiranti. La straordinaria parabola con cui Fabrizio De André ha rivoluzionato la canzone italiana, sfidando gli arroganti di ogni tempo con il linguaggio sferzante dell'ironia e senza mai cedere alle "leggi del branco".

Ascolta o scarica gratuitamente il podcast:


Fabrizio De André

 

Fabrizio De André è uno dei maestri indiscussi della canzone d'autore italiana. Profondamente influenzato dalla scuola d'oltre Oceano di Bob Dylan e Leonard Cohen, ma ancor più da quella francese degli "chansonnier" (Georges Brassens su tutti), è stato tra i primi a infrangere i dogmi della "canzonetta" tradizionale, con le sue ballate cupe, affollate di anime perse, emarginati e derelitti d'ogni angolo del mondo. Il suo canzoniere universale attinge alle fonti più disparate: dalle ballate medievali alla tradizione provenzale, dall'"Antologia di Spoon River" ai canti dei pastori sardi, da Cecco Angiolieri ai Vangeli apocrifi, dai "Fiori del male" di Baudelaire al Fellini dei "Vitelloni". Temi che negli anni si sono accompagnati a un'evoluzione musicale intelligente, mai incline alle facili mode e ai compromessi.
De André usava il linguaggio di un poeta non allineato, ricorrendo alla forza dissacrante dell'ironia per frantumare ogni convenzione.
Nel suo mirino, sono finiti i "benpensanti", i farisei, i boia, i giudici forcaioli, i re cialtroni di ogni tempo. Il suo, in definitiva, è un disperato messaggio di libertà e di riscatto contro "le leggi del branco" e l'arroganza del potere. Di lui, Mario Luzi, uno dei maggiori poeti italiani del Novecento, ha detto: "De André è veramente lo chansonnier per eccellenza, un artista che si realizza proprio nell'intertestualità tra testo letterario e testo musicale. Ha una storia e morde davvero".
Le musiche delle sue prime canzoni, radicate da Nicola Piovani dentro la tradizione popolare italiana, sono state negli anni contaminate da altre culture. Il suo linguaggio si è gradualmente evoluto verso il sincretismo, culminando nello straordinario "testamento spirituale" di "Anime salve", il suo ultimo album, concepito assieme a Ivano Fossati. È la conclusione del viaggio, lo sfogo, la sintesi del concetto di libertà, frutto del lungo contrasto tra la tesi di partenza (la voglia di libertà, di poter abbattere i confini e confrontarsi con il mondo esterno a sé stessi) e le numerose antitesi incontrate nel corso del viaggio (i prezzi da pagare per ottenere la libertà stessa). Nell'immaginario collettivo è l'epitaffio nell'epitaffio, il testamento pre-mortem di De André, per taluni addirittura il sunto dell'intera opera lirica e musicale dell'artista. Un ruolo ricoperto, aumentando il raggio di veduta, dall'intero “Anime salve”. Un ruolo non certo previsto per quello che resta indubbiamente uno dei vertici assoluti, per varietà stilistica e profondità lirica, della musica italiana, nonché l'ultimo regalo di uno dei suoi più grandi.


Vi ricordiamo di iscrivervi alla pagina Facebook di Rock in Onda, presso la quale potrete sempre trovare i podcast da scaricare, più le scalette integrali e tutte le news relative alla trasmissione.
Inviateci pure commenti, suggerimenti e proposte per le prossime puntate, su Facebook e all'indirizzo mail: rockinonda@ondarock.it Sarà un piacere costruire le scalette anche grazie al vostro contributo.

rockinonda_home2_01








Playlist
Scaletta del programma
  
 
1. La canzone di Marinella
2. Amore che vieni, amore che vai
3. La canzone dell’amore perduto
4. La guerra di Piero
5. Preghiera in gennaio
6. Via del Campo
7. Bocca di rosa
8. Carlo Martello ritorna dalla battaglia di Poitiers
9. Ballata degli impiccati
10. Inverno
11. Il sogno di Maria
12. Il testamento di Tito
13. Un giudice
14. La bomba in testa
15. Verranno a chiederti del nostro amore
16. Le passanti
17. Amico fragile
18. Rimini
19. Il pescatore (live con la Pfm)
20. Giugno '73 (live con la Pfm)
21. Andrea (live con la Pfm)
22. Fiume Sand Creek
23. Creuza de mä
24. Jamin-a
25. Don Raffaè
26. Anime salve
27. Le acciughe fanno il pallone
28. Geordie (duetto con Luvi De André, live)


Base strumentale: Folaghe

Fabrizio De Andre' su OndaRock
Recensioni

FABRIZIO DE ANDRE'

Anime salve

(1996 - Bmg Ricordi)
L'ultimo regalo di De André, per molti il suo testamento, di sicuro uno dei vertici assoluti della ..

FABRIZIO DE ANDRE'

Creuza De Ma

(1984 - Ricordi)
Il preveggente capolavoro "world-music" di De André

FABRIZIO DE ANDRE'

Tutti Morimmo A Stento

(1968 - Ricordi)
Attraverso una "cantata in si minore per solo, coro e orchestra" si compie un viaggio in un girone dantesco ..

News
Speciali