National

Boxer

2007 (Beggars Banquet) | wave, alt-rock

Etichettare i National, e nello specifico il loro ultimo, splendido, "Boxer", come l'ennesimo disco Joy Division-oriented è abbastanza fuorviante.
Fuorviante e sbagliato. Il disco affonda le radici nella new wave più classica, con brani come "Mistaken For Strangers", che gli Interpol stessi pagherebbero per scrivere, con un eccelso lavoro sulla ritmica, o "Guest Room", stessi lidi, stessa melanconia e batteria controtempo, un gioiello per le orecchie, forse il loro brano più rappresentativo.

Sebbene, e basta leggere i credits, la stragrande maggioranza dei brani sia frutto di una composizione corale, a farla da padrona è l'incredibile voce di Matt Berninger (la butto là, il nuovo Leonard Cohen?) che aggiunge quel qualcosa che a molti altri gruppi simili manca. Si coglie lo spessore, nella composizione e nel posarsi tra le note, come nella splendida conclusiva "Gospel", ballata tutta piano e voce, con un tappeto che tira fuori ricordi di folk apocalittico, come un po' tutto l'intero lavoro. Ed è anche questa la forza di "Boxer", il sapere di non essere un disco qualunque, la sua coscienza di volere essere un po' tutto e un po' niente. Un disco finanche disincantato, con parole di ghiaccio come "Start a war", che fa gruppo con "Green Gloves" e con "Guest Room" nel cuore della tracklist, due canzoni che sembrano fuori contesto, quasi colonne sonore di un inverno che non è mai arrivato e che è rimasto segnato sul calendario. Un dato di fatto innegabile e circoscritto a tre mesi, mentre le note del gruppo scivolano via, evocando ricordi e sensazioni. Con classe, non intesa come mero esercizio di stile o in un senso di freddezza. La classe del Nick Cave che scriveva "Murder Ballads" o dei Joy Division che scrivevano "Closer".

L'arte, il gusto e lo studio del passato che emerge tra i suoi solchi consente a "Boxer" di occupare un posto d'onore tra i dischi dell'anno. Un'ultima nota e un po' una preghiera, è un disco non propriamente difficile, ma che nel suo piccolo necessita di più di un ascolto per non essere giudicato troppo omogeneo, piatto e monocorde. Se potete, fate una cosa, ascoltatelo una volta e poi riposatevi un po', tornate su "Squalor Victoria", e chiedetevi da quanti gruppi o cantautori avete sentito una canzone di questo tipo, in cui perdervi tra note scarne di un pianoforte, una batteria che sembra uscita da "Warsaw", e una chiusura così. Una chiusura che vorresti non arrivasse mai. C'è speranza nel mondo se c'è chi ha ancora coraggio di scrivere dischi del genere. O meglio: se c'è chi ancora riesce, a scrivere dischi del genere.

(21/05/2007)

  • Tracklist
1. Fake Empire
2. Mistaken for Strangers
3. Brainy
4. Squalor Victoria
5. Green Gloves
6. Slow Show
7. Apartment Story
8. Start a War
9. Guest Room
10. Racing Like a Pro
11. Ada
12. Gospel
AA.VV. su OndaRock
Recensioni

AA.VV.

Day Of The Dead

(2016 - 4AD)
La "mostruosa" compilation-tributo ideata dai National per i Grateful Dead e la lotta all'Aids

NATIONAL

Trouble Will Find Me

(2013 - 4AD)
Dove non arrivano l'urgenza e la freschezza, riesce la classe a mantenere la rotta della band-icona ..

NATIONAL

High Violet

(2010 - 4AD)
Atmosfere nostalgiche e arrangiamenti raffinati per il successore dell'acclamato "Boxer" ..

NATIONAL

Virginia Ep

(2008 - Beggars Banquet)
I National celebrano "Boxer" con un Ep sul suo "making of"

NATIONAL

Alligator

(2005 - Beggars Banquet)

NATIONAL

Sad Songs For Dirty Lovers

(2003 - Brassland)
Il promettente secondo lavoro della band di Cincinnati, guidata da Matt Berninger

News


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.