Aa. Vv. (Miss Kittin)

Live At Sonar

2006 (Virgin) | tech-house

Miss Kittin la conosciamo tutti: eroina tutta pepe della scena clubbing internazionale ormai da diversi anni, produttrice di grido e dj rinomata e ricercata in tutto il mondo, nonché baluardo di una scena che, nel suo motore, di femminile ha sempre avuto ben poco (facendo, ovviamente, le dovute eccezioni). Il Sonar poi è uno dei capisaldi nella scena festival estiva, un happening di più giorni che accoglie ormai dal 1997 il meglio della scena elettronica mondiale nel centro di Barcellona.

Le premesse per ascoltare qualcosa di piacevole, dunque, ci sono tutte, interessante sarà scoprire se il connubio fra la produttrice teutonica e la manifestazione spagnola è andato a buon fine.
Inserendo il cd e ascoltando i primi minuti di "Azure Azure" (Tim Hecker) si percepisce subito una costante di tutto il live che non poco influenzerà la godibilità: una qualità audio pessima, segnata da un equalizzazione mixer/pubblico non azzeccata e di una resa del suono estremamente piatta e oltremodo sporca, le differenze con la versione "bootleg" in circolo da diversi mesi sono, infatti, appena percettibili (almeno questa non aveva i terribili taglia e cuci che non poco tolgono a un dj-set ).

Veniamo ora alla selezione, anche qui la Francese volante non riesce a impressionare: dai remix techno-electro-ambient di suoi brani famosi ("Happy Violentine" e "Requiem For A Hit") a riproposizioni di brani della fruttuosa produzione a quattro mani con The Hacker - "Masterplan", "Stock Exchange (Live Version)" e "1982 (Live Version)" - passando per i produttori più in voga al momento ("Dexter" di Villalobos, "Turn Deaf!" di Modeselektor e un remix di Boom Bip ad opera dei celebrati Boards Of Canada) condendo il tutto con una interessanta spruzzata Techno ("Philus" di Kuvo) e alcuni anthem della generazione elettronica 90's ("Madame Hollywood" di Felix Da Housecat, "Window Licker" di Aphex Twin e "Traumvogel" degli Orb). Una serie di brani che non colpiscono, restano sospesi fra il moto e la staticità, fra una ricerca di minimalismo e un desiderio di divertirsi, restano piatti come il suono della registrazione e fanno di un live potenzialmente interessante una delusione totale.

(01/03/2006)

  • Tracklist
  1. Azure Azure - Tim Hecker
  2. Happy Violentine - Miss Kittin
  3. Kuvio 3 - Philus
  4. Masterplan - The Hacker Feat. Miss Kittin
  5. Track 4 - Sleeparchive
  6. Madame Hollywood - Felix Da Housecat Feat. Miss Kittin
  7. Requiem For A Hit - Miss Kittin
  8. Turn Deaf! - Modeselektor
  9. Professional Distortion - Miss Kittin
  10. Software Version - Arpanet
  11. Stock Exchange - Miss Kittin
  12. 1982 - Miss Kittin
  13. Window Licker - Aphex Twin
  14. Dexter - Ricardo Villalobos
  15. The Difference It Makes - The MFA
  16. Traumvogel - The Orb
  17. Last Walk Around Mirror Lake - Boom Bip
  18. The End
Miss Kittin su OndaRock
Recensioni

MISS KITTIN

Calling From The Stars

(2013 - wSphere)
La producer francese in un doppio disco dalle grandi ambizioni

News
Aa. Vv. (Miss Kittin) on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.