Thee Oh Sees

Warm Slime

2010 (In The Red) | psych-garage

I californiani Thee Oh Sees non conoscono soste e mezze misure. Da circa quattro anni sguazzano nei circuiti indipendenti californiani versando pattume garage, riverberi dal ph non pervenuto misti a melodie talmente cazzute da far impallidire i Black Lips più ispirati dall'altra parte degli States. Tutto ruota intorno a John Dwyer, leader incontrastato del gruppo, coinvolto anche in altri progetti paralleli, tra i quali spiccano The Hospitals, Burmese, Yikes, The Netmen (con Brian Gibson dei Lightning Bolt), Coachwhips e Pink and Brown.
Ma è con la suadente (?) Brigid Dawson che il talentino di San Francisco trova l'incastro ideale per le sue alterazioni. E così, dopo cinque album di pregevole fattura, una serie impressionante di esibizioni dal vivo e produzioni domestiche, con il qui presente "Warm Slime" i
Thee Oh Sees liberano a sorpresa tutto il calore psichedelico racchiuso nei loro plettri, generando in un sol colpo un vero e proprio flusso acid-rock magnetico, ossessivo, esagitato da esclamazioni freak dadaiste e stop&go catartici. Perchè i tredici minuti di ordinaria follia dell'open/title-track racchiudono questo e ben altro. Con essi, Dwyer frantuma il suo passato, composto perlopiù da guizzi garage-punk spensierati, essenziali, diretti. 

Tutto il resto è la leggiadria surf di "I Was Denied", il tam-tam bizzarro da parata sudista (!) di "
Everything Went Black", l'irrequietezza sonica di "Castiatic Tackle", l'implosione blues di "Flash Bats" (registrata a debita distanza da qualsiasi diffusore), l'ironia tediosa à-la Nikki Sudden di "Mega-Feast", e la banalità ostentata con la consapevolezza del provocatore alienato della conclusiva "Mt Work". Sei schiaffi posti sul piatto nel tentativo di risvegliarci gradualmente dall'estenuante stupore iniziale.

In sostanza, con "Warm Slime" i Thee Oh Sees sono riusciti ad imbrigliare follia e seduzione con la sfacciataggine dei vecchi devastatori della Bay Area.
Un piccolo miracolo da custodire morbosamente.

(01/09/2010)

  • Tracklist
  1. Warm Slime
  2. I Was Denied
  3. Everything Went Black
  4. Castiatic Tackle
  5. Flash Bats
  6. Mega-Feast
  7. MT Work
Thee Oh Sees su OndaRock
Recensioni

THEE OH SEES

Smote Reverser

(2018 - Castle Face)
Sempre più libera e guizzante, la band di John Dwyer regala un degno successore a "Orc"

OH SEES

Orc

(2017 - Castle Face)
La band californiana perde l'articolo ma non il vizio

OCS

Memory Of A Cut Off Head

(2017 - Castle Face)
Arcadica digressione folk per la bestia di John Dwyer

THEE OH SEES

A Weird Exits

(2016 - Castle Face)
La band californiana prosegue il proprio viaggio, approdando in territori motorik

THEE OH SEES

An Odd Entrances

(2016 - Castle Face)
Il gemello eterozigote di "A Weird Exit", esercizio marginale in consolidamento

THEE OH SEES

Mutilator Defeated At Last

(2015 - Castle Face)
Un nuovo inizio per la band di John Dwyer

THEE OH SEES

Drop

(2014 - Castle Face)
Disco vacanziero per John Dwyer in licenza dai suoi sodali

THEE OH SEES

Floating Coffin

(2013 - Castle Face)
I nuovi villaggi Potëmkin di John Dwyer e della sua ghenga

THEE OH SEES

Putrifiers II

(2012 - In The Red)
La band garage-psych rallenta la produzione con buoni risultati

THEE OH SEES

Carrion Crawler/ The Dream

(2011 - In The Red)
La prova più felice della compagine di John Dwyer, dal nobile revival psych a un nuovo immaginario ..

THEE OH SEES

Castlemania

(2011 - In The Red)
Lo sfarfallante "Sunshine Pop Album" degli Oh Sees, gioiellino incompreso

THEE OH SEES

Help

(2009 - In The Red)
Disco di consolidamento per la band di San Francisco

THEE OH SEES

Dog Poison

(2009 - Captured Tracks)
L'inquietante e malsano lunapark di un John Dwyer in licenza dai sodali

THEE OH SEES

The Masterís Bedroom Is Worth Spending A Night In

(2008 - Castle Face)
Piccolo cambio di nome, gran cambio di passo per la creatura di John Dwyer

THE OHSEES

The Hounds Of Foggy Notion

(2008 - Castle Face)
Struggente canto del cigno per la band che ritornerà sotto le spoglie di una fenice psych-rock ..

News


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.