Mavis Staples

Livin' On A High Note

2016 (ANTI-) | soul, r&b, gospel

Mavis Staples ha avuto, sulla musica black nel suo complesso, un’influenza difficile da quantificare e mettere su carta. Un’autentica queen – in un’epoca in cui del suddetto termine sono in molti ad abusare – dell’universo soul/r&b/gospel; capace di tessere, con la sua voce da baritono, trame ultraterrene cariche di spiritualità, e di farlo con stupefacente continuità.
Anche nel 2016, perciò, ci ritroviamo ad ascoltare l’ultima fatica della Staples, constatando come il tempo trascorso non ne abbia scalfito il mito e men che meno la possente voce. Ne sono passati di anni – e di mode, musicali e non – da quando, tra le fila familiari degli Staple Singers, metteva il suo talento a disposizione delle campagne pacifiste del pastore Martin Luther King; da quando, qualche decade più in là, quello stesso talento diveniva malleabile nelle sapienti mani dei discografici Stax, di Curtis Mayfield e infine di Prince. Eppure già i precedenti due album, supervisionati da Jeff Tweedy dei Wilco (“You Are Not Alone” e “One True Vine”), ci avevano restituito una Mavis Staples in stato di grazia e saldamente sul trono, con sul viso stampato il suo rassicurante sorriso.
 
“Livin’ On A High Note” non fa che confermare tale impressione seppur, complessivamente, l’album risulti meno convincente dei suoi due, sopracitati predecessori. La produzione di M. Ward, per quanto sentita e generosa, non conferisce al lavoro le stesse linee-guida, tipicamente folk, di cui era stato capace Tweedy. L’effetto “patinato” e di “appiattimento” è perciò un rischio latente, che viene meno per merito della varietà di firme messesi al servizio della Staples per l’occasione.
Spaziando da un’intimità suadente (“Dedicated” di Justin Vernon) a inni gioiosi (ora a tinte country-gospel, “Love And Trust” di Ben Harper; ora maggiormente blues-rock, “High Note” di Valerie June), passando per episodi tipicamente soul (“Tomorrow” di Aloe Blacc e “If It’s A Light” di The Head And The Heart), è la performance della regina Mavis a tenere egregiamente insieme il tutto.

Nonostante le canzoni siano piacevoli all’ascolto, è altrettanto vero che non siano presenti picchi autoriali. Con una eccezione: Nick Cave appone la sua dedica a Mavis Staples in chiusura del disco; e il binomio tra l’autore e la performer ci regala, in definitiva, l’episodio che sbaraglia la concorrenza. “Jesus Lay Down Beside Me” è un gospel elettrico, corale, marchiato Cave sino al midollo: desolato, raffinato, disperato, provocatorio (si domanda a Gesù se abbia lui bisogno di un aiuto, di conforto).
 
“Livin’ On A High Note” non è un album necessario, né particolarmente originale nel suo sviluppo. Ma se ciò di cui andate in cerca è classe, carisma, soul (nel suo significato letterale) e di una interprete capace di trasmettervi tutto ciò, la vostra ricerca troverà qui il suo approdo.

(12/04/2016)

  • Tracklist

1. Take Us Back
2. Love And Trust
3. If It’s A Light
4. Action
5. High Note
6. Don’t Cry
7. Tomorrow
8. Dedicated
9. History Now
10. One Love
11. Jesus Lay Down Beside Me
12. MLK Song

Mavis Staples su OndaRock
Recensioni

MAVIS STAPLES

One True Vine

(2013 - Epitaph)
Asciutto e essenziale, il nuovo album di Mavis Staples viaggia verso i confini del country-gospel

MAVIS STAPLES

You Are Not Alone

(2010 - Anti)

Una delle ultime grandi interpreti soul, in un disco scritto e prodotto con Jeff Tweedy

News
Mavis Staples on web