Ronin

Adagio furioso

2014 (Santeria) | alt-rock

Il percorso dei Ronin di Bruno Dorella approda ad "Adagio furioso" espandendo le intonazioni classicheggianti del diseguale "Fenice", e anzi facendone una ragione sociale vera e propria. La compagine, più che la musica rock, sembra ora voler esplorare le virtù barocche dell'olimpo della musica strumentale del Seicento.

Apre il triste tema de "La cinese" (8 minuti) per chitarra noir e archi, che per un po' segue gli avvicendamenti dell'adagio di Albinoni e quindi si sfalda in una stasi drammatica, e - alla fine - "Ex" riprende questo canone aggiungendovi anche una sorta di variazione heavy metal. Così la marcia misteriosa di "Caligula", dagli incessanti ricami di batteria e dai continui contrappunti, è sviluppata con un procedimento che ricorda più Pachelbel che i Godspeed. E l'austera sarabanda della title track mima Bach in un impianto di ballata psych-pop.

Al di fuori di queste esplorazioni, nuove aggiunte al loro carnet sono gli accenti jazz di "Catfish" e quelli blues alla John Lee Hooker - ma sintonizzati con il groove dei Battles - in "Preacher Man", una piccola jam il cui "assolo" è un delirante campionamento parlato, e soprattutto "Gilgamesh", dove al loro tipico incrocio tra post-rock e folk-punk si aggiunge la suspense sincopata della "Black Magic Woman" di Peter Green (e un'evoluzione di flauto traverso).

Concepito e composto dal solo Dorella, ma rinforzato da una line-up totalmente rinnovata (Cristian Naldi alla chitarra, Diego Pasini al basso, Matteo Sideri alla batteria) che trasforma un alto mestiere in dotto vocabolario. Manca la profondità? Vi sopperisce l'impeccabilità. Archi a cura di Manzan, ma il violino della title track è di Matt "Sieben" Howden; flauto di Claudia Muratori. Ancora un'inutile traccia cantata come nel predecessore: "Far Out" (Francesca Amati). Edizione in vinile edita da Tannen. Seguito dall'Ep di scarti "Stalingrad" (2015) e dallo split con gli Uyuni "Split Ep #1" (2015).

(17/12/2014)

  • Tracklist
  1. La cinese
  2. Ravenna
  3. Gilgamesh
  4. Caligula
  5. Far Out
  6. Adagio furioso
  7. Catfish
  8. Preacher Man
  9. Ex
Ronin su OndaRock
Recensioni

RONIN

Fenice

(2012 - Santeria)
La rinascita dalle ceneri per la band di Dorella: nuove ambizioni, nuovi climi, nuova coscienza ..

RONIN

L'ultimo re

(2009 - Ghost)
Il sunto preciso e maestoso dell'opera del complesso di Bruno Dorella, a due passi dal "cantautorato ..

RONIN

Vogliamo anche le rose Original Soundtrack

(2008 - Warner)
La compilazione cinematica della band di Dorella per l'opera terza di Alina Marazzi

RONIN

Lemming

(2007 - Ghost Records)
Il nuovo lavoro di Bruno Dorella e soci, tra suoni cinematici e suggestioni cantautorali

Ronin on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.