Great Saunites

Nero

2016 (Hypershape et al.) | avant-rock, psych

Dopo una discreta pausa, già più lunga dei loro soliti standard, il duo lodigiano dei Great Saunites (Marcello “Atros” Groppi e Angelo “Leonard Layola” Bignamini) torna con un disco nuovamente ambizioso, “Nero”.

La traccia eponima di 19 minuti all’inizio raduna qualche cliché della psichedelia (loop di gong in stereofonia) ma rinnovandoli nella caratura sonica (una suadente danza industriale elettronica), che in chiusa si rarefanno in scampoli di musique concrete e tocchi diafani di marimba. Le loro ormai tipiche cavalcate cosmiche di basso e batteria a mo’ di raga sono invece più sottofondo brumoso che devastazione, e anche i miasmi elettronici si fanno decorazione: nel suo insieme la suite è stanchina e non così coesa.

“Lusitania” (9 minuti) mantiene la medesima impostazione, ma con più forza sciamanica (la ripetizione ad libitum di semplici figure tribali di batteria e dei riff a glissando del basso crea ancora una buona catarsi), anche se poi scala marcia in una stasi plumbea Pink Floyd-iana.
Il rondò dell’ideale sonata, “Il quarto occhio”, aumenta ancora la tensione, poi attraversa un’oasi nera di riverberi dub, e si ricollega al primo riff della title track per chiudere il cerchio (ma non fa il botto).

Successore, più che del monolite “The Ivy” (2013), dell’esperienza con Attilio Novellino nella jam improvvisata “Radicalisme Mecanique” (2014), e - certo - di quella interna con Lucifer Big Band. Ne eredita la parte più creativa e più fascinosa, il contorno purtroppo, sculture di suono che circondano senza posa e con dosata cupezza l’interplay dei due. Una sostanza musicale ancora incerta se fare il grande passo o rimanere al sicuro. Altra co-produzione: Hypershape, Il Verso Del Cinghiale, HYSM?, Neon Paralleli. Rico al mixer.

(15/01/2016)

  • Tracklist
  1. Nero
  2. Lusitania
  3. Il quarto occhio
Great Saunites su OndaRock
Recensioni

GREAT SAUNITES

Brown

(2018 - Hypershape et al.)
Ultima e più sperimentale parte della "cromatic trilogy" del duo lodigiano

GREAT SAUNITES

Green

(2016 - Hypershape)
Nuovo tentativo per il duo heavy-psichedelico di Lodi

THE GREAT SAUNITES

The Ivy

(2013 - HYSM?/ Il Verso del cinghiale/ Lemming/ Bloody Sound Fucktory/ Neon Paralleli/ Terracava/ Villa Inferno)
Il nuovo disco del duo lodigiano, tra slanci psichedelici ed esplorazioni kraut

THE GREAT SAUNITES

Delay Jesus '68

(2012 - Hypershape Records)
Un disco di psichedelia heavy e oscura

Great Saunites on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.