Idaho

You Were A Dick

2011 (Self-released) | sadcore, songwriter

Se c'è qualcuno per cui la musica ha ancora un valore preciso, per se stesso prima ancora che per gli altri, catartico ed evocativo, questi è Jeff Martin. Da sempre figli cadetti dell'ondata slow-core dei primi anni 90, gli Idaho tornano ora a un'attività che pareva perdere progressivamente i propri punti di riferimento, spegnendosi lentamente. Solo due, infatti, sono stati gli Lp inediti pubblicati in tutto il decennio scorso, l'ultimo dei quali ("The Lone Gunman", del 2005) già pesantemente influenzato dall'attività con cui Martin si guadagna da vivere, la composizione di colonne sonore.
La ripubblicazione congiunta, nel 2008, di "Alas" e "The Forbidden Ep" ha ridato linfa al progetto e convinto Martin che non valeva pena di mettere gli Idaho nel cassetto, per quanto ormai la band sia confinata ormai alla propria johnstoniana espressione, dato che il cantautore di Los Angeles esegue interamente i dischi che escono sotto il nome della sua band.

Una certa trasandatezza filtra da questo "You Were A Dick", già nel titolo e nella scelta di ammassare ben quindici tracce, che Martin non ha forse il coraggio di selezionare. Eppure, nonostante il filo di voce con cui il Nostro si lascia andare alle proprie scarne confessioni, reminiscenti della orgogliosa nudità underground di Jenn Ghetto e dei Carissa's Wierd, le canzoni del disco riflettono un ordine caotico, un microcosmo febbrile del minimalismo di un pianoforte, di un beat sintetico e le parole laconiche di un cantante assai poco dotato, abbandonando quasi del tutto anche il marchio di fabbrica della chitarra a quattro corde.
Jeff Martin realizza però il miracolo di dare vita, nella solitudine di un appartamento di periferia, a un pugno di note, lasciandolo germogliare con sempre misurati ausilii sintetici in un'emotività atomica ma pregna di significato, nonostante il relativo agio di un artista giunto ormai alle soglie della mezz'età. Un'espressività, appunto, dolcemente matura per la maggior parte del disco, dalle parti di Owen (la title track, "The Setting Sun") e di Robin Proper-Sheppard, anche se sprazzi ovattati dell'antico furore riemergono in "The Space Between".

Il minimalismo del disco, se posto in relazione con la sua riuscita emotiva, non è che la manifestazione della facilità di scrittura di Martin, la cui raffinatezza di autore è solo blandamente mascherata dalla scarsità di mezzi. Un autore e una band che meritano di essere non solo riscoperti ma elevati al rango che loro spetta nell'immaginario musicale americano.



(04/07/2011)



  • Tracklist
  1. You Were A Dick
  2. Weigh It Down
  3. Reminder
  4. Impaler
  5. Structure
  6. The Serpent & The Shadow
  7. The Happiest Girl
  8. Someone To Relate To
  9. The Space Between
  10. Up The Hill
  11. A Million Reasons
  12. The Setting Sun
  13. Flames
  14. What Was That
  15. Waited For You
Idaho su OndaRock
Recensioni

IDAHO

Forbidden Ep - Alas

(2008 - talitres)

Ritorna la magia degli Idaho, anche se solo per un repackage di due Ep

Idaho on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.