Wavves

You're Welcome

2017 (Ghostramp) | pop-punk

Nati nel 2008 in California da un idea di Nathan Williams, i Wavves sono una delle eterni promesse della musica americana, autori di un piacevole punk-pop-surf sfrontato e intelligente. Dopo uno scoppiettante esordio pseudo-garage e un felice tentativo di evoluzione strutturale e compositiva (“King Of The Beach”), la band ha goduto anche del fascino dei riflettori, grazie al prestigioso contratto con la Warner Bros e al successo di classifica dell’album “Afraid Of Heights”, che li ha portati alla corte del David Letterman Show.

“You’re Welcome” segna il definitivo ritorno di Nathan Williams e soci nella realtà della musica indipendente, séguito di un progetto condiviso con i Cloud Nothings che ha in parte riacceso le speranze dei fan, quest’ultimi parzialmente delusi dalle indecise evoluzioni di “V”. La costante della band resta la coerenza stilistica, infatti il nuovo album dei Wavves mira a recuperare quella grinta che sembrava svanita negli ultimi due album, qui riagguantata con distorsioni chitarristiche e furiosi slanci ritmici. La scelta di spingere tutto verso il limite è solo in parte vincente, se il punk-surf di “Daisy” alza subito il tono della proposta, con il trascorrere dei brani appare evidente la volontà di sopperire a una non eccelsa ispirazione aumentando semplicemente il volume.

Il ritmo quasi tribale della title track e il furioso e incendiario timbro sonoro di “No Shade” scandiscono i tempi dell’album, mettendo in evidenza quel nichilismo e quella ripetitività degli accordi da sempre contestuale alla logica ribelle e destrutturante della musica del gruppo. Purtroppo, all’improvviso l’incantesimo si spezza con una serie di canzoni superflue (“Hallowed Out”) e irritanti (“Million Enemies”), spesso indecise tra ambizione (“Dreams Of Grandeur”) e cazzeggio (“Come To The Valley”, “Stupid In Love”).
Il ritorno dei Wavves è un album in parte deludente e il tentativo di rimescolare le carte dopo la non esaltante esperienza con la Warner Bros non è del tutto riuscito, ma inevitabilmente i fan troveranno più di un buon motivo per continuare a sperare nella completa riabilitazione della band americana.

(14/07/2017)



  • Tracklist
  1. Daisy
  2. You're Welcome
  3. No Shade
  4. Million Enemies
  5. Hollowed Out
  6. Come To The Valley
  7. Animal
  8. Stupid In Love
  9. Exercise
  10. Under
  11. Dreams Of Grandeur
  12. I Love You


<
Wavves su OndaRock
Recensioni

WAVVES

V

(2015 - Warner Bros. / Ghost Ramp)
L'ottimo ritorno al passato dell'eterno ragazzino Nathan

WAVVES

Afraid of Heights

(2013 - Mom + Pop)
Il Re della spiaggia nel suo post-sbornia

WAVVES

King Of The Beach

(2010 - Fat Possum)
Tornano gli eccessi di Nathan Williams sempre più hi-fi, tra riff killer e immediatezza melodica ..

WAVVES

Wavvves

(2009 - Fat Possum)
Schegge garage in tenuta lo-fi nel secondo disco dell'irruente one man band di San Diego... ..

News
Wavves on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.