King Gizzard & The Lizard Wizard

Murder Of The Universe

2017 (Heavenly) | psych-rock

Suddiviso in tre capitoli, il secondo assalto sonoro dei King Gizzard And The Lizard Wizard per il 2017 pesca senza pudore nell’immaginario hard-rock anni 70, con un tono epico che ancora una volta rimanda agli Hawkwind, alterando la materia con una vacuità lirica che simboleggia la catarsi antropica dei tempi correnti.
“Murder Of The Universe” è un concept-album sull’apocalisse della razza umana e sul predominio dell’intelligenza artificiale, la stessa che sembra aver ideato le poche e ripetitive idee eufoniche dell’album.

Incoerente, banale e insulso come pochi altri, il nuovo disco della band australiana è la celebrazione terminale del pensiero di concept-album, una cavalcata psichedelica in cui i cliché di genere si trasformano in un groove asettico e nichilista. Il rischio di un progetto così azzardato è quello di restare vittima dei suoi stessi presupposti: il viaggio all’inferno dei King Gizzard And The Lizard Wizard non è infatti esente da bruciature e corrosioni emotive, un delirio speculativo su un’immaginaria lotta tra il bene e il male.
Ancora una volta la band mette a disposizione del proprio approccio garage-rock-psych una materia sonora più complessa, ed è alquanto stimolante ascoltare il recitato tipico di una rock-opera su una piattaforma musicale così ossessiva e ripetitiva, un ibridazione a tratti volutamente disturbante che culmina nella parabola finale di “Vomit Coffin”.

La sempre presente irrazionalità ideologica evita cadute di tono, anche se il primo segmento “The Tale Of The Altered Beast” mostra i primi segni di cedimento creativo.
Il fascino della loro musica resta comunque sempre vertiginoso (“Altered Beast 1”) e difficilmente quest’album deluderà i fan del gruppo, anzi, ne amplierà il potere mesmerico proprio in virtù dell’intensa storia apocalittica e sci-fi che sottende il tutto.
L’energia devastatrice delle incandescenti chitarre in acido della prima parte è sì disturbante, ma serve a introdurre (“Life/Death”) le più profonde pagine della seconda sezione “The Lord Of Lightening Vs. Balrog”: un pamphlet ricco di metafore, antonimie, ossimori e sarcasmo. I richiami alla serie “League Of Peoples” di James Alan Gardner sono evidenti non solo nei testi, che abbracciano le visioni apocalittiche sulla tecnocrazia, ma anche nell’esplicito utilizzo del personaggio Balrog (a sua volta mutuato dallo stesso Gardner dall’opera di Tolkien).
Musicalmente la seconda sezione è più vicina al cazzeggio finto-pop di “Paper Mâché Dream Balloon”, con due episodi più delineati dal punto di vista lirico, pronti a esplodere nelle sempre fiammeggianti esibizioni live (“The Floating Fire”, “The Acrid Corpse”).

Pathos e climax alle stelle per la terza sezione, “Han-Tyumi And The Murder Of The Universe”: l’ingegnosa trovata narrativa del cyborg Han-Tyumi che progetta di distruggere l’umanità con il suo micidiale vomito è in parte geniale e in parte irrisoria. Per l’occasione la band affila le armi, mettendo in scena un sound più cinematografico e visionario (“Welcome To An Altered Future”), che si avvale di alcune delle migliori canzoni del gruppo, ovvero la distruttiva “Digital Black”, l’anti-etica “Han-Tyuimi, The Confused Cyborg “), l’irriverente “Vomit Coffin” e la superba chiosa di “Murder Of The Universe”, un’orgia di rock e psichedelia con voce narrante che prima mette in fila gli elementi narrativi per poi disintegrarne la logica sequenziale.

“Murder Of The Universe” è per molti versi l’album più estremo della loro carriera, un disco che nella sua apparente debolezza lirica genera l’ennesima chiave di lettura della musica dei King Gizzard And The Lizard Wizard, ma senza garantirne la reale comprensione. L’ennesimo schiaffo e sberleffo di una band che deve ancora generare il suo capolavoro.

(26/06/2017)

  • Tracklist
  1.  A New World
  2.  Altered Beast I
  3.  Alter Me I
  4.  Altered Beast II
  5.  Altered Me III
  6.  Alter Beast III
  7.  Alter Me III
  8.  Altered Beast IV
  9.  Life/death
  10.  Some Context
  11.  The Reticent Raconteur
  12.  The Lord of Lightning 
  13.  The Balrog
  14.  The Floating Fire
  15.  The Acrid Corpse
  16.  Welcome to an Altered Universe
  17.  Digital Black
  18.  Han-Tyumi, the Confused Cyborg
  19.  Soy-protein Munt Machine
  20.  Vomit Coffin
  21.  Murder of the Universe




<
King Gizzard & The Lizard Wizard su OndaRock
Recensioni

KING GIZZARD & THE LIZARD WIZARD

L.W.

(2021 - Flightless)
Album in studio numero 17 e terzo, definitivo capitolo di musica microtonale per il gruppo psych-rock ..

KING GIZZARD & THE LIZARD WIZARD

Chunky Shrapnel

(2020 - KGLW/Flightless)
Il documento ufficiale della band di Stu MacKenzie dopo i tre album live per raccogliere fondi per i ..

KING GIZZARD & THE LIZARD WIZARD

K.G.

(2020 - KGLW)
Dopo sei album live e una raccolta di demo, la band australiana torna a incidere nuovo materiale ..

KING GIZZARD & THE LIZARD WIZARD

Fishing For Fishies

(2019 - Flightless)
Partendo da jam session blues, gli australiani realizzano il loro album pop

KING GIZZARD & THE LIZARD WIZARD

Infest The Rats' Nest

(2019 - Ato)
Quota quindici per gli australiani, questa volta alle prese con il thrash-metal e una inedita formazione ..

KING GIZZARD & THE LIZARD WIZARD

Flying Microtonal Banana

(2017 - Heavenly)
Il primo dei 5 album che la band australiana promette di pubblicare nel 2017

KING GIZZARD & THE LIZARD WIZARD WITH MILD HIGH CLUB

Sketches Of Brunswick East

(2017 - Heavenly)
La pubblicazione in cd/Lp del disco estivo offre nuove chiavi di lettura per la band australiana

KING GIZZARD & THE LIZARD WIZARD

Polygondwanaland

(2017 - Heavenly/Blood Music)
Il progressive rock si impossessa della funambolica mistura psichedelica della band australiana

KING GIZZARD & THE LIZARD WIZARD

Gumboot Soup

(2017 - Heavenly)
Il quinto tassello del folle progetto della band australiana, anticipato da una pubblicazione solo in ..

KING GIZZARD & THE LIZARD WIZARD

Nonagon Infinity

(2016 - Heavenly Recording)
Un'eclatante conferma in chiave hard-rock per il gruppo australiano

KING GIZZARD & THE LIZARD WIZARD

Oddments

(2014 - Flightless)
La rivoluzionaria bizzarria psichedelica della band australiana

KING GIZZARD & THE LIZARD WIZARD

I'm In Your Mind Fuzz

(2014 - Heavenly Recordings)
Prosegue la trance psichedelica del gruppo australiano

News
King Gizzard & The Lizard Wizard on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.