Fabrizio De Andre'

In direzione ostinata e contraria

2005 (Ricordi/Sony) | songwriter

La morte di Fabrizio De André, oltre ad averci privato di uno dei massimi cantautori italiani di sempre, ci ha lasciato in pasto a un inarrestabile fenomeno di cannibalismo musicale, mascherato sotto il voto rassicurante degli "omaggi", dei "tributi" e delle "celebrazioni". Un'orda di musicisti italioti ha così pensato bene di sovrapporre la propria voce a quella inconfondibile del cantautore genovese, reinterpretandone, con esiti a volte raccapriccianti, i suoi classici. Anche sul versante antologico-discografico non è andata molto meglio, con la raffica di raccolte abborracciate uscite a ciclo continuo per sfruttare adeguatamente il mito. Per tacere, poi, delle vacue rivisitazioni televisive Mollica-style...

Un'opera come quella che ci rigiriamo tra le mani con soddisfazione è quindi, in primo luogo, un sospiro di sollievo. Un "finalmente!" gridato in faccia a quanti finora avevano tentato in tutti i modi di inquinare una delle esperienze basilari del songwriting italiano. Già, perché il cofanetto "In direzione ostinata e contraria" - a cominciare dal titolo, perfetta sintesi della personalità di De André - rappresenta nel modo migliore l'eredità di una carriera quasi quarantennale, che ha preso per mano la canzone italiana, liberandola della stucchevole patina sentimentale che l'avvolgeva, e trascinandola nei dirupi della desolazione umana.

Le antologie, si sa, sono soggette a regole commerciali, che spesso partoriscono opinabili selezioni, specialmente quando c'è il Natale di mezzo. In questo caso, però, si ha l'impressione davvero di avere a che fare con i pezzi pregiati del canzoniere deandreiano. Nei tre cd, infatti, sono raccolti ben 54 brani, che ripercorrono "la cattiva strada" di Fabrizio dalle origini fino ai capolavori degli anni 80 e 90. Dalle ballate folk della giovinezza alle murder ballads di "Tutti morimmo a stento", dall'atto di fede laico de "La Buona Novella" (che lo stesso De André considerava il suo album più riuscito) alle spietate (auto)analisi politiche e sentimentali di album come "Storia di un impiegato" e "Volume VIII" (il disco dell'incontro con Francesco De Gregori), dalle memorie del sequestro de "L'Indiano" alla world-music ante-litteram di "Creuza de mä" e al songwriting maturo, eppur ancora freschissimo, di "Anime Salve", il suo vero epitaffio, nato dal sodalizio con l'altra anima migrante genovese, Ivano Fossati.

Brani ormai entrati a far parte del patrimonio non solo della musica, ma anche della cultura e del costume italiani, ai quali se ne affiancano altri pressoché inediti, come "Titti", ispirata da "Dona Flor" di Jorge Amado, "Una storia sbagliata", dedicata a Pasolini, la commovente versione di "Geordie" cantata con la figlia Luvi e l'inedito duetto live di "Cose che dimentico", insieme al figlio Cristiano.

A guidare l'intera operazione, la mano amorevole di Dori Ghezzi, che ha scelto e curato personalmente tutti i brani, con la supervisione del Maestro Gian Piero Reverberi, già arrangiatore in sei album di Fabrizio. Ed è della vedova del cantautore ligure anche l'inconsueta scelta di "demasterizzare" le tracce. Grazie al certosino lavoro di Antonio Baglio, sono stati infatti recuperati tutti i nastri master e si è intervenuti sul suono con minimi accorgimenti, usando solo gli strumenti disponibili nell'anno di pubblicazione dei brani. In questo modo si sono cancellati tutti gli strati di compressioni digitali che avevano aggiunto le varie riedizioni delle canzoni, riportandone alla luce lo spirito originario, imperfezioni comprese. Un ulteriore passo "in direzione ostinata e contraria", ma anche una sincera testimonianza d'amore.

Completa il box un ricco booklet di cinquantadue pagine con foto, testi e una prefazione di Aldo Grasso. Se davvero le liriche di De André - come si blatera da anni - dovessero mai entrare nei programmi scolastici, questo libretto ne sarebbe il sunto ideale. L'eredità di un poeta non allineato, che usava la forza dissacrante dell'ironia per denunciare l'ipocrisia di quella stessa borghesia cui apparteneva. Un disperato messaggio di libertà e di riscatto contro "le leggi del branco" e l'arroganza del potere.

"In direzione ostinata e contraria" è un'opera che, senza esagerazione, si potrebbe definire necessaria. Per chi ha amato De André e per chi non lo conosce ancora.

  • Tracklist

Disc 1

  1. Amore che vieni amore che vai
  2. La città vecchia
  3. Via del Campo
  4. Bocca di Rosa
  5. La canzone di Marinella
  6. Ballata dell´amore cieco o della vanità
  7. Carlo Martello ritorna dalla battaglia di Poitiers
  8. La guerra di Piero
  9. La ballata dell´eroe
  10. Il pescatore
  11. Canzone dell´amore perduto
  12. La ballata del Miché
  13. Preghiera in gennaio
  14. Valzer per un amore
  15. Si chiamava Gesù
  16. Il sogno di Maria
  17. Ave Maria
  18. Il testamento di Tito
  19. Inverno
  20. Girotondo
  21. Terzo intermezzo
  22. Corale (Leggenda del Re infelice)

Disc 2

  1. La collina
  2. Un giudice
  3. Un ottico
  4. Il suonatore Jones
  5. Introduzione
  6. Canzone del maggio
  7. Il bombarolo
  8. Verranno a chiederti del nostro amore
  9. La cattiva strada
  10. Giugno ´73
  11. Canzone per l´estate
  12. Amico fragile
  13. Andrea
  14. Volta la carta
  15. Titti
  16. Una storia sbagliata
  17. Geordie

Disc 3

  1. Fiume Sand Creek
  2. Hotel Supramonte
  3. Se ti tagliassero a pezzetti
  4. Creuza de mä
  5. Sidún
  6. Â duménega
  7. La domenica delle salme
  8. A cimma
  9. Don Raffaè
  10. Khorakhané (A forza di essere vento)
  11. Princesa
  12. Ho visto Nina volare
  13. Anime salve
  14. Smisurata preghiera
  15. Cose che dimentico (versione live inedita cantata con C. De André )
Fabrizio De Andre' su OndaRock
Recensioni

FABRIZIO DE ANDRE'

Anime salve

(1996 - Bmg Ricordi)
L'ultimo regalo di De André, per molti il suo testamento, di sicuro uno dei vertici assoluti della ..

FABRIZIO DE ANDRE'

Creuza De Ma

(1984 - Ricordi)
Il preveggente capolavoro "world-music" di De André

FABRIZIO DE ANDRE'

Tutti Morimmo A Stento

(1968 - Ricordi)
Attraverso una "cantata in si minore per solo, coro e orchestra" si compie un viaggio in un girone dantesco ..

Fabrizio De Andre' on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.