La Piramide di Sangue

Tebe

2012 (Boring Machines / Sound Of Cobra) | psichedelia esoterica

Dopo la sbornia alternative degli anni Novanta, la rete ha favorito l'emergere di musiche non convenzionali legate a linguaggi eterodossi. Liberati dalla camicia di forza del formato canzone (indie) rock, "gli italiani lo stanno facendo meglio" degli altri; anzi, sin dai tempi dei Morricone e degli Umiliani i musicisti della penisola sono un punto di riferimento in un certo ambito di musiche "altre". E gli anni Zero sono stati un decennio eccezionale per le musiche altre in salsa tricolore - se n'è accorto a più riprese persino The Wire, solo per citare il magazine estero più importante.

Questo per dire che il momento d'oro dello "spaghetti sound" non sembra essere passato: nel campo della psichedelica più oscura e degradata i nostri continuano a dettar legge. Se vi piacciono Mamuthones, Squadra Omega, Father Murphy, Cannibal Movie, Heroin In Tahiti e altri degenerati di simile fatta(nza), allora la Piramide di Sangue fa proprio al caso vostro. In due parole si tratta del progetto di Stefano Isaia, ugola dei Movie Star Junkies - già autore di una prima cassettina uscita a nome Gianni Giublena Rosacroce - che qui si fregia dell'aiuto di altri sei musicisti fumati di brutto. Per fare cosa? Semplicemente per spappolarvi le cervella e friggervele al sole, alla maniera di formazioni come Aktuala, Agitation Free, Beetween, Sensations' Fix, Missing Brazilians e Gala Drop. Insomma, siamo dalle parti di una psichedelica krauta (finto) etno dall'impianto ritmico poderoso, da cui emerge un senso di straniamento legato al caldo e all'asfalto, a qualcosa di psicotico e malato per quanto sottilmente ironico (guardatevi il video di "Sandalo"); al contempo viene stimolata una percezione di dannata precarietà, come sentire "l'odore appiccicoso" del kebab o come guardare degli ambulanti extracomunitari vagare senza meta per i mercatini rionali di Roma.

Il tratto distintivo di "Tebe" è, infatti, una sorta di instabilità ovattata - nel senso che i pezzi sembrano inizialmente reggersi su strutture ripetitive e persino prevedibili, salvo poi distendersi lungo direttrici avventurose. Di grande impatto sono le ritmiche, ed è intorno ad esse che vanno ad annodarsi il resto degli eventi sonori, comprese le sfiammate di clarinetto e di synth. È probabile che dal vivo suonino ancor più esplosivi, perciò sarebbe auspicabile un'apparizione sanremese: se ne hanno fatta una a testa Avion Travel e Quintorigo, perché non La Piramide di Sangue?

(27/07/2012)

  • Tracklist
  1. Sangue
  2. Tu getti sale sulle mie ferite
  3. In bici sulla strada della perdizione
  4. Io sono la tigre
  5. Complotti a Tebe
  6. Sandalo
  7. L'invasione delle locuste
La Piramide di Sangue su OndaRock
Recensioni

LA PIRAMIDE DI SANGUE

Sette

(2014 - Sound Of Cobra/Boring Machines)
Secondo album per il collettivo psichedelico piemontese

La Piramide di Sangue on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.