Thee Oh Sees

Carrion Crawler/ The Dream

2011 (In The Red) | psych-rock

I Thee Oh Sees di John Dwyer, nello stesso anno del deludente "Castlemania", forse ancora preda dei capricci della mente del progetto, pervengono - con il doppio Ep "Carrion Crawler/The Dream" - alla loro uscita più felice di sempre. La nuova ricetta punta dritta a un suono impulsivo, detonante e senza posa, e al contempo stabile, organico e adulto. Le scariche che innervano le canzoni si rifanno sia ai grandi act del glorioso passato del rock lisergico sia alla psicosi della fine anni 70, cavandone una portentosa via media per le nuove generazioni.

"Carrion Crawler" apre (letteralmente) le danze con un riff e un andamento prossimi all'"Interstellar Overdrive" dei Pink Floyd: stessa propulsione suicida, stessa furia imperterrita, una baraonda forse non così collettiva ma ugualmente sfaldata in senso acido. Il riff solenne riverberato, il canto innodico, il passo marziale di "Robber Barons" sono gli ingredienti dell'ultimo ritrovato in fatto di nobile revival psichedelico. "Chem Farmer" è un baccanale senza voce, ma anche più virulento nei suoi accordi blues al fulmicotone, avviluppati in cortine di echi e convogliati in galoppate tribali.
"The Dream" abbatte altre frontiere. È la più anthemica e motorik della collezione. Il canto cadenzato modello aria medievale si staglia fantasmagorico in una jam demoniaca, bloccata - come in un maleficio - tra stasi, ipercinesi nevrotica ed esplosioni scalmanate. Al di sotto della crosta di genere garage-rock, "Wrong Idea" è nient'altro che uno scherzo armonico ribollente, il cui canto inintelligibile non fa altro che seguirne le convoluzioni dinamiche. "Crack In Your Eye" riprende da dove finiva "The Dream", con attacco a mo' di armonico da sciamano reso con la pura distorsione, battito da cerimoniale gotico e squittii stridenti di voce.

Ampliando il già vasto spettro "Contraption/Soul Desert" fa volare in orbita i B 52's (un'orbita tutta new wave, pungente in senso psychobilly), con un turbinio ossessivo e sempre più scalmanato. Una delle loro creazioni più spaccanti. "Opposition" è l'unico vago ricordo del loro power-pop del passato prossimo, qui però potenziato con fare hardcore. "Crushed Grass" è un altro rinnovamento infuocato del garage-wave dei B 52's, e "Heavy Doctor" suona come se David Byrne fronteggiasse degli Animals acidificati al massimo.

Estremi attributi confluiscono in questa fionda d'album. I membri e la loro distribuzione, per cominciare: la chitarra di Dwyer, hendrixiana fino al midollo per il suo disturbante contrappunto, il canto di Brigid Dawson, una cantante d'opera divenuta afona, la seconda chitarra atmosferica di Peter Dammit. Soprattutto, un plauso va alla sezione ritmica, la doppia batteria di Michael Shoun e Lars Finberg. Ma anche al loro districarsi nei generi del cuore, quelli della San Francisco "acida", storica, gloriosa, da dove provengono, e in mescole velenose che danno vita a un nuovo immaginario forte. Come quello riassunto dal disegno di copertina, disegnato da Elzo. Dedicato alla memoria di Jay Reatard, Jerry Fuchs e Gerard Smith.

(09/02/2012)

  • Tracklist
  1. Carrion Crawler
  2. Contraption/Soul Desert
  3. Robber Barons
  4. Chem Farmer
  5. Opposition (With Maracas)
  6. The Dream
  7. Wrong Idea
  8. Crushed Grass
  9. Crack In Your Eye
  10. Heavy Doctor
Oh Sees su OndaRock
Recensioni

OH SEES

Face Stabber

(2019 - Castle Fox)
Il torrenziale psych-rock della band californiana in ottanta minuti che confermano un'invidiabile continuità ..

THEE OH SEES

Smote Reverser

(2018 - Castle Face)
Sempre più libera e guizzante, la band di John Dwyer regala un degno successore a "Orc"

OH SEES

Orc

(2017 - Castle Face)
La band californiana perde l'articolo ma non il vizio

OCS

Memory Of A Cut Off Head

(2017 - Castle Face)
Arcadica digressione folk per la bestia di John Dwyer

THEE OH SEES

A Weird Exits

(2016 - Castle Face)
La band californiana prosegue il proprio viaggio, approdando in territori motorik

THEE OH SEES

An Odd Entrances

(2016 - Castle Face)
Il gemello eterozigote di "A Weird Exit", esercizio marginale in consolidamento

THEE OH SEES

Mutilator Defeated At Last

(2015 - Castle Face)
Un nuovo inizio per la band di John Dwyer

THEE OH SEES

Drop

(2014 - Castle Face)
Disco vacanziero per John Dwyer in licenza dai suoi sodali

THEE OH SEES

Floating Coffin

(2013 - Castle Face)
I nuovi villaggi Potëmkin di John Dwyer e della sua ghenga

THEE OH SEES

Putrifiers II

(2012 - In The Red)
La band garage-psych rallenta la produzione con buoni risultati

THEE OH SEES

Castlemania

(2011 - In The Red)
Lo sfarfallante "Sunshine Pop Album" degli Oh Sees, gioiellino incompreso

THEE OH SEES

Warm Slime

(2010 - In The Red)

Follia e seduzione garage nel disco più schizzato della band di San Francisco

THEE OH SEES

Help

(2009 - In The Red)
Disco di consolidamento per la band di San Francisco

THEE OH SEES

Dog Poison

(2009 - Captured Tracks)
L'inquietante e malsano lunapark di un John Dwyer in licenza dai sodali

THEE OH SEES

The Masterís Bedroom Is Worth Spending A Night In

(2008 - Castle Face)
Piccolo cambio di nome, gran cambio di passo per la creatura di John Dwyer

THE OHSEES

The Hounds Of Foggy Notion

(2008 - Castle Face)
Struggente canto del cigno per la band che ritornerà sotto le spoglie di una fenice psych-rock ..

News
Thee Oh Sees on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.