Stereolab

Oscillons From The Anti-Sun

2005 (Too Pure) | alt-pop

Scaricati dalla Elektra a causa delle vendite inferiori alle aspettative (sic), gli Stereolab tornano all'etichetta che li ha lanciati, la Too Pure. Per festeggiare il (lieto?) evento, la prima uscita è un cofanetto di tre cd e un Dvd, questo "Oscillons From The Anti-Sun", che raccoglie tutti i brani di nove singoli, o meglio Ep se si decide di seguire la fumosa distinzione operata dal gruppo sul suo sito. Sono tutti quelli tratti dagli Lp usciti nel periodo 1993-2001, nonché "Fluorescences", in questa compilation unico singolo a non essere stato originato da un album.

A differenza dei tre "Switched On", "Oscillons From The Anti-Sun" non è indispensabile. O meglio, è allo stesso tempo indispensabile e superfluo, sia per i vecchi appassionati degli Stereolab sia per i neofiti. Non è minimamente esaustivo nonostante i tre cd (colpa, se di colpa si tratta, della sterminata produzione extra-album della band), né contiene praticamente niente di inedito. Eppure vi sfido a trovare "Fruition" o "Pain Et Spectacles" su supporto laser all'infuori di qui. Oppure provate a spiegare a un neofita che "Cybele's Reverie", "Pinball" e "Ping Pong", tre delle canzoni più belle che Gane e Sadier abbiano mai scritto, sugli "Switched On" non ci sono e qui sì, ma deve cominciare da quelli e non da "Oscillons From The Anti-Sun". In fondo l'intera discografia degli Stereolab è un monumento all'arte di mettere in difficoltà il completista: poteva la nuova uscita essere da meno?

La formula, dunque, è quella nota, ma che non stanca. Il pop degli anni 90, così ricco di riferimenti da essere completamente nuovo. Un post-pop fatto con tutti gli ingredienti disponibili, capace di restare freschissimo e inarrivabile anche dopo una decina di anni.
Qui troviamo un po' tutti i periodi degli Stereolab fino alla tragica scomparsa di Mary Hansen: si va dalla ruvida dolcezza krauteggiante di "Jenny Ondioline" all'incontro con Jim O'Rourke e John McEntire, testimoniato da "Captain Easychord". Il momento più rappresentato è quello a cavallo fra prima e seconda metà degli anni 90, quando gli Stereolab avevano trovato la formula di un pop perfetto e soprattutto moderno, nuovo. A ricordarcelo ci sono ben cinque Ep: i due tratti da "Mars Audiac Quintet", i due di "Emperor Tomato Ketchup" e "Fluorescences". Dentro ci sono tante storie. Quella della Cenerentola "French Disco", relegata al lato B e divenuta poi principessa dell'airplay, come quella di "The Noise Of Carpet", il cugino americano di "Cybele's Reverie".

Se a fare la parte del leone sono i brani più noti, che sono probabilmente anche i più belli, è nella scoperta di qualche piccola gemma che risiederà la soddisfazione dell'ascoltatore più smaliziato. Ne citiamo tre solamente, ma sono di più. Il dolce duetto Sadier-Hansen in "With Friends Like These". Il buffo intermezzo di "Moodles", un horror cartoonesco in mezzo a una tipica filastrocca sognante di marca Sadier che passa sopra ogni cambio di ritmo. "Les Yper Yper Sound", una strumentale che nulla ha a che vedere con la canzone quasi omonima e alla quale i Trans Am non possono restare indifferenti.
Ovviamente non tutto è perfetto: forse un ordine cronologico dei brani sarebbe stato preferibile. Proprio come allora, poi, la versione editata di "Jenny Ondioline" è un Michael Jordan di 80 centimetri (fa meglio la versione alternativa) e qualche canzone rivela inevitabilmente la sua natura di "seconda scelta". D'altra parte è anche improbabile che in nove Ep siano contenuti soltanto capolavori. Però fra scarti solo all'apparenza e alcune delle perle più preziose che gli Stereolab hanno disseminato sul loro cammino ultradecennale, ognuno dei tre dischi ha tanto da dire, tantissimo.

