Radio Dept

Lesser Matters

2003 (Labrador) | pop

Era inevitabile. Neanche il dream-pop è stato risparmiato dall’ondata revivalistica che a più livelli (punk, wave, electropop e chi più ne ha, più ne metta) sta investendo la scena di inizio millennio. La corrente musicale che, a partire da metà anni 80 con Cocteau Twins e i Jesus and Mary Chain e attraverso la variante shoegaze di gruppi come My Bloody Valentine, Ride e Slowdive ha connotato la scena indie dei 90 con le sue atmosfere sognanti e distanti, spesso fortemente psichedeliche (si ricordi l’attività pionieristica degli Spacemen 3), ma comunque caratterizzate da una spiccata attitudine pop (di scuola Velvet Underground), viene oggi rievocata (o meglio, rivendicata) dagli svedesi Radio Dept. Capitanati da Martin Larrson e John Duncanson, dopo un inizio in sordina già nel 1998, hanno recentemente guadagnato le luci della ribalta indie pop internazionale con "Lesser Matters", silloge di tredici brani accolta entusiasticamente (a ragione, aggiungiamo) dalla stampa specializzata.

I Radio Dept, a differenza di molte formazioni recentemente affermatesi, non compiono una sterile riesumazione di linguaggi musicali già consolidati e affermatisi in un passato più o meno distante rispetto a essi, ma rivitalizzano soluzioni sonore sempre vincenti, alla luce di una capacità melodica e compositiva che non può (e non deve) passare inosservata. Se le atmosfere ricreate sono quelle del dream-pop, l’impianto sonoro gioca su un miracoloso equilibrio tra acustico e sintetico, supportato da una innata propensione alla melodia; quello che nello shoegaze tradizionale veniva per lo più espresso da vortici sonori di chitarre distorte e rumorose, in "Lesser Matters" diventa un pop soffuso e dreamy, spesso di impianto acustico, caratterizzato da un sapiente e accorto uso dell’elettronica, mai predominante, ma essenziale elemento del paesaggio sonoro.

"Too Soon" è solo un’introduzione, un preambolo di synth e tastiere melliflue che, dopo appena un minuto ci porta verso il garage solare di "Where Damage Isn't Already Done", dominata da chitarre e batteria dal ruvido suono lo-fi (alla Sebadoh); ciò che subito colpisce è una struttura melodica semplicemente memorabile, ed è solo l’inizio. "Keen On Boys" conduce in territori palesemente shoegaze: tra riverberi, suoni in reverse, lunghi drone di chitarra e una lineare melodia vocale, sembra di ascoltare un vecchio disco della gloriosa Creation Records; "Why Won't You Talk About It?", corredata da inconfondibili suoni ovattati, feedback e ritmo martellante, rincara la dose, mostrandoci una versione soft dei primissimi Jesus and Mary Chain coi synth al posto delle chitarre; "It’s Been Eight Years" è una dolce ballata venata di elettronica che non sfigurerebbe nel repertorio dei Notwist, mentre con "Bus" ci si ritrova immersi in un’impalpabile malinconia di ascendenza smithsiana, o meglio, una sorta di Belle and Sebastian travestiti sinteticamente.

Dopo "Slottet#2", strumentale da soundtrack non troppo distante da certe atmosfere targate Air, viene uno dei pezzi "forti": "1995", sin dal titolo citazione di "1979" degli Smashing Pumpkins. Un piccolo capolavoro di scrittura, retto da un riff di chitarra acustica in sincrono con la voce (in puro stile Nick Drake) che, in un crescendo di synth avvolgenti e arpeggi di chitarra a cascata porta a un ritornello degno della miglior scuola indie-pop. Un gioiellino. "Against The Tide" si muove sulle medesime coordinate, mentre "Strange Things Will Happen", complice la voce infantile della bassista Lisa Carlberg, riporta alla mente addirittura i mitici Pastels.

Gli ultimi episodi di questo disco sono quelli maggiormente caricati in senso emozionale, dal folk younghiano (scandito più dall’organo che dalle chitarre) di "Your Father", attraverso la wave di "Ewan" (altro picco dell’album, anche solo per l’intreccio di tastiere grevi e chitarre alla Joy Division/Cure) fino alla chiusura di "Lost And Found" che, con una memorabile frase di chitarra finale carica di spleen, disarma definitivamente l’ascoltatore.

"Lesser Matters" è la dimostrazione di come la scena musicale odierna non sia soltanto emulazione pedissequa e selvaggia del passato, ma possa ancora fornire sintesi originali e ispirate, in un linguaggio nuovo ed efficace. Più semplicemente, un disco da amare.

(29/10/2006)

  • Tracklist

1 Too soon
2 Where damage isn't already done
3 Keen on boys
4 Why won't you talk about it?
5 It's been eight years
6 Bus
7 Slottet#2
8 1995
9 Against the tide
10 Strange things will happen
11 Your father
12 Ewan
13 Lost and found

Radio Dept. su OndaRock
Recensioni

RADIO DEPT.

I Don't Need Love, I've Got My Band

(2019 - Just So)
Ristampa in un unico Lp per i due Ep più famosi della band indie-pop svedese

RADIO DEPT.

Running Out Of Love

(2016 - Labrador)
Fra passato e futuro, evoluzioni dance-pop e innovazione, Duncansson e soci stupiscono ancora

RADIO DEPT.

Clinging To A Scheme

(2010 - Labrador)
Le trasognate mutazioni della band di punta dell'indie-pop svedese, al suo atteso terzo album

RADIO DEPT

Pet Grief

(2006 - Labrador)

Radio Dept on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.