Sam Rosenthal

The Passage

2011 (Projekt) | ambient

Il magnate della Projekt e dei Black Tape For A Blue Girl Sam Rosenthal è una delle figure fondamentali della scena dark-wave degli ultimi due decenni. Nonostante ciò, all'insaputa di gran parte degli appassionati, i suoi primi esperimenti (di cui unica traccia reperibile è l'album "Before The Buildings Fell" risalente al 1983) erano caratterizzati dall'utilizzo esclusivo di strumentazione elettronica e da atmosfere vicine al minimalismo ambient del primo Steve Roach, ben distanti dalla magniloquenza sonora del suo progetto più noto.

A distanza di molti anni da quei tempi, in Rosenthal pare essersi riaccesa la scintilla di passione verso l'ambient music, in realtà mai spentasi del tutto (basti pensare alla collaborazione con Dirk Serries in "Terrace Of Memories" del 1992 e in molti inserti negli album dei Black Tape) sfogata dapprima nel side-project As Lonely As Dave Bowmann e ora in questo suo secondo album solista, contenente due soli brani in cui il secondo è in realtà coda del primo. Nei tre quarti d'ora scarsi della title track Rosenthal riprende in mano l'omonima composizione che concludeva il meraviglioso "As One Aflame Laid Bare By Desire" sviscerandone l'essenza più intima e dilatandone ogni tratto, iniettando rivoli sonori in ogni fessura di silenzio. Quel che ne viene fuori è una mastodontica sinfonia di rarefatti soundscape ambientali, in grado di essere scambiata con i migliori episodi del Thom Brennan più in forma (quello stesso che nel 2001 partorì il capolavoro "Vibrant Water").

Per tutta la durata della suite il flusso sonoro viaggia imperturbabile e con lentezza in un cosmo astratto, assimilando qua e là variazioni di tonalità e l'ingresso o l'uscita di una sua parte. Il tutto prosegue così in una quiete che viene mossa solo dall'esplosivo e poderoso finale di "Rae", dove a fare il suo ingresso è il violino elettrico di Vicki Richards, scomposto in una miriade di sequenze sonore e in grado di rappresentare una sorta di atterraggio e la contemporanea fine del viaggio.

Dopo la bontà dell'esperimento dronico di "POD", Sam Rosenthal conferma le sue capacità di scultore ambientale già in parte emerse in "Terrace Of Memories", rivelandoci così definitivamente un lato della sua personalità artistica mai in grado di attirare l'attenzione al pari di quello dark-gothic. E visti i recenti non eccelsi risultati del progetto Black Tape (l'ambizioso ma imperfetto "10 Neurotics"), quello ambientale potrebbe divenire il versante su cui riversare le maggiori aspettative per le sue future produzioni.

(22/07/2012)

  • Tracklist
  1. The Passage
  2. Rae
Black Tape For A Blue Girl su OndaRock
Recensioni

BLACK TAPE FOR A BLUE GIRL

Blood On The Snow

(2017 - Projekt Records)
Un breve assaggio di malinconia ed eleganza dallo storico progetto di Sam Rosenthal

BLACK TAPE FOR A BLUE GIRL

These Fleeting Moments

(2016 - Projekt)
L'atteso ritorno di Sam Rosenthal sotto il suo storico moniker darkwave

BLACK TAPE FOR A BLUE GIRL

Limitless

(2016 - Projekt Records)
Un mini che ha anticipato il ritorno dopo 7 anni della creatura darkwave di Sam Rosenthal

BLACK TAPE FOR A BLUE GIRL

Tenderotics

(2013 - Projekt)
Torna lo storico marchio di Sam Rosenthal per una manciata di remix

SAM ROSENTHAL

Tanzmusik (ristampa)

(2012 - Mannequin)
La ristampa di un gioiello incastonato di sogni sintetici e piccoli sentieri elettronici

BLACK TAPE FOR A BLUE GIRL

10 Neurotics

(2009 - Projekt)
Cambia pelle all'insegna del dark-cabaret lo storico progetto di Sam Rosenthal

BLACK TAPE FOR A BLUE GIRL

Remnants Of A Deeper Purity

(1996 - Projekt)
Il capolavoro gotico della band di Sam Rosenthal e dell'intera epopea Projekt

Sam Rosenthal on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.