Il Dvd, infine, sebbene non particolarmente ricco, si rivela prezioso. Contiene, infatti, tutti i video della band (altrimenti introvabili), quasi esclusivamente frutto del sodalizio artistico con Nick Abrahams. Se decisamente non si può parlare di bellezza vera e propria, di sicuro si può dire che queste immagini dalla grana grossa, volutamente fin troppo naif, crearono una vera e propria categoria estetica. Completa la sezione video un bel terzetto di esibizioni dal vivo, imperdibili per avere un'immagine di quanto perfette fossero le dinamiche sul palco, dell'invidiabile amalgama (encomiabile tanto più che i membri fissi del gruppo erano solo quattro), nonché della maestria dei registi della Bbc: un confronto sarebbe a dir poco umiliante per quelli di casa nostra che provano a cimentarsi con la musica in televisione.

Per concludere non resta che fare un appello. Lo hanno già scritto altri, ma Onda Rock si unisce con convinzione alla richiesta. Adesso vogliamo una raccolta con i singolini che, nel corso degli anni, sono stati venduti solo ai concerti.


P.S. per i collezionisti: Le prime edizioni del cofanetto contengono anche otto adesivi 12x12 delle copertine degli Ep inglesi di questa raccolta.

P.P.S. per i feticisti: Il tutto ha un odore da sballo.
  • Tracklist

CD1:

  1. Fluorescences
  2. Allures
  3. Fruition
  4. Wow And Flutter
  5. With Firends Like These
  6. Pinball
  7. Spinal Column
  8. Ping Pong (unreleased Lp Version)
  9. Golden Ball
  10. Cybele's Reverie
  11. Nihilist Assault Group (Parts 1,2 & 3)
  12. Off On


CD2:

  1. Jenny Ondioline
  2. Young Lungs
  3. Escape Pod (From The World Of Medical Observations)
  4. Moodles
  5. You Used To Call Me Sadness
  6. Captain Easychord
  7. Les Aimies Des Memes
  8. French Disco
  9. Transona Five (Live)
  10. Moogie Wonderland
  11. Canned Candies
  12. Narco Martenot


CD3:

  1. The Noise of Carpet (US single)
  2. The Free Design
  3. Les Yper Yper Sound
  4. Pain Et Spectacles
  5. Ping Pong
  6. Long Life Love
  7. Jenny Ondioline (Alternate Version)
  8. Heavy Denim
  9. Brigitte
  10. Miss Modular
  11. Soop Groove #1


DVD:

  1. Jenny Ondioline (Uk Promo)
  2. Ping Pong (Uk Promo)
  3. Wow And Flutter (Uk Promo)
  4. Cybele's Reverie (Uk Promo)
  5. Fluorescences (Uk Promo)
  6. Miss Modular (Uk Promo)
  7. The Free Design (Uk Promo)
  8. The Noise Of Carpet (Uk Promo)
  9. French Disko (Uk Promo)
  10. Cybele's Reverie (Later With Jools Holland)
  11. Les Yper Sound (Later With Jools Holland)
Stereolab su OndaRock
Recensioni

STEREOLAB

Not Music

(2010 - Duophonic / Drag City)
Un opaco arrivederci - o forse un addio - dopo vent'anni di tastiere vintage e filastrocche contagiose ..

STEREOLAB

Chemical Chords

(2008 - 4AD)
Un nuovo ritorno per la matura coppia Gane-Sadier, sempre fedele a se stessa

STEREOLAB

Fab Four Suture

(2006 - Too Pure)

STEREOLAB

Margerine Eclipse

(2004 - Elektra)

STEREOLAB

Sound-dust

(2001 - Elektra)

STEREOLAB

Transient-Random Noise Bursts With Announcements

(1993 - Elektra)
Il capolavoro della band che nel decennio 90 ha coniato un nuovo stile di "pop retrofuturista"

Speciali



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.