Tori Amos

Abnormally Attracted To Sin

2009 (Universal) | songwriter, pop

Qualcuno fermi Tori Amos! Prima di sentire già il sibilo delle frecce avvelenate dei fan, meglio spiegare... Qui si tratta di preservare uno dei talenti più puri del cantautorato femminile degli ultimi anni. Un vulcano in eruzione, che per una intera decade ha incendiato cuori, ma che da almeno un lustro sta sparando a salve, in un'inquietante escalation megalomane. Se infatti la sintesi non è mai stata una virtù neanche della meravigliosa Cornflake girl degli anni 90, è indubbio che, a partire dagli itinerari tortuosi (seppur non privi d'interesse) di "Scarlet’s Walk", Tori Amos ha smarrito il senso della misura, continuando a sfornare concept-album sempre più prolissi ed estenuanti, in cui anche i pochi acuti finivano sepolti sotto una valanga di suoni bolsi e insignificanti. Così, mentre il suo songbook lievitava a dismisura, la sua musica diveniva sempre più di routine, col rischio di disperdere il cuore prezioso della sua arte, racchiuso tra i quattro memorabili dischi prodotti dal 1992 al 1998. Una pervicacia che, oltre a costarle un brusco calo di vendite, ha disorientato anche una comunità di fan d'incrollabile devozione, la stessa che l’aveva eletta addirittura "Goddess of rock".

Ma niente da fare. Dopo i 18 brani di "Scarlet’s Walk", i 19 di "The Beekeeper" e i 20+3 di "American Doll Posse", eccone altri 17 e altrettanti visualette (filmati d’accompagnamento diretti dal regista Christian Lamb e inclusi nel Dvd dell’edizione deluxe) per "Abnormally Attracted To Sin", suo decimo lavoro sulla lunga distanza, nonché debutto per la nuova etichetta Universal.
Il "concept" stavolta è la definizione di "potere e di successo nelle relazioni interpersonali", in un mondo "capovolto dalla crisi economica", aggiunto alle solite ossessioni sessuali e religiose. Fil rouge già di per sé esile e che non può non sfrangiarsi nell’arco dei 73 minuti di un disco che regala comunque qualche accento lirico degno di nota, soprattutto nei bozzetti femminili.
Musicalmente, invece, siamo al cospetto dell’ennesima abbuffata di stili, scandita da batterie elettroniche downtempo e dal drumming del fido Matt Chamberlain (collaboratore principale del disco assieme al marito di Tori, il tecnico del suono Mark Hawley). Anche gli arrangiamenti sono sempre un po' saturi - archi, piano chitarre, elettronica - con la voce che ne esce a volte offuscata, quasi fosse trattenuta rispetto ai voli epici dei tempi d'oro.

La partenza però, a dirla tutta, è delle più convincenti dai tempi di "From The Choigirl Hotel" (di cui peraltro il disco appare una sorta di copia minore ultradiluita): il trip-hop à-la Portishead di "Give" è una folgorazione elettrica che ridesta da anni di torpori, col suo possente drumbeat e i volteggi vocali della Amos a planare su un robusto tappeto di piano, synth e chitarre. Anche il singolo "Welcome To England" si mantiene a galla, tra interplay synth-piano e un refrain di facile presa. Ma già "Strong Black Vine" (un'allusione all'ayahuasca, l'infuso psicotropo sudamericano caro alla Amos?) scivola in un'aggressività sopra le righe, enfatizzata dagli archi e dalla batteria. E da qui in poi l'ascolto si fa sempre più laborioso...

A uscire dal limbo dell’anonimato sono quei brani in cui Tori va alla ricerca di soluzioni nuove: il musichall di "That Guy", il cabaret di "Mary Jane" e soprattutto il soft-jazz ipnotico di "Lady In Blue", con il trascinante crescendo finale di piano e chitarra elettrica.
Anche la Tori balladeer fatica a estrarre dal cilindro quei prodigi melodici che l’hanno resa celebre: fanno eccezione la struggente "Maybe California", che costruisce attorno agli archi e al dramma di una madre californiana suicida il brano migliore del disco, e la title track, forte di un bel giro di Hammond e di una interpretazione calda e vellutata.
Non mancano, purtroppo, oltre ai tanti riempitivi, alcune clamorose scivolate nel kitsch: pezzi come "Not Dying Today", "Police Me" e "500 Miles" forse non sarebbero riusciti a entrare nemmeno nella tracklist del famigerato – e da lei stessa rinnegato – "Y Kant Tori Read".
In definitiva, sarebbe bastato solo dimezzare i brani, per ottenere un disco, se non memorabile, almeno sufficiente.

Sempre più levigata, smussata d’ogni asperità, la musica di Tori Amos sembra seguire sinistramente la stessa piega del suo aspetto fisico, di quei suoi capelli ch’erano rosso fuoco e riccioli incolti e sono diventati innaturalmente ramati o parrucche lisce come la seta, di quel suo bel volto sexy e sbarazzino, oggi tirato a lucido come una bambola di porcellana. Ma sotto la cenere cova ancora il fuoco di un talento unico che, se saprà ritrovarsi con la giusta convinzione (e misura), potrà ardere ancora.

(17/05/2009)



  • Tracklist
  1. Give
  2. Welcome to England
  3. Strong Black Vine
  4. Flavor
  5. Not Dying Today
  6. Maybe California
  7. Curtain Call
  8. Fire to Your Plain
  9. Police Me
  10. That Guy
  11. Abnormally Attracted to Sin
  12. 500 Miles
  13. Mary Jane
  14. Starling
  15. Fast Horse
  16. Ophelia
  17. Lady in Blue
Tori Amos su OndaRock
Recensioni

TORI AMOS

Native Invader

(2017 - Decca)
Un album politico e personale al tempo stesso, in cui la Amos sembra raggiungere un punto d'equilibrio ..

TORI AMOS

Unrepentant Geraldines

(2014 - Mercury Classics)
Un sorprendente ritorno a casa per la "cornflake girl"

TORI AMOS

Gold Dust

(2012 - Deutsche Grammophon / Mercury Classics)
Tori Amos firma l'ennesimo polverone fine a se stesso

TORI AMOS

Night Of Hunters

(2011 - Deutsche Grammophon)
Un album classico inciso per la Deutsche Grammophon restituisce sprazzi dei bei tempi che furono

TORI AMOS

Midwinter Graces

(2009 - Universal)
La cantautrice del North Carolina si gioca la carta del "disco invernale"

TORI AMOS

American Doll Posse

(2007 - Epic)
Altra delusione per la rossa cantautrice del North Carolina

TORI AMOS

The Beekeeper

(2005 - Sony/Bmg)

TORI AMOS

Scarlet's Walk

(2002 - Epic)

TORI AMOS

Under The Pink

(1994 - East West)
Il magistrale capitolo secondo della “cornflake girl”, che riportò alla ribalta la ..

News
Speciali

Tori Amos on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.