Unimother 27

AcidoXodica

2018 (Pineal Gland) | psych-rock, acid-rock

E’ un periodo molto prolifico della scena psichedelica italiana contemporanea, sia essa quella classica legata al blues più dilatato (i fiorentini Psychedelic Witchcraft), al kraut-rock (i biellesi Sabbia), alle sonorità cosmiche (i lodigiani Great Saunites), all’heavy-psych-rock strumentale (i romani L’ira del baccano) o quella più prossima al formato della canzone pop vagamente lisergica (il torinese Andrea Laszlo De Simone). Tra questi spicca per originalità il progetto del polistrumentista pescarese Piero Ranalli, Unimother 27.

Già membro delle band Areknamés e Insider, Piero Ranalli giunge al suo sesto Lp targato Unimother 27 con l’approccio psych-space-kraut che lo ha sempre contraddistinto. Un viaggio tra assoli hendrixiani, viaggi spaziali-lisergici alla Ash Ra Tempel, atmosfere da raga indiano, reminiscenze floydiane fino a più moderne ripetizioni ossessive in stile massimalista. Quello che rende particolarmente originale il nuovo “AcidoXodicA” è l’abbandono della batteria per un uso costante delle percussioni sulle quali si inseriscono uno dopo l’altro - alternativamente - basso, chitarra e sintetizzatore (tutti suonati da Piero Ranalli).

Momenti iper-lisergici si affiancano ad altri con percussioni in un connubio sempre interessante tra Jimi Hendrix e tribalismi alla Cromagnon. Ma è il viaggio la vera meta di Ranalli, sia esso nella mente o nello spazio; “Allunare era nulla” - con un inizio cosmico alla Tangerine Dream e un'intro di chitarra che ci trasportano in un intermezzo di ripetizione continua in stile Glenn Branca per poi tornare alla più classica chitarra acida - è una perfetta sintesi delle idee di Ranalli.
“A valle tra masse essa martellava” è il momento più floydiano dell’album, in particolare i Pink Floyd di “A Saucerful Of Secrets”. “Ossesso” e la dilatata "Opporti a me non è mai troppo" sono altri momenti di altissimo livello, dove l’impressione è quella di Jimi Hendrix che suoni in una danza tribale in Africa. La breve “E' corta e atroce” contiene ancora gli elementi forti di Ranalli, ma caricati di una maggiore forza e potenza.

Colpiscono la tecnica e la passione di un musicista capace di emozionare partendo da uno dei pilastri della tradizione rock, riuscendo a evitare l'eccessiva calligraficità grazie all'arricchimento con elementi personali che rappresentano la vera forza di "AcidoXodica".

(15/02/2018)



  • Tracklist
  1. Ossesso
  2. Opporti a me non è mai troppo
  3. Allunare era nulla
  4. A valle tra masse essa martellava
  5. E' corta e atroce
  6. Arte tetra
  7. Eterni attici di città in rete


Unimother 27 on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.