Sun Kil Moon

Universal Themes

2015 (Caldo Verde) | sad-core, sad-folk

Quelli che mi lasciano proprio senza fiato sono i libri che quando li hai finiti di leggere e tutto quel che segue vorresti che l'autore fosse tuo amico per la pelle e poterlo chiamare al telefono tutte le volte che ti gira.

Pensiamoci bene: per quante delle effimere star della musica contemporanea potremmo usare questa celebre frase de “Il giovane Holden”? Per uno come Mark Kozelek non solo vale, ma suona perfettamente in sintonia con il suo nuovo “Universal Themes”, un disco che, nelle sue confessioni buttate giù in una stanza d’albergo, suona come una telefonata notturna a un vecchio amico.
Ma forse c’è ancora di più, in questa nuova vita “sotto i riflettori” di Kozelek, che sembra aver (già?) raggiunto quell’età in cui ci si può permettere di parlare, in musica o no, senza alcun filtro, orchestrando polemiche e invettive anche deteriori, buttandosi in pasto al pubblico, chi lo ama e chi lo odia, chi è geloso perché lo segue da sempre, chi è esaltato da incontrare un nuovo amico con così tanto da raccontare.

Ciò che rimane di questo rumore, di questi pezzi da dieci minuti in cui si può trovare di tutto (o una sua eco, piuttosto), da aperture epico-bucoliche alla “Ghosts Of The Great Highway” agli aulici arpeggi di “Admiral Fell Promises”, senza farsi mancare lo scarno rap depresso di “Benji”, è semplicemente e sempre di più Mark Kozelek stesso: sembra di seguirlo mentre va “con grazia in bagno per piangere”, o appoggiato alla balaustra del balcone della sua stanza d’albergo, fino a quando si ha l’impressione ormai non che sia un amico di sempre, ma di essere proprio lui. Non solo un artista che diventa la sua arte, ma anche il suo fruitore che ne diventa parte, più che in un’illusoria vertigine, in un esasperato voyeurismo.
Il pubblico di Kozelek vuole questo: sapere dov’è stato quest’anno (ad esempio, lo racconta diverse volte, ha girato qualche scena di “Youth”), e lui l’ha capito benissimo, e così i pezzi di “Universal Themes” sono ancora più claustrofobici e ossessivi, lunghe digressioni di eziologia dell’anima in cui il contenuto musicale si esaurisce ben presto.

Ma l’esasperazione di questa autoreferenzialità è ancora proprio uno dei segreti del successo del nuovo Sun Kil Moon, e così questi tratti di “Benji” si trovano amplificati in “Universal Themes”, la scrittura ormai praticamente una base improvvisata coi propri schemi precostruiti, le interpretazioni vocali trasandate e spinte all’estremo, le soluzioni capricciose ed estemporanee.
L’espressione artistica in quanto tale sembra insomma secondaria rispetto all’immagine sciamanica di Kozelek, ormai pericolosamente vicino a essere solamente vate di sé stesso, e di tutti quelli che hanno voglia di prender su la cornetta del telefono per sentirlo parlare ininterrottamente, per ore, fino a quando la sua voce non si confonda con il rumore del mondo. Durerà, questa sorta di ipnosi collettiva? Vedremo.

(06/06/2015)

  • Tracklist
  1. The Possum
  2. Birds Of Flims
  3. With A Sort Of Grace I Walked To The Bathroom To Cry
  4. Garden Of Lavender
  5. Cry Me A River Williamsburg Sleeve Tattoo Blues
  6. Ali/Spinks 2
  7. Little Rascals
  8. This Is My First Day And I’m Indian And I Work at A Gas Station
Sun Kil Moon su OndaRock
Recensioni

SUN KIL MOON

Welcome To Sparks, Nevada

(2021 - Caldo Verde)
Il ritorno di Mark Kozelek con un disco uscito in sordina, dopo mesi di rinvii

MARK KOZELEK

Mark Kozelek

(2018 - Caldo Verde)
Logorrea e impressionismo nel nuovo doppio cd a cura dell'ex-Red House Painters

SUN KIL MOON

Common As Light And Love Are Red Valleys Of Blood

(2017 - Caldo Verde)
Mark Kozelek e le sue nuove ossessioni, in un doppio cd

JESU / SUN KIL MOON

Jesu/Sun Kil Moon

(2016 - Caldo Verde)
Il prolifico cantautore dell'Ohio recluta al suo fianco la leggenda dei Godflesh

SUN KIL MOON

Benji

(2014 - Caldo Verde)
Il commovente nuovo lavoro di Mark Kozelek, una vita messa in musica

MARK KOZELEK & JIMMY LAVALLE

Perils From The Sea

(2013 - Caldo Verde)
Inatteso e sorprendente, l'incontro tra Sun Kil Moon e The Album Leaf

MARK KOZELEK & DESERTSHORE

Mark Kozelek & Desertshore

(2013 - Caldo Verde)
Forte aria di Red House Painters nella nuova collaborazione di Kozelek

SUN KIL MOON

Among The Leaves

(2012 - Caldoverde)
Dal lavoro meno ispirato di Kozelek emerge un'inaspettata vena ironica

SUN KIL MOON

Admiral Fell Promises

(2010 - Caldo Verde)
Sola voce e chitarra per le confessioni di Mark Kozelek al suo diario più intimo ..

SUN KIL MOON

April

(2008 - Caldo Verde)

La classe di Mark Kozelek torna ai suoi massimi livelli

SUN KIL MOON

Tiny Cities

(2005 - Caldo Verde)

News
Live Report
Speciali

Sun Kil Moon on web